PANTELLERIA: QUATTRO PERSONE DENUNCIATE DAI CARABINIERI

PANTELLERIA: QUATTRO PERSONE DENUNCIATE DAI CARABINIERI

25/03/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 392 volte!

PANTELLERIA, QUATTRO PERSONE DENUNCIATE DAI CARABINIERI PER INOSSERVANZA DEI PROVVEDIMENTI VARATI PER CONTRASTARE L’EMERGENZA CORONAVIRUS.

I Cara­binieri del­la Stazione di Pan­tel­le­ria, nel cor­so dei con­trol­li svolti quo­tid­i­ana­mente per ver­i­fi­care il rispet­to delle pre­scrizioni imposte per con­tenere il ris­chio di con­ta­gio da coro­n­avirus, han­no defer­i­to in sta­ti di lib­ertà quat­tro per­sone per la vio­lazione pre­vista dall’art 650 del Codice Penale che punisce le con­dotte di inot­tem­per­an­za ai provved­i­men­ti ema­nati dalle Autorità.

In par­ti­co­lare, nel fine set­ti­mana appe­na trascor­so, i Cara­binieri di Pan­tel­le­ria han­no denun­ci­a­to D.M.G. e G.T., rispet­ti­va­mente di 26 e 51 anni, in quan­to sor­pre­si a con­sumare bevande alcol­iche in pieno cen­tro cit­tadi­no, con­travve­nen­do all’obbligo — impos­to dal Decre­to del Pres­i­dente del Con­siglio dei Min­istri dell’8 e 9 mar­zo 2020 — di non uscire dalle pro­prie abitazioni sen­za gius­ti­fi­ca­to moti­vo. 

Per la stes­sa vio­lazione, sono sta­ti altresì denun­ciati F.M. e L.P.A., pan­teschi rispet­ti­va­mente di 23 e 27 anni i quali, a segui­to di con­trol­lo alla cir­co­lazione stradale, non adduce­vano valide moti­vazioni che ne gius­ti­fi­cas­sero il movi­men­to dalle pro­prie dimore. 

Oltre alle moltepli­ci pat­tuglie effet­tuate per il con­trol­lo del ter­ri­to­rio, i Cara­binieri di Pan­tel­le­ria svol­go­no quo­tid­i­ana­mente servizi di Polizia di Fron­tiera pres­so il locale Por­to e Aero­por­to, final­iz­za­ti — in questo momen­to di ele­va­to ris­chio per la salute pub­bli­ca —  a ver­i­fi­care i titoli di viag­gio delle per­sone in arri­vo ed in parten­za da Pan­tel­le­ria e le rel­a­tive auto­cer­ti­fi­cazioni attes­tanti la neces­sità degli sposta­men­ti.

Infine, speci­fi­ci servizi ven­gono svolti dai mil­i­tari dell’Arma per ver­i­fi­care il rispet­to del­la per­ma­nen­za domi­cil­iare con iso­la­men­to fidu­cia­rio impos­to dalle ordi­nanze region­ali e sin­da­cali nei con­fron­ti di col­oro che sono rien­trati sul ter­ri­to­rio pan­tesco prove­ni­en­ti da altre local­ità.