Pd Pantelleria: l’amministrazione faccia interventi provvisori al Lago

Pd Pantelleria: l’amministrazione faccia interventi provvisori al Lago

01/10/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1567 volte!

Il Par­ti­to Demo­c­ra­ti­co Pan­tel­le­ria, dopo la richi­es­ta di Con­siglio Comu­nale Urgente avan­za­ta lo scor­so 27 set­tem­bre ha pre­sen­ta­to, al Pres­i­dente del Con­siglio Comu­nale e ai due grup­pi con­sil­iari, un atto di ind­i­riz­zo con il quale si vuole impeg­nare il Sin­da­co e la Giun­ta Comu­nale ad eseguire i nec­es­sari inter­ven­ti provvi­sori di mes­sa in sicurez­za del cos­tone roc­cioso che sovras­ta la stra­da prin­ci­pale di acces­so al Lago di Venere e alla con­tra­da di Buge­ber, al fine di pot­er revo­care l’ordinanza 148/2018, ren­den­do di fat­to nuo­va­mente usufruibile det­ta stra­da. 

Era doveroso – dichiara il Coor­di­na­tore del Par­ti­to Demo­c­ra­ti­co Pan­tel­le­ria – dare segui­to alla nos­tra richi­es­ta di con­siglio stra­or­di­nario urgente, con un atto che si aus­pi­ca pos­sa essere con­di­vi­so e fat­to pro­prio da entram­bi i grup­pi con­sil­iari, por­ta­to in dis­cus­sione ed approva­to nel­la sedu­ta di con­siglio comu­nale stra­or­di­nario e urgente di giovedì 3 otto­bre, al fine di dare una seria, conc­re­ta ed imme­di­a­ta rispos­ta alla cit­tad­i­nan­za tut­ta. 

Un atto questo – con­clude Cap­padona – che sebbene pre­sen­ta­to da una forza polit­i­ca come il Par­ti­to Demo­c­ra­ti­co, fra l’altro ester­na al Con­siglio Comu­nale, vuole essere trasver­sale e super partes e che vuole avere come uni­co obi­et­ti­vo quel­lo di risol­vere una situ­azione di grave dis­a­gio in cui ver­sano da qua­si un anno in par­ti­co­lar modo gli abi­tan­ti del­la con­tra­da di Buge­ber e del­la local­ità Lago di Venere.

——

Atto di ind­i­riz­zo per eseguire i nec­es­sari inter­ven­ti provvi­sori di mes­sa in sicurez­za del cos­tone roc­cioso che sovras­ta la stra­da prin­ci­pale di acces­so al Lago di Venere e alla con­tra­da di Buge­ber

 

Il Con­siglio Comu­nale

 

Pre­mes­so:

 Che in data 20 novem­bre 2018 si è ver­i­fi­ca­to il crol­lo di alcu­ni grossi mas­si dal cos­tone che costeggia la stra­da prin­ci­pale di acces­so alla local­ità Lago di Venere e quin­di alla con­tra­da di Buge­ber; crol­lo che di fat­to ha ostru­ito qua­si com­ple­ta­mente la sede stradale.
 Che con ordi­nan­za n. 148/2018 il Sin­da­co di Pan­tel­le­ria, a segui­to di quan­to ver­i­fi­catosi, ha inter­det­to il tran­si­to lun­go la stra­da prin­ci­pale che con­duce alla local­ità Lago di Venere e alla con­tra­da di Buge­ber.
 Che esiste già dal 2016 un prog­et­to esec­u­ti­vo per l’intervento di con­sol­i­da­men­to fra l’altro del cos­tone roc­cioso sovras­tante la stra­da di acces­so al Lago di Venere, approva­to con delib­era di giun­ta regionale n. 200 del 15/05/2018.
 Che nel mese di feb­braio 2019 è sta­ta ban­di­ta, dall’Ufficio del Com­mis­sario di Gov­er­no con­tro il disses­to idro­ge­o­logi­co del­la Regione Sicil­ia, la gara d’appalto per l’affidamento dei lavori di con­sol­i­da­men­to dei cos­toni roc­ciosi che sovras­tano   fra l’altro la stra­da che por­ta al Lago di Venere e alla con­tra­da Buge­ber;
 Che la Com­mis­sione giu­di­ca­trice, nom­i­na­ta dall’Ufficio del Com­mis­sario di Gov­er­no con­tro il disses­to idro­ge­o­logi­co del­la Regione Sicil­ia, ha val­u­ta­to le diciot­to offerte tec­niche ed eco­nomiche per la mes­sa in sicurez­za del cos­tone roc­cioso sovras­tante fra l’altro la stra­da di acces­so al Lago di Venere.
 Che a segui­to del­la sud­det­ta val­u­tazione sono sta­ti aggiu­di­cati provvi­so­ri­a­mente i lavori all’associazione tem­po­ranea d’imprese Gheller s.r.l. – Fox s.r.l. – Sofia Costruzioni s.r.l.
 Che l’associazione tem­po­ranea d’imprese Con­sol­i­da­men­ti Spe­ciali s.r.l. – Ghea s.r.l. – Vica s.r.l. ha pre­sen­ta­to ricor­so per l’annullamento del­la sud­det­ta aggiu­di­cazione provvi­so­ria.
 Che il TAR Sicil­ia con ordi­nan­za caute­lare ha accolto il ricor­so pre­sen­ta­to dall’ asso­ci­azione tem­po­ranea d’imprese Con­sol­i­da­men­ti Spe­ciali s.r.l. – Ghea s.r.l. – Vica s.r.l.; ricor­so che sarà dis­cus­so sola­mente il 21 mag­gio 2020.

