Avviso del Comune di Pantelleria del 13-03-2020 sull’Emergenza Coronavirus

Avviso del Comune di Pantelleria del 13-03-2020 sull’Emergenza Coronavirus

15/03/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 339 volte!

COMUNE DI PANTELLERIA

Libero Consorzio Comunale di Trapani

IL SINDACO 

AVVISO ALLA CITTADINANZA

Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19 ed a titolo precauzionale e cautelare.

 VISTO

  • Il DPCM 11.03.2020, recante aggior­na­men­ti sui DPCM prece­den­ti recante “Ulte­ri­ori dis­po­sizioni attua­tive del decre­to-legge 23 feb­braio 2020, n.6, recante mis­ure urgen­ti in mate­ria di con­teni­men­to e ges­tione del­l’e­mer­gen­za epi­demi­o­log­i­ca da COVID-19, applic­a­bili sul­l’in­tero ter­ri­to­rio nazionale”.
  • Il DPCM 09.03.2020, recante “Ulte­ri­ori dis­po­sizioni attua­tive del decre­to-legge 23 feb­braio 2020, n.6, recante mis­ure urgen­ti in mate­ria di con­teni­men­to e ges­tione del­l’e­mer­gen­za epi­demi­o­log­i­ca da COVID-19, applic­a­bili sul­l’in­tero ter­ri­to­rio nazionale”, con il quale ven­gono appli­cate all’intero ter­ri­to­rio le dis­po­sizioni di cui all’art. 1 del DPCM 08.03.2020.
  • Il DPCM 08.03.2020, recante “Ulte­ri­ori dis­po­sizioni attua­tive del decre­to-legge 23 feb­braio 2020, n.6, recante mis­ure urgen­ti in mate­ria di con­teni­men­to e ges­tione del­l’e­mer­gen­za epi­demi­o­log­i­ca da COVID-19, applic­a­bili sul­l’in­tero ter­ri­to­rio nazionale”. Nuo­va indi­cazione delle “zone aran­cione” iden­ti­fi­cate nel­la Regione Lom­bar­dia e nelle province di Mod­e­na, Par­ma, Pia­cen­za, Reg­gio nell’Emilia, Rim­i­ni; Pesaro e Urbino; Alessan­dria, Asti, Novara, Ver­bano-Cusio-Osso­la, Ver­cel­li; Venezia, Pado­va, Tre­vi­so.
  • L’Ordinanza con­tin­gi­bile e urgente n. 5 del 12.03.2020 a fir­ma del Pres­i­dente del­la Regione Sicil­ia, recante Ulte­ri­ori mis­ure per la pre­ven­zione e ges­tione dell’emergenza epi­demi­o­log­i­ca da COVID-2019 in mate­ria di igiene e san­ità pub­bli­ca”.

È FATTO OBBLIGO

 

  1. Sec­on­do le dis­po­sizioni con­tenute nel DPCM 11.03.2020 che va osser­va­to nel­la sua total­ità.

-       Di sospendere le attiv­ità com­mer­ciali al det­taglio, fat­ta eccezione per le attiv­ità di ven­di­ta di generi ali­men­ta­ri e di pri­ma neces­sità indi­vid­u­ate nell’allegato 1 del DPCM 11 mar­zo 2020, sia nell’ambito degli eser­cizi com­mer­ciali di vic­i­na­to, sia nell’ambito del­la media e grande dis­tribuzione, anche ricom­pre­si nei cen­tri com­mer­ciali, purché sia con­sen­ti­to l’accesso alle sole pre­dette attiv­ità. Sono chiusi, indipen­den­te­mente dal­la tipolo­gia di attiv­ità svol­ta, i mer­cati, sal­vo le attiv­ità dirette alla ven­di­ta di soli generi ali­men­ta­ri. Restano aperte le edi­cole, i tabac­cai, le far­ma­cie, le para­far­ma­cie. Deve essere in ogni caso garan­ti­ta la dis­tan­za di sicurez­za inter­per­son­ale di un metro.

-       Di sospendere le attiv­ità dei servizi di ris­torazione (fra cui bar, pub, ris­toran­ti, gela­terie, pas­tic­cerie), ad esclu­sione delle mense e del cater­ing con­tin­u­a­ti­vo su base con­trat­tuale, che garan­tis­cono la dis­tan­za di sicurez­za inter­per­son­ale di un metro. Res­ta con­sen­ti­ta la sola ris­torazione con con­seg­na a domi­cilio nel rispet­to delle norme igeni­co-san­i­tarie si aper l’attività di con­fezion­a­men­to che di trasporto.

-       Di sospendere le attiv­ità iner­en­ti i servizi alla per­sona (fra cui par­ruc­chieri, bar­bi­eri, estetisti).  Restano garan­ti­ti, nel rispet­to delle norme igien­i­co-san­i­tarie, i servizi ban­cari, finanziari, assi­cu­ra­tivi nonché l’attività del set­tore agri­co­lo, zootec­ni­co di trasfor­mazione agro-ali­menta­re com­p­rese le fil­iere che ne for­niscono beni e servizi.

