Pantelleria isolata? Lillo Di Bonsulton compone la poesia L’ISOLAMENTU

Pantelleria isolata? Lillo Di Bonsulton compone la poesia L’ISOLAMENTU

01/07/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 1320 volte!

Anche se da lontano, in ospedale, il nostro poeta pantesco, Lillo Di Bonsulton osserva con criticità la situazione di isolamento imposto a Pantelleria dalla mancanza di comunicazioni.

È come essere tornati indietro nel tempo, e ci rimane giusto da pregare.

Ed ecco che dall’osservazione dei fatti è scaturita la poesia sull’isolamento.

L’ISOLAMENTU

Cer­tu stu trancjamentu
Di cavi un cj vulja,
Nta jni­ziu di la stati
Basta­va a Pandemia,

Chi­sta e’ sfur­tu­na granni
Chi jemu nuj a chiappari,
Sulu la Dea Tanit
For­si ci po’ sarvari,

A nesc­j­ri du tunnel
Dun­nj semu ‘nfi­la­ti,
Sem­pri pi cur­pa umana
Nuj semu danneggiati,

Pri­ga­mu puru u’ Suli
Ch’­jd­dru ci po’ ajutari,
A fari lustru all’isula
E u’ tun­ni­li stuppari,

Ma si cun­vin­ti un siti
Sti Dei di prigari,
Rista­ti sem­pri chiusi
Ho scu­ru – a cjarmuljari,

Lu Suli e lu Primeru
Astru chi po’ jutari,
L’u­ma­nu nun capiscj
Ma sem­pri u’ va’ a sfruttari,

Chi­stu e lu me’ pinseru
Chi vua­tri un capiscjati,
Pero’ “un c’e jor­nu singulu
Chi vua­tri nun sfruttati.

Lil­lo Di Bonsulton