I Diritti dei disabili e delle loro famiglie attraverso il principio di libertà e di scelta

I Diritti dei disabili e delle loro famiglie attraverso il principio di libertà e di scelta

10/12/2019 0 Di Michela Silvia

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 214 volte!

Uno dei diritti fondamentali anche per i ragazzi disabili e le loro famiglie: il principio di libertà e di scelta.

Un dibattito intenso sulle linee guida per l’assistenza all’Autonomia e alla Comunicazione per gli alunni con disabilità in Sicilia

di Michela Sil­via

Da tem­po in Sicil­ia è in cor­so un ampio dibat­ti­to cir­ca quelle che dovran­no essere le nuove linee gui­da region­ali per la assis­ten­za alla autono­mia e comu­ni­cazione (ASACOM) degli alun­ni con dis­abil­ità che fre­quen­tano le scuole region­ali.
Un tavo­lo tec­ni­co, che a mio avvi­so, dovrebbe prevedere la pre­sen­za di asso­ci­azioni rap­p­re­sen­ta­tive delle famiglie di alun­ni con dis­abil­ità che si stan­no occu­pan­do del­la scrit­tura di queste nuove linee gui­da region­ali.

Il Gov­er­no Cro­cetta, nel luglio 2017, con un Decre­to dell’allora Ass. Marziano ha rego­la­men­ta­to, in pun­to di for­mazione pro­fes­sion­ale, un cor­so for­ma­ti­vo di 400/900 ore, aper­to a CHICCHESSIA per la attribuzione appun­to del­la qual­i­fi­ca pro­fes­sion­ale di ASACOM.

Final­mente, gra­zie al Gov­er­no Musume­ci, ha ris­er­va­to a tali sogget­ti il ruo­lo di eroga­tore del servizio di autono­mia e comu­ni­cazione.
L’esser­ci bat­tuti, affinché sin da tem­pi non sospet­ti, fos­se rispet­ta­to un prin­ci­pio che riten­go fon­da­men­tale in quan­to riconosci­u­to dal­la nos­tra Car­ta Cos­ti­tuzionale: il PRINCIPIO DI LIBERTÁ, final­mente viene attua­to.

La LIBERTÁ DI SCELTA dell’ASACOM da affi­an­care ai nos­tri figli.

E ciò nel rispet­to del­la lib­ertà degli oper­a­tori, di accred­i­tar­si come liberi pro­fes­sion­isti o come dipen­den­ti di enti accred­i­tati, e nel rispet­to anche di quelle famiglie che vogliono affi­dare la scelta ai respon­s­abili degli stes­si enti accred­i­tati.

Al pari del dirit­to cos­ti­tuzional­mente garan­ti­to di lib­ertà nel­la autode­ter­mi­nazione, cias­cu­na famiglia deve avere il dirit­to di scegliere l’ASACOM che ritiene più adegua­to al pro­prio figlio e ciò, para­dos­salmente, anche a pre­scindere dal­la preparazione teor­i­ca: ci sono moltissi­mi oper­a­tori, pur privi di for­mazione teor­i­ca, che da molti anni lavo­ra­no quo­tid­i­ana­mente a diret­to con­tat­to con ogni tipo di dis­abil­ità con grande sod­dis­fazione degli uten­ti e ciò al pari di oper­a­tori con for­mazione uni­ver­si­taria.

Lo stes­so Ass.to Regionale del­la Famiglia, delle politiche sociali e del lavoro, nel­la “Relazione sul­lo sta­to del servizio di assis­ten­za agli alun­ni con dis­abil­ità fisiche e sen­so­ri­ali” resa poche set­ti­mane addi­etro a fir­ma del­la Diri­gente Gen­erale dott.sa Maria Letizia Di Lib­er­ti, ha affer­ma­to, così con­fer­man­do che: “i TT.AA.RR. nazion­ali sono sta­ti con­cor­di nel rib­adire il prin­ci­pio del­la lib­era scelta indi­vid­uale” nel­la indi­vid­u­azione dell’erogatore del servizio di autono­mia e comu­ni­cazione.

Ed allo­ra, l’attenzione va pos­ta non tan­to o non solo, sul­la quan­tità degli stu­di for­ma­tivi degli oper­a­tori, quan­to sul­la CONOSCENZA che cias­cu­na famiglia di alun­no con dis­abil­ità deve avere dei dirit­ti del pro­prio figlio ed alun­no:

1) DIRITTO ALLO STUDIO, nel rispet­to delle pro­prie incli­nazioni, capac­ità e pos­si­bil­ità;

2) DIRITTO AD ESSERE ASSISTITO da un ASACOM per il numero di ore set­ti­manali ritenu­to nec­es­sario dal Grup­po H di cui fa parte la famiglia e non dal bilan­cio degli enti ter­ri­to­ri­ali;

3) DIRITTO DI SCELTA dell’operatore ASACOM.

Invi­to quin­di le famiglie di alun­ni con dis­abil­ità a non accettare la stru­men­tal­iz­zazione e/o il ter­ror­is­mo psi­co­logi­co: i nos­tri inter­es­si di gen­i­tore non devono coin­cidere con la tutela dei “posti di lavoro”.

Sono la Conoscen­za dei pro­pri dirit­ti e la Con­sapev­olez­za di cias­cuno, nelle scelte, le carat­ter­is­tiche che ci ren­dono pro­tag­o­nisti sem­pre nelle scelte che riguardano i nos­tri figli.