Restano comunque valide le dis­po­sizioni dei DPCM 08.03.2020 e 09.03.2020 che non con­trastano con quan­to in prece­den­za indi­ca­to per i quali si ripor­tano i prin­ci­pali.

-       Di rimanere pres­so la pro­pria abitazione o dimo­ra per i sogget­ti sot­to­posti alla misura del­la quar­an­te­na ovvero risul­tati pos­i­tivi al virus.

-       Di sospendere le man­i­fes­tazioni, gli even­ti e gli spet­ta­coli di qual­si­asi natu­ra, ivi inclusi quel­li cin­e­matografi­ci e teatrali, svolti in ogni luo­go, sia pub­bli­co sia pri­va­to.

-       Di sospendere tutte le man­i­fes­tazioni orga­niz­zate, nonché gli even­ti in luo­go pub­bli­co o pri­va­to, ivi com­pre­si quel­li di carat­tere cul­tur­ale, ludi­co, sporti­vo, reli­gioso e fieris­ti­co anche, se svolti in luoghi chiusi ma aper­ti al pub­bli­co, quali, a tito­lo di esem­pio, cin­e­ma, pub, scuole di bal­lo, sale giochi, sale scommesse e sale bin­go, dis­coteche e locali assim­i­lati.

-       Per l’apertura dei luoghi di cul­to, di adottare mis­ure orga­niz­za­tive tali da evitare assem­bra­men­ti di per­sone, tenen­do con­to delle dimen­sioni e delle carat­ter­is­tiche dei luoghi, e tali da garan­tire ai fre­quen­ta­tori la pos­si­bil­ità di rispettare la dis­tan­za tra loro di almeno 1 metro. Sono sospese le cer­i­monie civili e reli­giose ivi com­p­rese quelle fune­bri.

-       Di ces­sare ogni attiv­ità di palestre, piscine, cen­tri benessere, cen­tri cul­tur­ali, cen­tri sociali, cen­tri ricre­ativi.

  1. Sec­on­do le dis­po­sizioni con­tenute nell’Ordinanza n. 5 del 12.03.2020 a fir­ma del Pres­i­dente del­la Regione Sicil­ia, che va osser­va­ta nel­la sua total­ità.

-       AI SOGGETTI RESIDENTI O DOMICILIATI NELL’INTERO TERRITORIO REGIONALE CHE VI FACCIANO RIENTRO DA ALTRE REGIONI O DALL’ESTERO, DI COMUNICARE TALE CIRCOSTANZA AL COMUNE, AL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DELL’AZIENDA SANITARIA COMPETENTE PER TERRITORIO, NONCHÉ AL PROPRIO MEDICO DI MEDICINA GENERALE OVVERO AL PEDIATRA DI LIBERA SCELTA CON OBBLIGO DI OSSERVARE LA PERMANENZA DOMICILIARE CON ISOLAMENTO FIDUCIARIO, MANTENENDO LO STATO DI ISOLAMENTO PER 14 GIORNI DALL’ARRIVO CON DIVIETO DI CONTATTI SOCIALI, DI OSSERVARE IL DIVIETO DI SPOSTAMENTO E DI VIAGGI, DI RIMANERE RAGGIUNGIBILE PER OGNI EVENTUALE ATTIVITÀ DI SORVEGLIANZA. NEL CASO IN CUI L’APPARTAMENTO NON GODA DI STANZA ISOLATA CON BAGNO ANNESSO AD ESCLUSIVO UTILIZZO, I FAMILIARI CONVIVENTI DOVRANNO SOTTOSTARE, CON LE MEDESIME MODALITÀ, ALL’OBBLIGO DI OSSERVARE LA PERMANENZA DOMICILIARE CON ISOLAMENTO FIDUCIARIO.

-       AI SOGGETTI CHE FANNO INGRESSO NEL TERRITORIO REGIONALE PER COMPROVATE ESIGENZE LAVORATIVE, PURCHÉ RIENTRANTI TRA QUELLE ESPRESSAMENTE CONSENTITE DAL DPCM DEL 11 MARZO 2020, DI ADOTTARE TUTTE LE MISURE PREVISTE PER IL CONTENIMENTO DEL CONTAGIO DA COVID-19 DALLA NORMATIVA NAZIONALE E REGIONALE.

-       Di inter­dire l’accesso al pub­bli­co alle aree cimi­te­ri­ali restando lo stes­so con­sen­ti­to al per­son­ale addet­to e alle imp­rese eser­centi servizi fune­bri;

-       Al fine di evitare il sovraf­fol­la­men­to nelle banche e negli uffi­ci postali, di priv­i­le­gia­re l’attività degli sportel­li auto­mati­ci e a tal fine si deve assi­cu­rare la disponi­bil­ità dei pre­lievi alla luce delle sopravvenute esi­gen­ze provve­den­do alla quo­tid­i­ana san­i­fi­cazione;

-       per tutte le attiv­ità non sospese, di pro­muo­vere al mas­si­mo l’utilizzo delle modal­ità di lavoro agile.

