Lillo Di Bonsulton celebra in pantesco gli abbracci che il Covid ci ha negato

Lillo Di Bonsulton celebra in pantesco gli abbracci che il Covid ci ha negato

18/03/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 1070 volte!

Il nostro poeta pantesco, Lillo Di Bonsulton, torna sul tema Covid, purtroppo sempre presente nelle nostre vite. Stavolta però lo sguardo va oltre, a quando finalmente ci saremo liberati dal virus.

La prima cosa da fare sarà abbracciarsi, perché i rapporti umani sono quelli che più hanno risentito dell’isolamento imposto dal Covid.

Ovviamente, un inno alla speranza che Lillo ci regala come sempre in dialetto pantesco.

LA LIBERAZIONE

A finu­ta di stu virus
Quan­nu semu libirati,
A mia spet­ti­nu di certu
Un miliu­ni d’abbrazzati,

Pir­chi nud­dru comu a mia
Chi­stu virus l’ha udiatu,
E’ gasti­mi a munsiddruni
Cu giur­na­li cia’ mannatu!

Una sima­na tut­ta intera
Vogh­ju sta­ri ad abbrazzari,
Gran­ni e nichi – a tut­ti quanti
E vasu­na ricancjari.

Gja’ lu cun­tu l’ha­iu fattu
Cu la sum­ma numirata,
Su d’ab­braz­zi centumila
E lu dup­piu di vasata,

E’ li strit­ti cu li manu
Nun li jvi addizziunari,
Pir­chi cca si per­di u’ cuntu
E ’ la pin­na s’ju a stancari.

Pir­chi u’ nchio­stru c’a­via dintra
Nta stu’ tem­pu s’e ascjucatu,
Ora avi chiu’ d’unannu
Chi sin­ten­zi a scritturatu.

A sta tin­ta Pandemia
Chid­dra all’er­ta ci fa stari,
Sem­pri a tut­ti – nichi e granni
Cu sta maschi­ra purtari,

Chi­sta pez­za ccu­pa facci
Vuc­ca, e nasu a rispirari,
Ch’e­sti udiu­sa veramenti
Nun si po’ chiu’ suppurtari,

Nun viu l’u­ra chi finisci
Tut­ta chi­sta Pandemia,
E tur­na­mu novamenti
Chiu’ vici­ni – cu allegria!

Lil­lo Di Bonsulton