Pantelleria-Mazara del Vallo: collaudato, il 25 febbraio, il porto di Mazara alla presenza del Sindaco Campo

Pantelleria-Mazara del Vallo: collaudato, il 25 febbraio, il porto di Mazara alla presenza del Sindaco Campo

01/03/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 486 volte!

Pantelleria-Mazara del Vallo: collaudato, il 25 febbraio, il porto di Mazara alla presenza delle autorità.

Una grande opportunità per aprire l’isola ai turisti della Sicilia sud-occidentale e garantire collegamenti marittimi ai panteschi per evitare che Pantelleria rimanga isolata a lungo come successo a dicembre scorso.

Il Sindaco Campo: “Abbiamo lavorato da subito a questo progetto e diamo il benvenuto ai mazaresi. Ora pensiamo anche al tratto Pantelleria-Kelibia”

Si è tenu­to il 25 feb­bra­io scor­so, alla pre­sen­za del­le auto­ri­tà loca­li e regio­na­li, il col­lau­do del por­to di Maza­ra del Val­lo che dovrà ospi­ta­re la nuo­va trat­ta nava­le Pan­tel­le­ria-Maza­ra quest’estate. Pre­sen­ti anche il Sin­da­co di Pan­tel­le­ria, Vin­cen­zo Cam­po e l’Assessore Anto­nio Gut­te­rez.

La linea sarà garan­ti­ta da Caron­te & Tou­ri­st con un tra­ghet­to che sarà in gra­do di tra­spor­ta­re 830 pas­seg­ge­ri e 221 auto­mo­bi­li (sono in cor­so le valu­ta­zio­ni tec­ni­che su qua­le mez­zo nava­le uti­liz­za­re). In effet­ti, si può par­la­re di un ‘ritor­no’, visto che la linea esi­ste­va già ven­ti anni fa, nel 2000, ma era sta­ta dismes­sa per pro­ble­mi lega­ti al mez­zo di tra­spor­to allo­ra scel­to, che era una nave velo­ce i cui con­su­mi era­no trop­po alti.

Si ripar­te con un tra­ghet­to, inve­ce, per quel­lo che è un pro­get­to sul qua­le la giun­ta Cam­po, con il suo Vice Sin­da­co, Mau­ri­zio Cal­do, ha ini­zia­to a lavo­ra­re sin dal suo inse­dia­men­to, nel giu­gno 2018, ren­den­do­se­ne pro­mo­tri­ce con le isti­tu­zio­ni regio­na­li, con il Comu­ne di Maza­ra e con le auto­ri­tà tunisine.

I tem­pi di per­cor­ren­za saran­no note­vol­men­te ridot­ti rispet­to alla trat­ta Pan­tel­le­ria-Tra­pa­ni e non potran­no che esse­re una por­ta aper­ta per i turi­sti e i visi­ta­to­ri che dal­la Sici­lia meri­dio­na­le avran­no un più faci­le e velo­ce acces­so alla Per­la Nera del Medi­ter­ra­neo, con­si­de­ra­to anche il fat­to che l’autostrada ter­mi­na pro­prio a Maza­ra del Vallo.

Alla pre­sen­za, oltre che del Sin­da­co Cam­po, degli Asses­so­ri regio­na­li Mar­co Fal­co­ne e Tony Scil­la, del Coman­dan­te del­la Capi­ta­ne­ria di Por­to Vin­cen­zo Cascio e i sin­da­ci di Maza­ra del Val­lo e Mar­sa­la, alla ban­chi­na Mokar­ta a Maza­ra del Val­lo sono sta­te effet­tua­te le pro­ve di ormeg­gio del tra­ghet­to “Lam­pe­du­sa”.

Il Pri­mo Cit­ta­di­no pan­te­sco non ha nasco­sto la sua sod­di­sfa­zio­ne per il tra­guar­do rag­giun­to con quel­lo che a trop­pi, anche sull’isola, sem­bra­va un pro­get­to utopico.

Quel­la di ripri­sti­na­re que­sta linea è un’iniziativa che abbia­mo subi­to pre­so non appe­na inse­dia­ti. Il nostro obiet­ti­vo era quel­lo di dare a Pan­tel­le­ria un nuo­vo pun­to di attrac­co. Uno dei moti­vi fon­da­men­ta­li era crea­re un nuo­vo ingres­so all’isola per i turi­sti pro­ve­nien­ti dal­la par­te sud-occi­den­ta­le dell’isola e per quan­ti, arri­va­ti a Paler­mo via mare o via ter­ra, pos­so­no ave­re un col­le­ga­men­to diret­to tra il capo­luo­go e Maza­ra tra­mi­te l’autostrada.

Un altro moti­vo, anche quel­lo, fon­da­men­ta­le per i pan­te­schi, era di accor­cia­re i tem­pi di navi­ga­zio­ne per far sì che nei perio­di in cui le con­di­zio­ni meteo non per­met­to­no la trat­ta su Tra­pa­ni, ci sia un appro­do alter­na­ti­vo di più bre­ve e faci­le attrac­co per non far rima­ne­re Pan­tel­le­ria iso­la­ta per lun­ghi perio­di come è suc­ces­so, per esem­pio, nel dicem­bre scorso.”

La visio­ne del­la Giun­ta Cam­po però è anco­ra più ampia e dopo il pri­mo tra­guar­do, si orien­ta a far pro­se­gui­re il pro­get­to e por­tar­lo fino in Tuni­sia, altra trat­ta impor­tan­tis­si­ma del passato.

Stia­mo lavo­ran­do per far pro­se­gui­re que­sta trat­ta anche ver­so la Tuni­sia e per que­sto chie­de­rò un impe­gno impor­tan­te a tut­te le isti­tu­zio­ni inte­res­sa­te. Pan­tel­le­ria è geo­gra­fi­ca­men­te più vici­na alla Tuni­sia che alla Sici­lia e i rap­por­ti tra comu­ni­tà pan­te­sca e tuni­si­na nei seco­li sono sta­ti stret­ti e sem­pre di pro­fon­da ami­ci­zia. Non a caso la Muni­ci­pa­li­tà di Keli­bia ha già mostra­to il suo inte­res­se nel pro­get­to e ha dato la dispo­ni­bi­li­tà per ospi­ta­re un col­le­ga­men­to diret­to, tan­to che han­no già ini­zia­to i lavo­ri nel loro por­to per ospi­ta­re la nave.

Ci impe­gne­re­mo in que­sto nuo­vo pro­get­to, ma nel frat­tem­po dico al col­le­ga Sin­da­co di Maza­ra e ai maza­re­si: ben­ve­nu­ti a Pan­tel­le­ria!