Pantelleria: il 28 febbraio incontro in Mediateca sul ‘Pantelleria Doc’

Pantelleria: il 28 febbraio incontro in Mediateca sul ‘Pantelleria Doc’

26/02/2020 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 521 volte!

Pantelleria: venerdì 28 febbraio incontro in Mediateca sulla questione ‘Pantelleria Doc’ convocato dalla Regione.

Il Sindaco Campo: “Noi ci saremo e ancora una volta peroreremo le nostre ragioni e la difesa della nostra identità”

 

Si ter­rà vener­dì 28 feb­bra­io alle ore 17.00 pres­so la Media­te­ca Comu­na­le di Pan­tel­le­ria un incon­tro con­vo­ca­to dall’Assessorato Regio­na­le dell’Agricoltura, del­lo Svi­lup­po Rura­le e del­la Pesca Medi­ter­ra­nea, in meri­to alla doman­da di pro­po­sta di modi­fi­ca del Disci­pli­na­re ‘Pan­tel­le­ria Doc’.

L’incontro è sta­to indet­to a segui­to del­la doman­da pre­sen­ta­ta dal Con­sor­zio Volon­ta­rio per la Tute­la e la Valo­riz­za­zio­ne dei Vini Doc dell’Isola di Pan­tel­le­ria il 21 otto­bre 2019, pub­bli­ca­ta sul GURS n. 53 del 29 novem­bre 2019, a segui­to del­la qua­le sono per­ve­nu­te alla Regio­ne diver­se opposizioni.

Nell’assise, a cui sono sta­ti invi­ta­ti oltre al Con­sor­zio, il Comu­ne di Pan­tel­le­ria, il Par­co Nazio­na­le e tut­ti i sog­get­ti che con i due enti han­no pre­sen­ta­to oppo­si­zio­ne alla modi­fi­ca, si ascol­te­ran­no le moti­va­zio­ni del­le par­ti e saran­no for­ni­ti even­tua­li chiarimenti.

È impor­tan­te che i pan­te­schi par­te­ci­pi­no a que­sto incon­tro,” dichia­ra il Sin­da­co, Vin­cen­zo Cam­po. “Abbia­mo intra­pre­so una bat­ta­glia impor­tan­te sul­la sal­va­guar­dia del­la nostra iden­ti­tà e dei nostri pro­dot­ti e que­sta assi­se può esse­re un momen­to fon­da­men­ta­le per rap­pre­sen­ta­re le nostre ragio­ni alla pre­sen­za dei fun­zio­na­ri del Dipar­ti­men­to Regio­na­le dell’Agricoltura.

Ci fac­cia­mo lato­ri dell’invito dell’Assessorato Regio­na­le alla cit­ta­di­nan­za tut­ta a par­te­ci­pa­re, anche se anco­ra non sem­bra esser­ci la con­fer­ma del­la pre­sen­za del Consorzio. 

Noi ci sare­mo e anco­ra una vol­ta pero­re­re­mo le nostre ragio­ni e la dife­sa del­la nostra iden­ti­tà. Spe­ria­mo viva­men­te che nes­su­no si sot­trag­ga a que­sto con­fron­to, nel rispet­to del­la cit­ta­di­nan­za, dei pro­dut­to­ri e dell’isola tut­ta.”