Pantelleria a lutto per la scomparsa di Stefano D’Orazio

Pantelleria a lutto per la scomparsa di Stefano D’Orazio

07/11/2020 0 Di Francesca Marrucci

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 863 volte!

Pantelleria a lutto per la scomparsa di Stefano D’Orazio

L’ASSESSORE MARRUCCI: “QUESTA NOTIZIA CI RIEMPIE DI DOLORE. CI SIAMO SENTITI A SETTEMBRE, PENSANDO A PROGETTI PER L’ISOLA PER LA PROSSIMA ESTATE. PERDIAMO UN UOMO SENSIBILE, AMANTE DI QUESTA TERRA E AMATO DA ESSA”

La scom­par­sa, annun­cia­ta sta­ma­ne, di Ste­fa­no D’Orazio, è sta­ta un duro col­po per l’Isola di Pan­tel­le­ria. L’artista, che vive­va qui gran par­te dell’anno, ave­va sem­pre dichia­ra­to il suo amo­re per l’isola e l’isola glie­lo ha sem­pre resti­tui­to, anche con impor­tan­ti rico­no­sci­men­ti, come quel­lo del Pre­mio per Pantelleria.
Ho avu­to l’onore di cono­sce­re Ste­fa­no D’Orazio que­sta esta­te, quan­do, di sua spon­te, mi ha pro­po­sto la par­te­ci­pa­zio­ne del regi­sta Fau­sto Briz­zi alla ker­mes­se Cine­ma Sot­to le Stel­le. Ho avu­to modo di apprez­za­re una per­so­na gen­ti­le, dispo­ni­bi­le, pie­na di entu­sia­smo e voglia di fare per l’isola. Abbia­mo riso di alcu­ne cono­scen­ze in comu­ne, del fat­to che il pros­si­mo anno ci sarem­mo potu­ti vede­re a Mari­no per la Sagra dell’Uva per­ché lui ha anche una casa lì, insom­ma una per­so­na con cui non si pote­va non anda­re subi­to d’accordo.
Vole­va poter fare qual­co­sa per l’isola e me lo dis­se pie­no di aspet­ta­ti­ve, aspet­ta­ti­ve che ovvia­men­te non pote­va­no che tro­va­re asso­lu­ta dispo­ni­bi­li­tà da par­te mia. Abbia­mo par­la­to di pro­get­ti per la pros­si­ma esta­te, di quan­to era pos­si­bi­le fare in cam­po arti­sti­co anche per i gio­va­ni talen­ti pan­te­schi, per far cono­sce­re quan­to di bel­lo c’è sull’isola, con un arri­ve­der­ci a pri­ma di Nata­le, per­ché spe­ra­va di tor­na­re pre­sto a Pantelleria.
Ecco, que­sta noti­zia, appre­sa così d’improvviso sta­mat­ti­na, ci riem­pie di dolo­re per­ché non solo vie­ne a man­ca­re un gran­de arti­sta e un uomo di rara sen­si­bi­li­tà, cono­sciu­to e ama­to dall’intera nazio­ne, ma vie­ne a man­ca­re un cit­ta­di­no ‘adot­ti­vo’ pan­te­sco che ha vis­su­to qui con rispet­to, facen­do­si ama­re da tut­ti, rico­no­scen­do­si in quel­la magia, quell’incantesimo che inca­te­na tan­ti a que­ste roc­ce nere nel mez­zo del Mediterraneo.
L’Amministrazione Comu­na­le, sen­ti­ta anche la fami­glia, prov­ve­de­rà ad un ricor­do oppor­tu­no di Ste­fa­no. Ora, però è il tem­po del silen­zio e del ricor­do di un gran­de uomo, che rimar­rà sicu­ra­men­te inde­le­bi­le nei cuo­ri degli isolani.
Fran­ce­sca Marrucci
Asses­so­re alle Poli­ti­che Culturali