-       Per con­trastare fenomeni di pos­si­bile allarme sociale, ai respon­s­abili dei rel­a­tivi eser­cizi com­mer­ciali di vig­i­lare su episo­di di acquis­to di ingius­tifi­cate quan­tità di prodot­ti ali­men­ta­ri, san­i­tari e far­ma­ceu­ti­ci.

LA MANCATA OSSERVANZA DEGLI OBBLIGHI DI CUI AI PRECEDENTI PUNTI A. E B. ED ALLE DISPOSIZIONI PREVISTE NEL DPCM DEL 08.03.2020 E NELLE ORDINANZE CONTINGIBILI E URGENTI N. 3 e 4 DEL 08.03.2020 A FIRMA DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIA, COMPORTERÀ LE CONSEGUENZE SANZIONATORIE PREVISTE DALL’ART. 650 DEL CODICE PENALE SE IL FATTO NON COSTITUISCE REATO PIÙ GRAVE (art. 452 – Codice Penale).

È FORTEMENTE RACCOMANDATO

-       a tutte le per­sone anziane o affette da patolo­gie croniche o con mul­ti mor­bil­ità ovvero con sta­ti di immun­ode­pres­sione con­geni­ta o acquisi­ta, di evitare di uscire dal­la pro­pria abitazione o dimo­ra fuori dai casi di stret­ta neces­sità e di evitare comunque luoghi affol­lati nei quali non sia pos­si­bile man­tenere la dis­tan­za di sicurez­za inter­per­son­ale di almeno un metro.

-       Ai sogget­ti con sin­toma­tolo­gia da infezione res­pi­ra­to­ria e feb­bre (mag­giore di 37,5°), di rimanere pres­so il pro­prio domi­cilio e di lim­itare al mas­si­mo i con­tat­ti sociali, con­tat­tan­do il pro­prio medico curante. Evitare di recar­si in ospedale sen­za aver con­sul­ta­to il pro­prio medico.

È DOVERE CIVICO

Per chi­unque, anche in assen­za di sin­to­mi, giun­to sull’isola di Pan­tel­le­ria, che abbia sog­gior­na­to, negli ulti­mi quat­tordi­ci giorni, nel­la Regione Sicil­ia, di avvis­are il pro­prio medico curante o il pedi­atra di lib­era scelta, se pre­sente a Pan­tel­le­ria, oppure, in assen­za, l’ufficiale san­i­tario locale (tel. 347.855.0175).

SI INFORMA

Ø  Che sono attivi i seguen­ti numeri di pub­bli­ca util­ità:

112 — Numero Uni­co dell’Emergenza

1500 — Numero Nazionale Min­is­tero del­la Salute

800.458.787 — Numero verde

Ø  Che gli sposta­men­ti all’interno dell’isola e per recar­si sul­la ter­ra fer­ma devono essere deter­mi­nate da:

o   Com­pro­vate esi­gen­ze lavo­ra­tive

o   Situ­azioni di neces­sità

o   Motivi di salute

o   Rien­tro pres­so il pro­prio domi­cilio, abitazione e res­i­den­za.

Il mod­u­lo di autodichiarazione, che deve sem­pre accom­pa­gnare gli sposta­men­ti dal pro­prio domi­cilio, è scar­i­ca­bile al seguente link:

http://www.comunepantelleria.it/autodichiarazione-covid-19-del-10-marzo-2020/

 

Si ripor­tano le Mis­ure igien­i­co-san­i­tarie, con­tenute nel DPCM 08 Mar­zo 2020, Alle­ga­to 1:

  1. a) lavar­si spes­so le mani.  Si rac­co­man­da di met­tere   a dis­po­sizione in tut­ti i locali     pub­bli­ci, palestre, super­me­r­cati, far­ma­cie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroal­col­iche per il lavag­gio delle mani;
  2. b) evitare il con­tat­to ravvi­c­i­na­to con per­sone che sof­frono di infezioni res­pi­ra­to­rie acute;
  3. c) evitare abbrac­ci e strette di mano;
  4. d) man­ten­i­men­to, nei con­tat­ti sociali, di   una   dis­tan­za inter­per­son­ale di almeno un metro;
  5. e) igiene res­pi­ra­to­ria (star­nu­tire e/o tossire in un faz­zo­let­to evi­tan­do il con­tat­to delle mani con le secrezioni res­pi­ra­to­rie);
  6. f) evitare l’uso promis­cuo di bot­tiglie e bic­chieri, in par­ti­co­lare durante l’at­tiv­ità sporti­va;
  7. g) non toc­car­si occhi, naso e boc­ca con le mani;
  8. h) coprir­si boc­ca e naso se si star­nutisce o tossisce;
  9. i) non pren­dere far­ma­ci antivi­rali e antibi­oti­ci, a meno che siano pre­scrit­ti dal medico;
  10. j) pulire le super­fi­ci con dis­in­fet­tan­ti a base di cloro o alcol;
  11. k) usare la masche­ri­na solo se si sospet­ta di essere malati o se si pres­ta assis­ten­za a per­sone malate.

 

 

                                                                                        Il Sin­da­co

                                                                                Dott. Vin­cen­zo Cam­po

 

Pan­tel­le­ria, 13 mar­zo 2020

 


Foto di Tom­ma­so Brignone