Il Presidente dello IACP di Trapani risponde al Sindaco di Pantelleria

Il Presidente dello IACP di Trapani risponde al Sindaco di Pantelleria

17/05/2022 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 483 volte!

Il Presidente dello IACP di Pantelleria, Vincenzo Scontrino, dopo il Comunicato Stampa di ieri sui finanziamenti ottenuti dall’Amministrazione pantesca per ristrutturare 14 palazzine sull’isola, risponde al Primo Cittadino palesando fastidio

Dopo due anni di pre­si­den­za, accol­go con favo­re la noti­zia che Pan­tel­le­ria ha un sin­da­co! In que­sti due anni ho sen­ti­to e col­la­bo­ra­to con tut­ti i sin­da­ci del­la pro­vin­cia, di qua­lun­que colo­re poli­ti­co, e abbia­mo appron­ta­to deci­ne di pro­get­ti. Ser­vi­re alla stam­pa noti­zie fal­se per cui il Comu­ne di Pan­tel­le­ria ha pre­sen­ta­to dei pro­get­ti su immo­bi­li IACP non darà un miglior ser­vi­zio alla comunità.

Il Comu­ne ha in real­tà pre­sen­ta­to un pro­get­to su pro­pri allog­gi, cosa su cui lo IACP non ha alcu­na com­pe­ten­za, a meno di un invi­to da par­te dell’ente pro­prie­ta­rio, che non abbia­mo però registrato.

E lad­do­ve non se ne fos­se accor­to, ricor­do al sin­da­co che solo lo scor­so anno lo IACP ha rige­ne­ra­to alcu­ne palaz­zi­ne con un impor­tan­te inter­ven­to di riqua­li­fi­ca­zio­ne urbana.

Tut­to que­sto sen­za alcun cla­mo­re media­ti­co e sen­za che da par­te dell’amministrazione si sia leva­ta alcu­na voce, anche per un sem­pli­ce rin­gra­zia­men­to, che tut­ta­via non è dovu­to e a cui non teniamo.

Ma se rila­scia­re la lin­gua per espri­me­re un pen­sie­ro nobi­le è eser­ci­zio dif­fi­ci­le, altret­tan­to sap­pia­mo che spes­so si ricer­ca la pole­mi­ca vuo­ta e gra­tui­ta per amman­ta­re un’attività che in real­tà è solo ordi­na­ria ammi­ni­stra­zio­ne al ser­vi­zio del­la collettività.

Spe­ro comun­que che quei pro­get­ti comu­na­li tro­vi­no ade­gua­to riscon­tro finan­zia­rio nel PNRR, Pan­tel­le­ria ha biso­gno di risul­ta­ti, non di chiacchiere.

Rela­ti­va­men­te poi al fat­to lamen­ta­to anco­ra dal sin­da­co di Pan­tel­le­ria che l’Iacp non ha atti­va­to pro­get­ta­zio­ni su pro­pri immo­bi­li acce­den­do ai finan­zia­men­ti PNRR si fa pre­sen­te che al fine di otte­ne­re i fon­di, l’ente ha pre­sen­ta­to pro­get­ti per edi­fi­ci di inte­ra pro­prie­tà dell’Ente, cioè in edi­fi­ci costi­tui­ti da allog­gi in locazione.

A Pan­tel­le­ria non vi sono edi­fi­ci con que­ste carat­te­ri­sti­che, in quan­to si trat­ta di edi­fi­ci all’interno dei qua­li vi sono abi­ta­zio­ni riscat­ta­te dagli asse­gna­ta­ri ai qua­li l’Iacp ha cedu­to quin­di la proprietà.

Si pre­ci­sa inoltre.

Tra Gen­na­io e Mar­zo 2021 sono sta­ti avvia­ti lavo­ri di manu­ten­zio­ne straor­di­na­ria nel­le seguen­ti palaz­zi­ne: Via del Mer­ca­to 22/24, Rio­ne San Gia­co­mo 29, 31, 33, 72, 74 e 76 per una spe­sa com­ples­si­va di 1 milio­ne 118 mila euro, trat­ta da finan­zia­men­ti con­ces­si dall’Assessorato Regio­na­le per le Infrastrutture.

I lavo­ri sono sta­ti con­clu­si tra apri­le e giu­gno 2021.

Si alle­ga­no le foto del­le palaz­zi­ne a lavo­ri con­clu­si, con­si­de­ra­to anche che qual­che testa­ta gior­na­li­sti­ca on line ha pub­bli­ca­to le foto del­le stes­se palaz­zi­ne quan­do anco­ra ver­sa­va­no in con­di­zio­ni tec­ni­che critiche.
Non meno rile­van­te è sta­to l’intervento con­dot­to nel 2019 per la manu­ten­zio­ne straor­di­na­ria del­la rete fognan­te a ser­vi­zio del­le palaz­zi­ne 60/62/64/66 – Con fon­di ex Gescal – per cir­ca 40 mila euro.

Il Pre­si­den­te IACP

Vin­cen­zo Scontrino