Pantelleria, intervista a Morgan Brignone (FdI): abbiamo appena iniziato…

Pantelleria, intervista a Morgan Brignone (FdI): abbiamo appena iniziato…

31/05/2019 0 Di Francesca Marrucci

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 333 volte!

Dopo le Elezioni Europee, abbiamo sentito il Segretario di Fratelli d’Italia di Pantelleria, Morgan Brignone, che non nasconde la soddisfazione per il risultato ottenuto e considera questo l’inizio di un percorso politico tra i panteschi.

di Francesca Mar­ruc­ci

Dopo le Elezioni Europee, abbi­amo sen­ti­to il Seg­re­tario di Fratel­li d’I­talia di Pan­tel­le­ria, Mor­gan Brignone, che non nasconde la sod­dis­fazione per il risul­ta­to ottenu­to e con­sid­era questo l’inizio di un per­cor­so politi­co tra i pan­teschi.

Fratelli d’Italia ha ottenuto a Pantelleria un ottimo risultato alle elezioni Europee, superando l’8%, con un aumento del 6,40% dalle Europee del 2014. Tenuto conto anche dell’astensionismo, come avete accolto questo dato?

Indub­bi­a­mente il con­sen­so nei con­fron­ti di FdI è aumen­ta­to. Ave­vo vis­to i risul­tati delle ultime politiche e aus­pi­ca­vo una con­fer­ma, invece abbi­amo avu­to un notev­ole incre­men­to, soprat­tut­to rispet­to a 5 anni fa. Sicu­ra­mente, questo è il risul­ta­to di una cam­pagna elet­torale fat­ta tra la gente, nelle case. Come abbi­amo det­to anche nel­l’in­ter­vista prece­dente, la nos­tra azione è sta­ta incen­tra­ta prin­ci­pal­mente tra i pan­teschi, non sui social. La gente ha bisog­no di par­lare, di essere ascolta­ta e devo dire che ques­ta cam­pagna elet­torale è sta­ta molto sen­ti­ta dal pun­to di vista emo­ti­vo, non nascon­do che alcune sto­rie ci han­no strap­pa­to anche qualche lacrima.

Anche il vostro candidato ce l’ha fatta…

Sì, anche questo è sta­to moti­vo di sod­dis­fazione. Raf­faele Stan­car­el­li è sta­to elet­to e a Pan­tel­le­ria ha pre­so più pref­eren­ze del­la Mel­oni, questo sig­nifi­ca che la gente ha vota­to gra­zie alla nos­tra indi­cazione più che al trend nazionale.

Vi siete fatti un’idea della provenienza dei vostri voti? Altrove FdI e Lega hanno quasi annientato Forza Italia che però a Pantelleria regge, allora da dove arriva il vostro nuovo elettorato?

Sec­on­do me, gran parte dei voti ven­gono del M5S. Mol­ta gente di destra e cen­trode­stra che ave­va dato fidu­cia al Par­ti­to di Gril­lo non si sente più rap­p­re­sen­ta­ta ed è sta­ta ques­ta una costante che ci siamo sen­ti­ti ripetere durante la cam­pagna elet­torale. Soprat­tut­to i grilli­ni non stan­no più sul ter­ri­to­rio come pri­ma. Forza Italia a Pan­tel­le­ria è molto rad­i­ca­ta, il Cir­co­lo ha anco­ra un ruo­lo impor­tante, quin­di sicu­ra­mente ha ret­to, nonos­tante la fles­sione nazionale, anche per questo.

Quindi lei pensa che a FdI spetti il ruolo di partito proletario e della gente come era una volta tipico della sinistra?

Questo ruo­lo noi l’ab­bi­amo sem­pre avu­to, solo che a Pan­tel­le­ria era­no i 5 Stelle ad essere più pre­sen­ti, anche per numero. Ora molti ci han­no con­fer­ma­to di sen­tir­si abban­do­nati. Va bene la pro­pa­gan­da sui social, ma bisogna saper ascoltare anche chi sui social non c’è e noi a questo abbi­amo dato una rispos­ta con la nos­tra pre­sen­za sul ter­ri­to­rio.

E ora che succede?

Questo per noi non è un pun­to di arri­vo, ma di parten­za. Abbi­amo subito tenu­to una riu­nione il giorno dopo le elezioni e abbi­amo inizia­to questo per­cor­so che insieme a Stan­car­el­li ci vedrà in pri­ma lin­ea per portare avan­ti una battaglia per le isole minori ed in par­ti­co­lare per Pan­tel­le­ria.

Le parole chiave?

Trasporti, zona fran­ca e caro car­bu­rante.

E qual è il rapporto con e altre forze politiche di centrodestra e con la Lega alla luce di questi risultati?

Sti­amo rifinen­do il nos­tro pro­gram­ma politi­co per l’iso­la per le prossime ammin­is­tra­tive. So che sem­bra presto, ma vogliamo elab­o­rare un pro­gram­ma parte­ci­pa­to con la gente e con le altre forze di cen­trode­stra, quin­di è bene iniziare subito. Siamo favorevoli a creare alleanze e non abbi­amo prob­le­mi a strin­gere accor­di su un prog­et­to serio per Pan­tel­le­ria, anche per­ché ora è palese che il cen­trode­stra a Pan­tel­le­ria è mag­gio­ran­za.

Il vostro circolo, lo dicemmo prima del voto, è giovane con un’età media sui 30 anni. È cambiato qualcosa dopo questa campagna elettorale?

Direi pro­prio di sì, ci siamo invec­chiati! A parte gli scherzi, sono entrati tan­ti adul­ti e per­sone di una cer­ta età che han­no alza­to l’età media e han­no mes­so a dis­po­sizione la loro espe­rien­za. Gra­zie a loro, abbi­amo potu­to coprire tut­ti i seg­gi durante le elezioni con i nos­tri rap­p­re­sen­tan­ti di lista e questo anche è sta­to molto impor­tante.

Prima iniziativa in programma ora?

Par­tire­mo con l’inizia­ti­va con­tro il degra­do nei pic­coli cen­tri e inizier­e­mo gli incon­tri con le altre forze per vedere se c’è con­di­vi­sione nel pro­gram­ma politi­co. Da noi tutte le forze del cen­trode­stra saran­no ben­venute per col­lab­o­rare e costru­ire un’al­ter­na­ti­va val­i­da per Pan­tel­le­ria. Abbi­amo appe­na inizia­to…