Con­sid­er­a­to:

 Che in virtù dell’accoglimento del ricor­so da parte del TAR Sicil­ia si allungano enorme­mente i tem­pi per la real­iz­zazione dei lavori di con­sol­i­da­men­to del cos­tone roc­cioso che sovras­ta la stra­da di acces­so al Lago di Venere e alla con­tra­da di Buge­ber.
 Che sin dal mese di novem­bre 2018, tut­to il traf­fi­co veico­lare è sta­to dirot­ta­to ver­so la stra­da sec­on­daria, in ter­ra bat­tuta, di local­ità Kafaro, anch’essa però ogget­to di fenomeni di cadu­ta mas­si, come quel­li ver­ifi­cate­si in data 24 gen­naio 2019, che ha iso­la­to per alcune ore la con­tra­da di Buge­ber e la local­ità Lago di Venere.
 Che i res­i­den­ti nel­la con­tra­da di Buge­ber e nelle local­ità di Kat­tibuale e Lago di Venere, si sono riu­ni­ti in comi­ta­to spon­ta­neo (Comi­ta­to Pro Lago)e han­no avu­to già modo di man­i­festare il pro­prio sdeg­no per i gravi dis­a­gi che stan­no suben­do ormai da un anno a ques­ta parte, sia per la chiusura del­la stra­da prin­ci­pale Lago di Venere – Buge­ber che pe le con­dizioni di scarsa sicurez­za in cui ver­sa la stra­da sec­on­daria del Kafaro.

Ritenu­to:

 Che occorre dare delle chiare ed imme­di­ate risposte alla cit­tad­i­nan­za tut­ta ed in par­ti­co­lare agli abi­tan­ti nel­la local­ità Lago di Venere e nel­la con­tra­da di Buge­ber.

Visto:

 Le attuali risorse di bilan­cio disponi­bili.
 Gli inter­ven­ti di natu­ra provvi­so­ria posti in essere negli anni pas­sati quan­do si sono ver­i­fi­cati i medes­i­mi fenomeni di cadu­ta mas­si dal cos­tone roc­cioso sovras­tante la stra­da prin­ci­pale che con­duce alla local­ità Lago di Venere e alla Con­tra­da Buge­ber.

 

Per quan­to sopra, IMPEGNA il Sin­da­co e la Giun­ta Comu­nale ad eseguire i nec­es­sari inter­ven­ti provvi­sori di mes­sa in sicurez­za del cos­tone roc­cioso che sovras­ta la stra­da prin­ci­pale di acces­so al Lago di Venere e alla con­tra­da di Buge­ber, al fine di pot­er revo­care l’ordinanza 148/2018, ren­den­do di fat­to nuo­va­mente usufruibile det­ta stra­da.