Musumeci firma l’ordinanza in Sicilia: obbligo di vaccinazione per determinati lavori

Musumeci firma l’ordinanza in Sicilia: obbligo di vaccinazione per determinati lavori

11/07/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 2548 volte!

Tempo di vaccinarsi. La Sicilia ancora ha numeri bassi e allora Musumeci prende posizione. 

È partita in Sicilia la “Campagna a tappeto”, Musumeci ha firmato l’ordinanza il 9 luglio

 
Una rico­gni­zio­ne del per­so­na­le non anco­ra vac­ci­na­to, la pos­si­bi­li­tà di rice­ve­re il sie­ro nei luo­ghi turi­sti­ci, del­la movi­da o sul posto di lavo­ro, e il poten­zia­men­to dei pun­ti vac­ci­na­li comu­na­li con la rias­se­gna­zio­ne del per­so­na­le in ser­vi­zio. Sono alcu­ne del­le prin­ci­pa­li novi­tà con­te­nu­te nel­la ordi­nan­za fir­ma­ta dal pre­si­den­te Nel­lo Musu­me­ci, in vigo­re da doma­ni e fino all’1 set­tem­bre, con cui il gover­no regio­na­le dà avvio alla “Cam­pa­gna di vac­ci­na­zio­ne di pros­si­mi­tà”. Una vera e pro­pria cam­pa­gna “a tap­pe­to”, un pia­no arti­co­la­to per impor­re una for­te acce­le­ra­ta alla cam­pa­gna di immu­niz­za­zio­ne, anche alla luce del­la dif­fu­sio­ne del­la varian­te “Del­ta”, e rag­giun­ge­re al più pre­sto la quo­ta dell’80 per cen­to di vac­ci­na­ti sta­bi­li­ta a livel­lo nazionale.

Censimento dei dipendenti non ancora vaccinati:

Le azien­de sani­ta­rie pro­vin­cia­li ese­gui­ran­no una rico­gni­zio­ne com­ple­ta e aggior­na­ta di tut­ti i dipen­den­ti pub­bli­ci, del per­so­na­le pre­po­sto ai ser­vi­zi di pub­bli­ca uti­li­tà e ai ser­vi­zi essen­zia­li, degli auto­tra­spor­ta­to­ri, del per­so­na­le del­le impre­se del­la filie­ra agroa­li­men­ta­re e sani­ta­ria, degli equi­pag­gi dei mez­zi di tra­spor­to per cen­si­re chi non è anco­ra sta­to sot­to­po­sto a vac­ci­na­zio­ne e invi­tar­lo for­mal­men­te a prov­ve­de­re. In caso di indi­spo­ni­bi­li­tà o di rifiu­to, il dato­re di lavo­ro dovrà, nei modi e ter­mi­ni pre­vi­sti dai con­trat­ti col­let­ti­vi, rias­se­gna­re il dipen­den­te ad altro ruo­lo, che non impli­chi il con­tat­to diret­to con l’utenza. 

 Vaccinazioni nei luoghi turistici e della movida: 

L’or­di­nan­za intro­du­ce impor­tan­ti novi­tà che con­sen­to­no ai cit­ta­di­ni di esse­re vac­ci­na­ti anche nei luo­ghi turi­sti­ci e del­la movi­da. Le Asp, infat­ti, accan­to agli inter­ven­ti per il miglio­ra­men­to fun­zio­na­le del­le Guar­die medi­che turi­sti­che, con appo­si­to avvi­so pub­bli­co daran­no la pos­si­bi­li­tà agli ope­ra­to­ri turi­sti­ci di sot­to­scri­ve­re una con­ven­zio­ne per rea­liz­za­re pun­ti vac­ci­na­li all’in­ter­no del­la pro­pria strut­tu­ra ricet­ti­va, anche in moda­li­tà dri­ve in. Il ter­mi­ne è pre­vi­sto per il 5 set­tem­bre e le spe­se saran­no a cari­co del siste­ma sani­ta­rio regio­na­le. In più, nel­le loca­li­tà turi­sti­che sarà avvia­ta una cam­pa­gna spe­cia­le di vac­ci­na­zio­ne a favo­re del per­so­na­le del­la gran­de e media distri­bu­zio­ne (cen­tri com­mer­cia­li e supermercati). 

