Pantelleria, celebrata stamattina la Madonna di Loreto, Patrona dell’Aeronautica

Pantelleria, celebrata stamattina la Madonna di Loreto, Patrona dell’Aeronautica

10/12/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 751 volte!

È stata celebrata stamattina la messa per la Beata Vergine Lauretana, Patrona dell’Aeronautica militare.

Ecco l’intervento del Ten. Col. Deastis

In occa­sione del­la ricor­ren­za del­la Bea­ta Vergine Lau­re­tana-Patrona dell’Aeronautica Mil­itare, è sta­ta cel­e­bra­ta oggi una San­ta Mes­sa solenne alla pre­sen­za delle autorità mil­i­tari e civili dell’isola.

Par­ti­co­lar­mente sen­ti­ta quest’anno la solen­nità dell’evento che cel­e­bra il Cen­te­nario del­la procla­mazione del­la Madon­na di Lore­to quale “Patrona degli Aero­nau­ti”. Dal 24 mar­zo 1920, data in cui Papa Benedet­to XV fir­mò la Bol­la con la quale la Bea­ta Vergine Lau­re­tana assurge­va a nos­tra San­ta Patrona, la Madre Celeste è sta­ta fonte di ispi­razione costante in tut­ta la sto­ria dell’Aeronautica Mil­itare e rifer­i­men­to sicuro per quan­ti nel mon­do del volo ad Essa si affi­dano. Esat­ta­mente un anno fa, l’apertura del­la Por­ta San­ta al san­tu­ario di Lore­to dava il via al Giu­bileo Lau­re­tano, poi pro­roga­to fino al dicem­bre 2021 dal San­to Padre a causa del­la pan­demia in atto. Pan­tel­le­ria è sta­ta tra i pri­mi luoghi ad accogliere la visi­ta del­la sacra effige itin­er­ante lo scor­so gen­naio in un viag­gio volu­to pro­prio per cel­e­brare la solen­nità del cen­te­nario. Il calore e la devozione dei pan­teschi per l’occasione è un ricor­do anco­ra molto vivo.

Il T.Col. Francesco Deast­is, Coman­dante del Dis­tac­ca­men­to Aero­por­tuale di Pan­tel­le­ria, ha ricorda­to nel suo dis­cor­so come quest’anno, in maniera ancor più tan­gi­bile, il servizio ed il con­trib­u­to degli uomi­ni e donne in azzur­ro siano sta­ti utili alla Nazione.

Un anno dif­fi­cile, ha det­to. Un anno in cui però non ci siamo mai fer­mati e che ci ha vis­to ancor più impeg­nati, oltre che nelle nor­mali attiv­ità, al fian­co del­la gente per il bene comune nel­la ter­ri­bile pan­demia. L’Aeronautica ha trasporta­to pazi­en­ti malati, cit­ta­di­ni in rien­tro dall’estero, mate­ri­ali e mezzi, ha aiu­ta­to a costru­ire ospedali e sup­por­t­a­to logis­ti­ca­mente alcune strut­ture mediche, ha for­ni­to il sup­por­to con medici e infer­mieri. Sem­pre con la stes­sa pas­sione, la com­ple­ta dedi­zione e con cor­ag­gio.”

Doveroso quin­di il plau­so e la grat­i­tu­dine a tut­to il per­son­ale del’ Aero­nau­ti­ca, e del Dis­tac­ca­men­to in par­ti­co­lare, che si è sac­ri­fi­ca­to operan­do con costan­za ed impeg­no stra­or­di­nario con­tin­uan­do a garan­tire l’operatività dell’Ente.

Ricor­dan­do poi tut­ti gli avi­a­tori cadu­ti nel com­pi­men­to del pro­prio dovere, ha esor­ta­to tut­ti a riv­ol­ger­si come sem­pre alla Celeste Patrona per cer­care la forza e l’ispirazione per con­tin­uare a servire il Paese con orgoglio e giustez­za, offren­do sem­pre l’impegno e la deter­mi­nazione al servizio del­la collettività.

 

LA MADONNA DI LORETO PATRONA DEGLI AVIATORI

Il legame tra l’Aeronautica Mil­itare e la Madon­na di Lore­to risale ai pri­mi decen­ni del XX sec­o­lo, quan­do la Vergine Maria com­in­ciò ad essere ven­er­a­ta quale pro­tet­trice degli avi­a­tori. Ques­ta solen­nità mar­i­ana si ricol­le­ga alla tradizione sec­on­do la quale il sacel­lo, ven­er­a­to a Lore­to, sia la cam­era nel­la quale a Nazaret, in Galilea, Maria nacque, fu edu­ca­ta e ricevette l’an­nun­cio angeli­co. Questo pic­co­lo san­tu­ario bib­li­co, cadu­to in mano dei musul­mani, venne trasla­to pri­ma a Tarsat­to in Dal­mazia (1291), poi nel­la sel­va di Reca­nati ed infine a Lore­to nel­la notte tra il 9 e il 10 dicem­bre del 1294. La cre­den­za popo­lare ha attribuito alla ‘mano di angeli’ il trasporto a Lore­to del­la ‘San­ta Casa’. Tale even­to viene oggi rie­vo­ca­to con la cosid­det­ta ‘Fes­ta del­la Venu­ta’, una serie di cel­e­brazioni che si ten­gono ogni 10 dicembre.

La con­vinzione di ques­ta mira­colosa traslazione “volante” spinse papa Benedet­to XV, accoglien­do i desideri dei piloti del­la pri­ma guer­ra mon­di­ale, a nom­inare con il Breve Pon­tif­i­cio del 24 mar­zo 1920, la Bea­ta Vergine di Lore­to “Patrona di tut­ti gli aero­nau­ti”. La pro­tezione di Maria, per­tan­to, non si evo­ca e non si limi­ta all’attività di volo mil­itare, ma si riferisce ad ogni per­sona che viag­gia e a quan­ti, nei veliv­oli stes­si o nei servizi di ter­ra, sono respon­s­abili del­la sicurez­za e del­la tran­quil­lità di col­oro che sono trasportati. Il San­to Padre approvò anche la for­mu­la di benedi­zione degli aerei, che fece inserire nel Rit­uale Romano. La for­mu­la è cos­ti­tui­ta da tre orazioni spe­ciali. Nel­la pri­ma si implo­ra Dio affinché l’aereo ser­va alla sua glo­ria e al bene dell’umanità, e si fan­no voti di inco­lu­mità per col­oro che se ne ser­vono. Nel­la sec­on­da e nel­la terza si implo­ra che la Vergine Maria e l’Angelo del Sig­nore accom­pa­gni­no i trasvola­tori e li fac­ciano arrivare inco­lu­mi alla meta.

Di lì a poco, il 28 mar­zo 1923, l’Aero­nau­ti­ca Mil­itare sarebbe sta­ta fon­da­ta quale Forza Arma­ta. Da allo­ra, in tut­ti i Repar­ti si ven­era la Vir­go Lau­re­tana e ogni anno l’Aeronautica Mil­itare cel­e­bra tale ricorrenza.