Il Direttore del Parco, Parrinello, risponde alla lettrice sul sentiero 981

Il Direttore del Parco, Parrinello, risponde alla lettrice sul sentiero 981

19/03/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 568 volte!

Alla cor­te­se atten­zio­ne del Diret­to­re Edi­to­ria­le Fran­ce­sca Marrucci

Alla cor­te­se atten­zio­ne del Diret­to­re Respon­sa­bi­le Fede­ri­co Ghera

Egg. Diret­to­ri,

abbia­mo let­to con atten­zio­ne la let­te­ra del­la Vostra let­tri­ce Anto­nel­la Mari­no. Sia­mo mol­to dispia­ciu­ti del fat­to che la Sig.ra Mari­no ha avu­to un impat­to nega­ti­vo nel­la sua “pri­ma visi­ta” alla nostra splen­di­da Iso­la. Per que­sto vor­rem­mo invi­tar­la, a nome del Par­co, per scu­sar­ci e pote­re far­le cono­sce­re la vera imma­gi­ne di Pantelleria.

Per scel­ta di que­sto Ente Par­co non rispon­dia­mo mai a qua­lun­que arti­co­lo o dichia­ra­zio­ni sui social che ci riguar­da­no, sia in sen­so nega­ti­vo che posi­ti­vo. Per que­sta ragio­ne, vi chie­dia­mo di ave­re i reca­pi­ti (indi­riz­zo mail) del­la Sig.ra per poter­la con­tat­ta­re e invi­tar­la a Pan­tel­le­ria o quan­to­me­no di fare cono­sce­re alla Sig.ra Mari­no la nostra inten­zio­ne e for­nir­le la nostra mail e il mio reca­pi­to telefonico.

Gra­zie per la Vostra collaborazione.

Cor­dia­li saluti,

Il Diret­to­re del Par­co Nazio­na­le del­l’I­so­la di Pantelleria

Anto­nio Parrinello

 

Caro Diret­to­re Parrinello,

innan­zi tut­to gra­zie per la rispo­sta che inol­tre­re­mo alla Signo­ra Mari­no. Chie­de­re­mo alla stes­sa let­tri­ce l’au­to­riz­za­zio­ne alla divul­ga­zio­ne del suo indi­riz­zo email (solo quel­lo abbia­mo) per gli sco­pi sopra cita­ti. Per leg­ge, non pos­sia­mo far­lo sen­za espres­sa autorizzazione.

Un rin­gra­zia­men­to sen­ti­to per l’im­por­tan­te dimo­stra­zio­ne di atten­zio­ne e vici­nan­za nei con­fron­ti, non solo dei let­to­ri, ma anche dei visi­ta­to­ri del­l’i­so­la da par­te Sua e del­l’En­te che rappresenta.

Fede­ri­co Ghera

Diret­to­re Responsabile

Fran­ce­sca Marrucci

Diret­to­re Editoriale