Il Comitato Pantelleria Vuole  Nascere risponde al Sindaco Campo: “stanchi di ricevere sempre polemiche, anziché risposte costruttive”

Il Comitato Pantelleria Vuole Nascere risponde al Sindaco Campo: “stanchi di ricevere sempre polemiche, anziché risposte costruttive”

29/09/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 461 volte!

Dopo le dichiarazioni del sin­da­co Vin­cen­zo Cam­po ester­nate nel­la diret­ta del 28 set­tem­bre scor­so ci sen­ti­amo in dovere di rispon­dere pub­bli­ca­mente, stanchi di rice­vere sem­pre polemiche, anziché risposte costrut­tive, rispet­to alle nos­tre richi­este avan­zate da cit­ta­di­ni che parte­ci­pano alla “res pub­li­ca”. Evi­den­te­mente la democrazia parte­ci­pa­ta, tan­to sbandier­a­ta nei comizi, risul­ta indi­ges­ta a qual­cuno.

La let­tera che abbi­amo invi­a­to a tutte le Isti­tuzioni (che dovreb­bero essere com­pe­ten­ti a risol­vere le dis­pute anziché crear­le) vuole essere un invi­to a con­trol­lare l’avanzamento dei lavori del­la TAC che sareb­bero dovu­ti com­in­cia­re lunedì scor­so, 21 set­tem­bre, data nel­la quale sarebbe dovu­to arrivare anche il nuo­vo ecografo per le mor­fo­logiche. La nos­tra mis­si­va vol­e­va essere un promemo­ria alle autorità com­pe­ten­ti affinché si vig­i­lasse che non avvengano più dis­servizi a svan­tag­gio del­la comu­nità pan­tesca. Risul­ta dif­fi­cile capire la reazione stiz­zosa del sin­da­co al quale si chiede­va solo un con­trol­lo degli impeg­ni pre­si dalle isti­tuzioni pre­poste e da lui comu­ni­cati alla cit­tad­i­nan­za. Nel­la let­tera, infat­ti, non si face­va alcun rifer­i­men­to ad ipotetiche respon­s­abil­ità del pri­mo cit­tadi­no, il quale invece rite­nen­do che gli fos­sero addeb­i­tate ha inizia­to una arringa pretes­tu­osa par­lan­do di bugie e di fat­ti inven­tati con­tro il suo oper­a­to per scred­itare la sua ammin­is­trazione.

Se ci sono state for­nite delle date pre­cise cir­ca la soluzione di alcune crit­ic­ità ci è sem­bra­to nor­male chiedere con­to del rispet­to dei tem­pi comu­ni­cati. Ver­i­fi­ca­to poi che i tem­pi non sono sta­ti rispet­tati, vor­rem­mo che le entità pre­poste si adop­erassero, facen­do sen­tire anche con fer­mez­za il pro­prio doveroso ruo­lo di con­trol­lo sulle com­pe­ten­ze san­i­tarie dei vari diret­tori e diri­gen­ti, al fine di risol­vere la ques­tione, anziché aiz­zare gli ani­mi con­tro tut­to e con­tro tut­ti. Non dob­bi­amo cer­to essere noi a ricor­dare il ruo­lo che le isti­tuzioni dovreb­bero avere e le azioni adeguate che dovreb­bero espletare. Vor­rem­mo che tut­ti gli Enti si pren­dessero la pro­pria respon­s­abil­ità sec­on­do la com­pe­ten­za che a loro è affi­da­ta per legge. Il nos­tro ruo­lo può essere solo quel­lo di atten­zionare e seg­nalare i dis­servizi con coeren­za, inter­loquen­do con le varie entità isti­tuzion­ali, per cer­care di tute­lare il nos­tro dirit­to alla salute.

Il comi­ta­to
Pan­tel­le­ria Vuole Nascere