Pantelleria: gli studenti dell’Almanza quarti a ‘I giovani costruiscono la Sicilia’

Pantelleria: gli studenti dell’Almanza quarti a ‘I giovani costruiscono la Sicilia’

02/12/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1071 volte!

Gli studenti dell’Almanza di Pantelleria si aggiudicano il 4° posto dell’hackathon regionale con il progetto ISOLAti

Si chia­ma ISO­LAti l’idea vin­cente del team com­pos­to da Ami­ra Benelka­id, Alessio Fontana, Mar­ti­na D’Am­i­co e Giu­lia Koshi, stu­den­ti dell’Istituto Sco­las­ti­co “Alman­za” di Pan­tel­le­ria, che insieme a Mar­ti­na Fer­ra­cane, Emanuele Domin­go e Anto­nio Ben­fante del FabLab West­ern Sici­ly ha parte­ci­pa­to a “I Gio­vani Costru­is­cono la Sicil­ia” il pri­mo hackathon regionale ded­i­ca­to ai gio­vani che vogliono miglio­rare la pro­pria ter­ra, orga­niz­za­to da Con­f­co­op­er­a­tive Sicil­ia e Fed­er­azione Sicil­iana BCC, con il sosteg­no di Fon­do Svilup­po, in col­lab­o­razione con tree e con il patrocinio gra­tu­ito del­la Regione Sicil­iana — Asses­so­ra­to Regionale del­la Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro.

L’hackthon è un con­cor­so di idee a squadre, for­mate da 4–5 per­sone, che gen­eral­mente si esaurisce nell’arco di una gior­na­ta. I parte­ci­pan­ti lavo­ra­no per un tem­po che coin­cide con la gran parte del­la dura­ta del­l’even­to. Le ultime ore sono ris­er­vate alle pre­sen­tazioni, come suc­cede in un pitch quan­do un’idea di start­up viene pre­sen­ta­ta davan­ti agli investi­tori. Al ter­mine degli hackathon una giuria val­u­ta i lavori pre­mian­do i più meritevoli.

La squadra di Pan­tel­le­ria, com­pos­ta dai più gio­vani parte­ci­pan­ti all’evento, ha con­cor­so al  chal­lenge nel­la cat­e­go­ria “South­Work­ing. La Sicil­ia che attrae tal­en­ti e inves­ti­men­ti” e si è aggiu­di­ca­ta un pre­mio in denaro, posizio­nan­dosi al quar­to pos­to su dici­as­sette team in gara. 

Il team di Pan­tel­le­ria in cir­ca otto ore di lavoro ha ideato, prog­et­ta­to e pre­sen­ta­to un’idea impren­di­to­ri­ale cred­i­bile. “I ragazzi sono sta­ti bravis­si­mi – spie­ga Mar­ti­na Fer­ra­cane – Sono sta­ti con­nes­si dalle 8.30 alle 21.30, sem­pre feli­ci di ascoltare, dis­cutere, impara­re. Abbi­amo ragion­a­to sull’idea e costru­ito un piano di lavoro. Per capirne la valid­ità abbi­amo real­iz­za­to e som­min­is­tra­to un ques­tionario sul­lo smart work­ing a cir­ca 100 per­sone. Il 93% del cam­pi­one ha dichiara­to che lavor­ereb­bero da una delle pic­cole iso­la sicil­iane. Una vol­ta defin­i­ti obi­et­tivi cri­teri e van­tag­gi, abbi­amo real­iz­za­to la pre­sen­tazione grafi­ca e il logo. Alle 19 abbi­amo pre­sen­ta­to il prog­et­to in tre minu­ti. La giuria, ascoltati tut­ti i team, si è riu­ni­ta e alle 21 han­no annun­ci­a­to i vinci­tori. Esser­ci piaz­za­ti a quar­to pos­to ci dà dirit­to a un pre­mio di 1000 euro: un grande riconosci­men­to per noi e sicu­ra­mente un incen­ti­vo a con­tin­uare con l’appoggio del Par­co Nazionale. Il prossi­mo pas­so sarà ripetere questo even­to coin­vol­gen­do i 30 ragazzi che stan­no svol­gen­do con il FabLab West­ern Sici­ly l’alternanza Scuo­la – Lavoro. Svilup­pare ISO­LAti sarà un ulte­ri­ore sti­mo­lo e potrà avere su Pan­tel­le­ria delle ricadute impor­tan­ti.”