Pantelleria, aggressione agli Assessori Marrucci e Parisi. La condanna del Sindaco

Pantelleria, aggressione agli Assessori Marrucci e Parisi. La condanna del Sindaco

31/08/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1687 volte!

Pantelleria, aggressione agli Assessori Marrucci e Parisi

La condanna ed il biasimo del Sindaco a nome dell’Amministrazione Comunale e della comunità pantesca

 

Il Sin­da­co Vin­cen­zo Cam­po, a nome di tut­ta l’Amministrazione Comu­nale e del­la comu­nità pan­tesca, esprime tut­ta la pro­pria sol­i­da­ri­età nei con­fron­ti degli Asses­sori Mar­ruc­ci e Parisi che in occa­sione del­la Sagra svol­ta in Piaz­za Cavour ieri, 30 agos­to, sono sta­ti ogget­to di una aggres­sione ver­bale e fisi­ca da parte di un cit­tadi­no che si era avvi­c­i­na­to all’Assessore Mar­ruc­ci per chiedere infor­mazioni cir­ca la ges­tione degli ingres­si con­tin­gen­tati a causa delle diret­tive nazion­ali sul­la sicurez­za anti-Covid. Tra l’altro l’evento in ques­tione non era orga­niz­za­to dal Comune, ma da un’associazione pan­tesca.

Dopo aver rice­vu­to le dovute spie­gazioni, evi­den­te­mente non sod­dis­fat­to dalle risposte, ha inizia­to ad inveire con insul­ti nei con­fron­ti dell’Assessore. Assis­ten­do all’alterco in atto, è inter­venu­to l’Assessore Parisi per cer­care di placare gli ani­mi, ma l’uomo invece di cal­mar­si, dopo aver minac­cia­to di mal­menare l’Assessore Mar­ruc­ci, ha cer­ca­to di pren­dere a pug­ni anche l’Assessore Parisi.

Il peg­gio si è evi­ta­to solo gra­zie all’intervento di due per­sone che han­no fat­to allon­tanare l’aggressore.

Un episo­dio da con­dannare e biasi­mare sen­za mezzi ter­mi­ni, ulti­mo di una serie di invet­tive e aggres­sioni ver­bali che in queste set­ti­mane gli asses­sori, ma anche i volon­tari e i Con­siglieri Comu­nali addet­ti all’ingresso degli even­ti, han­no sub­ì­to da gente incivile che non solo non vuole rispettare le norme di sicurez­za in vig­ore, ma se la prende anche con chi sta cer­can­do di tute­lare la salute del­la comu­nità facen­dole rispettare.

Deve essere ben chiaro che la tutela del­la salute e del­la sicurez­za pub­bli­ca, così come delle norme vigen­ti non potran­no essere eluse, tan­tomeno da chi pen­sa di pot­er minac­cia­re e aggredire quan­ti stan­no pre­stando volon­tari­a­mente il loro tem­po per garan­tire a tut­ti degli stan­dard di sicurez­za che con­sen­tano di pot­er assis­tere agli even­ti sen­za tim­o­re.

Chiedi­amo alle Forze dell’Ordine di essere pre­sen­ti e vig­i­lare gli even­ti con mag­giore sol­erzia, anche in vista degli appun­ta­men­ti di mag­gior richi­amo di set­tem­bre, a sup­por­to dei volon­tari e di quan­ti oper­a­no den­tro e fuori i recin­ti degli even­ti.

Questi atteggia­men­ti non pos­sono essere tollerati ulte­ri­or­mente e gli asses­sori, accer­ta­ta l’identità dell’uomo, pro­ced­er­an­no a sporg­ere denun­cia per aggres­sione.

 

Il Sin­da­co

Vin­cen­zo Cam­po