Lamentu di riposanatichi: Lillo Di Bonsulton e la poesia sulle sedie del Giamporcaro

Lamentu di riposanatichi: Lillo Di Bonsulton e la poesia sulle sedie del Giamporcaro

13/01/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 117 volte!

In questa poesia, Lillo Di Bonsulton descrive in modo ironico una delle attività frequenti presso il Centro Giamporcaro: rimettere a posto le sedie, ‘riposanatichi’, quando è terminato un evento.

Lillo è uno dei membri del Centro e dà sempre una mano.

In questa poesia ha inteso ricordare anche tutto il lavoro che i volontari fanno dopo le attività e il clima di collaborazione e amicizia che li caratterizza.

LAMENTU DI RIPOSANATICHI 

Tut­ti j voti chi lu tem­pu,
Si va sem­pri a mas­cari­ari,
Din­tra u’ Cen­tru Gian­pur­caru,
Si va gen­ti a mun­sid­drari.

Mmecj quan­nu chi lu tem­pu,
Esti chiaru e risplin­nen­ti,
Van­nu tut­ti a pas­sig­g­jari
Sen­za trac­c­ja, cca las­sari.

E li seg­gi rifrid­drati,
Sen­za j natichi pujati,
Van­nu tut­ti a mur­mur­jari,
E san­tiu­na van­nu a jccari!

Nvecj quan­nu lu caluri,
Di li natichi ccj rri­va,
Tut­ti j seg­gi ammun­sid­drati,
Fan­nu fes­ta accalu­rati.

E sj sentinu ‘mpur­tan­ti,
Tut­ti chi­ni d’al­le­gria,
Pur si sun­nu rip­iz­za­ti,
D’a Sapu­ta e cumpag­n­ja.

Lil­lo Di Bon­sul­ton