  Potenziamento dei punti vaccinali comunali:

Le azien­de sani­ta­rie, inol­tre, poten­zie­ran­no i pre­si­di vac­ci­na­li nei Comu­ni, in par­ti­co­la­re in quel­li che han­no fat­to regi­stra­re una mino­re ade­sio­ne, attra­ver­so la rias­se­gna­zio­ne del per­so­na­le già ade­ren­te all’at­ti­vi­tà vac­ci­na­le (medi­ci del­le Usca in sovran­nu­me­ro, medi­ci di medi­ci­na gene­ra­le, odon­to­ia­tri, far­ma­ci­sti, bio­lo­gi, ecc) pres­so strut­tu­re mobi­li o pre­si­di ter­ri­to­ria­li già esistenti.

    Vaccinazioni sul posto di lavoro:

Attra­ver­so l’ac­cor­do tra le Asp e l’As­so­cia­zio­ne ita­lia­na ospe­da­li­tà pri­va­ta, o attra­ver­so appo­si­ti accor­di con le orga­niz­za­zio­ni dato­ria­li rap­pre­sen­ta­ti­ve, sarà pos­si­bi­le, su richie­sta, esse­re sot­to­po­sti a vac­ci­no diret­ta­men­te sul posto di lavoro. 

  Tampone obbligatorio per chi arriva da Spagna e Portogallo: 

Vie­ne este­so, infi­ne, l’ob­bli­go di tam­po­ne a chi arri­va dal­la Spa­gna o dal Por­to­gal­lo, o a colo­ro che nei 14 gior­ni pre­ce­den­ti vi han­no sog­gior­na­to o tran­si­ta­to. Si trat­ta, al momen­to, degli uni­ci due Pae­si euro­pei per i qua­li in Sici­lia è pre­vi­sta que­sta misu­ra di sicurezza.

«Sia­mo impe­gna­ti sen­za sosta – dice il pre­si­den­te Musu­me­ci – per­ché l’obiettivo del­la “immu­ni­tà di greg­ge” sia rag­giun­to al più pre­sto. Alcu­ni dei prov­ve­di­men­ti che ho appe­na dispo­sto sono inno­va­ti­vi, a livel­lo nazio­na­le, per­ché rite­nia­mo di dover mag­gior­men­te coin­vol­ge­re gli ope­ra­to­ri turi­sti­ci – che final­men­te han­no ripre­so a lavo­ra­re a pie­no rit­mo – per­ché pro­prio nei luo­ghi di vacan­za ci si pos­sa vac­ci­na­re, anche rea­liz­zan­do dri­ve-in i cui costi saran­no soste­nu­ti dal Siste­ma sani­ta­rio regio­na­le. Fac­cio appel­lo poi ai dato­ri di lavo­ro: ci sosten­ga­no nel­la rico­gni­zio­ne di quan­ti anco­ra non han­no rice­vu­to il sie­ro anti­Co­vid. Vac­ci­nar­si – con­clu­de il gover­na­to­re – non signi­fi­ca sol­tan­to pro­teg­ge­re se stes­si ma ave­re anche rispet­to e sen­so di respon­sa­bi­li­tà ver­so gli altri».
 

Il 79% dei docenti siciliani ha ricevuto almeno la prima dose di vaccino

 
Qua­si il 79 per cen­to dei docen­ti sici­lia­ni ha rice­vu­to alme­no una dose di vac­ci­no anti-Covid. È il dato rile­va­to dal­la strut­tu­ra di moni­to­rag­gio del­la cam­pa­gna vac­ci­na­le del­la Regio­ne Sici­lia­na che sca­tu­ri­sce dal cen­si­men­to di tut­ti colo­ro i qua­li si sono sot­to­po­sti al vac­ci­no dichia­ran­do, al momen­to del­la com­pi­la­zio­ne del­la modu­li­sti­ca, di esse­re inse­gnan­ti o ope­ra­to­ri sco­la­sti­ci. La pla­tea di chi lavo­ra nel­le scuo­le sta­ta­li (docen­ti e non docen­ti) e nel­le uni­ver­si­tà in Sici­lia ammon­ta a 129.640 per­so­ne, del­le qua­li 102 mila han­no rice­vu­to alme­no una dose dal­l’i­ni­zio del­la cam­pa­gna vac­ci­na­le, pari al 78,6%.
L’o­biet­ti­vo del­la Regio­ne è quel­lo di sen­si­bi­liz­za­re il più pos­si­bi­le il per­so­na­le sco­la­sti­co, affin­ché si pos­sa rag­giun­ge­re la tota­li­tà del­le immu­niz­za­zio­ni e garan­ti­re un nuo­vo anno didat­ti­co in pre­sen­za e in sicurezza.