PANTELLERIA E LE ISOLE MINORI SICILIANE PRESENTI ALLA PROTESTA DEI SINDACI SICILIANI A ROMA

PANTELLERIA E LE ISOLE MINORI SICILIANE PRESENTI ALLA PROTESTA DEI SINDACI SICILIANI A ROMA

04/11/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 631 volte!

PANTELLERIA E LE ISOLE MINORI SICILIANE PRESENTI ALLA PROTESTA DEI SINDACI SICILIANI A ROMA

Per l’Isola in rappresentanza il Vice Sindaco Maurizio Caldo che, con i Sindaci delle Isole Minori, ha parlato anche del DDL che attende l’approvazione alla Camera

 Si è svol­ta ieri, 3 novem­bre, orga­niz­za­ta dall’ANCI Sici­lia, la pro­te­sta dei Sin­da­ci Sici­lia­ni con­tro le avver­se con­di­zio­ni finan­zia­rie dei Comu­ni del­la Regio­ne. A rap­pre­sen­ta­re il Comu­ne di Pan­tel­le­ria, era pre­sen­te il Vice Sin­da­co, Mau­ri­zio Cal­do, che ha incon­tra­to gli altri Sin­da­ci del­le Iso­le Minori.

Oltre 100 Sin­da­ci si sono ritro­va­ti a Piaz­za Mon­te­ci­to­rio a Roma per richie­de­re inter­ven­ti nor­ma­ti­vi e finan­zia­ri urgen­ti per supe­ra­re le cri­ti­ci­tà degli Enti loca­li del­la Regio­ne Sici­lia­na, con par­ti­co­la­re rife­ri­men­to al Fon­do Cre­di­ti di Dub­bia Esi­gi­bi­li­tà (FCDE), all’assunzione di figu­re pro­fes­sio­na­li qua­li­fi­ca­te all’interno degli enti loca­li in dero­ga alle dispo­si­zio­ni vigen­ti (sono più di 15.000 i posti vacan­ti nel­le pian­te orga­ni­che dei Comu­ni Sici­lia­ni), e al risto­ro dei man­ca­ti incas­si dei cre­di­ti frut­to dell’inefficienza del gesto regio­na­le Riscos­sio­ni Sici­lia SpA.

A mar­gi­ne dell’incontro, i Sin­da­ci del­le iso­le Mino­ri han­no anche par­la­to del­le dif­fi­col­tà di rap­pre­sen­ta­ti­vi­tà in seno all’ANCIM e del DDL Iso­le Mino­ri che gia­ce alla Came­ra in atte­sa di approvazione.

I Sin­da­ci han­no avu­to anche un incon­tro con il Sot­to­se­gre­ta­rio Gian­car­lo Can­cel­le­ri che si è fat­to cari­co, da sici­lia­no, del­le istan­ze pre­sen­ta­te, già elen­ca­ta in un docu­men­to indi­riz­za­to al Pre­si­den­te Mario Dra­ghi, sot­to­scrit­to da oltre 200 Sin­da­ci ed invia­to il 26 otto­bre scor­so, in cui si chie­de, oltre a quan­to sopra espres­so, anche lo spo­sta­men­to dei ter­mi­ni per l’approvazione dei bilan­ci al 30 novem­bre e la costi­tu­zio­ne di una Con­fe­ren­za Sta­to-Cit­tà-Auto­no­mie loca­li e di un Tavo­lo per­ma­nen­te che veda pro­ta­go­ni­sti Sta­to-Regio­ne-ANCI Sici­lia per affron­ta­re quel­le che sono del­le cri­ti­ci­tà spe­ci­fi­che del­la Regio­ne Siciliana.