Pantelleria: protocollata la richiesta di cittadinanza onoraria per Liliana Segre

Pantelleria: protocollata la richiesta di cittadinanza onoraria per Liliana Segre

13/11/2019 1 Di Angelo Fumuso

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 403 volte!

Protocollata la richiesta al Consiglio Comunale di Pantelleria per dare la cittadinanza onoraria alla Senatrice Liliana Segre

 

Il 11 Novem­bre ho fat­to pro­to­col­lare la seguente richi­es­ta sot­to­scrit­ta da numerosi cit­ta­di­ni pan­teschi che come me han­no sen­ti­to  la neces­sità, sep­pur con un atto squisi­ta­mente sim­bol­i­co, di dire bas­ta a ques­ta cam­pagna di odio e di razz­is­mo che mai si era­no visti nel­la sto­ria del­la Repub­bli­ca Ital­iana.

A segui­to di una mobil­i­tazione spon­tanea di tan­ti cit­ta­di­ni del­la provin­cia di Tra­pani, che si è con­cretiz­za­ta nell’idea con­ferire la cit­tad­i­nan­za ono­raria a Lil­iana Seg­re in tut­ti i Comu­ni, il gius­to modo per dire a quel­la bam­bi­na cac­cia­ta da scuo­la per col­pa di leg­gi ingiuste affinché, non accadrà più.

Alcu­ni ammin­is­tra­tori di Tra­pani, Erice, Pace­co, Castel­lam­mare, Fav­i­g­nana, Castel­ve­tra­no, San Vito Lo Capo, Marsala, e Mazara del Val­lo, stan­no già pre­dispo­nen­do gli atti nec­es­sari a tale scopo. 

Noi cit­ta­di­ni di Pan­tel­le­ria chiedi­amo al Con­siglio Comu­nale del Comune di Pan­tel­le­ria di aderire a tale inizia­ti­va dan­do il con­sen­so e pre­dispo­nen­do poi tut­ti gli atti nec­es­sari, per con­cedere la cit­tad­i­nan­za ono­raria alla Sen­a­trice Lil­iana Seg­re.

Mai si era vis­to tan­to accani­men­to, tan­to odio in Italia e la voglia di qual­cuno di far­ci riv­i­vere pagine che ave­va­mo rel­e­ga­to alla sto­ria. Una don­na di qua­si 90 anni costret­ta a vivere sot­to scor­ta, colpev­ole di avere invo­ca­to la nasci­ta di una Com­mis­sione par­la­mentare di ind­i­riz­zo e con­trol­lo sui fenomeni di intoller­an­za, razz­is­mo, anti­semitismo e istigazione all’odio e alla vio­len­za.

Durante la dis­cus­sione in sen­a­to la Sen­a­trice inter­venne affer­man­do:

«Tale Com­mis­sione potrà svol­gere una fun­zione impor­tante: è un seg­nale che come classe polit­i­ca riv­ol­giamo al Paese, di moral­ità, ma anche di atten­zione demo­c­ra­t­i­ca ver­so fenomeni che rischi­ano di degener­are. Isti­tuire ques­ta Com­mis­sione, però, è anche l’occasione per col­mare una ‘lacu­na’ — e qui uso le vir­go­lette con pro­pri­età di causa — per­ché si trat­ta di dare un sen­so più com­pi­u­to alla già cita­ta deci­sione euro­pea.»

Andan­do a tes­ti­mo­ni­are nelle scuole, alla Sen­a­trice è sta­ta riv­ol­ta qua­si sem­pre la stes­sa doman­da : “Ma come ha fat­to a resistere a tan­to odio? Che muro ha con­trap­pos­to ? Solo amore! ha rispos­to.”

Ricor­diamo che la nos­tra iso­la nei tem­pi è sta­ta col­o­niz­za­ta da tante razze e popoli del mediter­ra­neo. Qui han­no vis­su­to paci­fi­ca­mente e in armo­nia, a par­tire dall’invasione musul­mana: con­tinuiamo a dare questo mes­sag­gio: Pan­tel­le­ria iso­la del­la pace e dell’integrazione.”

Seguono le firme dei cit­ta­di­ni

Ange­lo Fumu­so