‘Pantelleria vuole Nascere’ ignorato dal Commissario Zappalà in visita all’isola

‘Pantelleria vuole Nascere’ ignorato dal Commissario Zappalà in visita all’isola

12/10/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 597 volte!

UNA PORTA IN FACCIA ALLA COMUNITÀ PANTESCA!

Come per la dot­tores­sa Maria Con­cetta Mar­torana anche per il Com­mis­sario Zap­palà siamo invis­i­bili!
Una con­dizione inac­cetta­bile che ferisce pesan­te­mente.
Appren­di­amo, infat­ti, dal­la pag­i­na face­book del­l’ASP di Tra­pani del­la visi­ta a Pan­tel­le­ria del Com­mis­sario Stra­or­di­nario Pao­lo Zap­palà che assieme al Diret­tore San­i­tario Gioachi­no Oddo ha vis­i­ta­to il Dis­tret­to ter­ri­to­ri­ale e l’ospedale “B.Nagar”. Si scrive nel comu­ni­ca­to che la visi­ta è inseri­ta in un più ampio pro­gram­ma di sopral­lu­oghi nei pre­si­di ospedalieri del ter­ri­to­rio. Bene!
Dis­ori­en­ta però leg­gere nel­lo stes­so comu­ni­ca­to che l’o­bi­et­ti­vo, sia quel­lo di favorire una log­i­ca di con­tin­uo miglio­ra­men­to dei servizi san­i­tari final­iz­za­to al rag­giung­i­men­to del più ele­va­to liv­el­lo di sod­dis­fazione degli uten­ti, soprat­tut­to in con­sid­er­azione delle con­dizioni di mar­gin­al­ità geografi­ca in cui si tro­va la popo­lazione isolana e del par­ti­co­lare momen­to di emer­gen­za san­i­taria da COVID 19.
Un obi­et­ti­vo che non a caso è pri­or­i­tario da mesi nel­la battaglia che il Comi­ta­to “Pan­tel­le­ria Vuole Nascere” ha intrapre­so per ottenere la ria­per­tu­ra del Pun­to Nasci­ta e per il poten­zi­a­men­to dei servizi ter­ri­to­ri­ali e ospedalieri. Un obi­et­ti­vo rimas­to irri­n­un­cia­bile anche nelle set­ti­mane di pre­sidio che a tut­t’og­gi con­tin­ua nelle con­trade pro­prio per con­di­videre con la comu­nità la con­sapev­olez­za che la salute è un dirit­to sacrosan­to. Un obi­et­ti­vo che ha por­ta­to il Comi­ta­to a riv­ol­ger­si alle diverse isti­tuzioni, com­pre­so il dott. Pao­lo Zap­palà nel suo ruo­lo di Com­mis­sario Stra­or­di­nario del­l’Asp di Tra­pani.
Pote­va non sapere quin­di che a Pan­tel­le­ria il Comi­ta­to sta­va lot­tan­do per lo stes­so obi­et­ti­vo con­sid­er­a­to pri­or­i­tario nel­la sua visi­ta a Pan­tel­le­ria? Pote­va pen­sare che dopo le nos­tre numerose richi­este di incon­tro e di con­fron­to costrut­ti­vo che gli abbi­amo riv­olto, incon­trare ed ascoltare il Comi­ta­to avrebbe potu­to rap­p­re­sentare un pas­so avan­ti ver­so la soluzione delle crit­ic­ità? No, ci ha con­sid­er­a­to invis­i­bili, ha prefer­i­to cioè non vedere e non sapere cosa la comu­nità pan­tesca avesse da dire.
Ci mer­av­igliamo come anche l’Am­min­is­trazione Comu­nale non sia sta­ta coin­vol­ta nel­la visi­ta… la salute dei pan­teschi è cosa di altri?
Come si può rag­giun­gere il più ele­va­to liv­el­lo di sod­dis­fazione degli uten­ti se ci si pone nei loro con­fron­ti dicen­do: “Non vedo, non sen­to e non par­lo!”?
Le con­dizioni di mar­gin­al­ità geografi­ca le vivi­amo sul­la nos­tra pelle quo­tid­i­ana­mente sia di fronte all’e­mer­gen­za COVID ma da anni anche affrontan­do emer­gen­ze di vario genere.
Il Comi­ta­to non cer­ca vis­i­bil­ità fine a se stes­sa ma chiede atten­zione ed ascolto rispet­to ai dirit­ti negati ricor­dan­do che la cos­ti­tuzione recita: “La Repub­bli­ca tutela la salute come fon­da­men­tale dirit­to del­l’in­di­vid­uo e inter­esse del­la col­let­tiv­ità, e garan­tisce cure gra­tu­ite agli indi­gen­ti”.
 
Comi­ta­to Pan­tel­le­ria Vuole Nascere