Pantelleria, partiti i PUC, i Progetti Utili alla Collettività, svolti dai fruitori di Reddito di Cittadinanza

Pantelleria, partiti i PUC, i Progetti Utili alla Collettività, svolti dai fruitori di Reddito di Cittadinanza

17/05/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 1491 volte!

Pantelleria, partiti i PUC, i Progetti Utili alla Collettività, svolti dai fruitori di Reddito di Cittadinanza.

I primi due progetti, ‘Bene Comune’ e ‘Terra e Mare’ sono già in essere, prossimamente partiranno gli altri

 

Sono par­ti­ti la scor­sa set­ti­ma­na i PUC, Pro­get­ti di Uti­li­tà per la Col­let­ti­vi­tà, che devo­no esse­re rea­liz­za­ti dai frui­to­ri del Red­di­to di Cit­ta­di­nan­za. Si trat­ta di un impe­gno di 8 ore set­ti­ma­na­li in vari ambi­ti, sot­to la super­vi­sio­ne del per­so­na­le comunale.

I pri­mi due pro­get­ti a par­ti­re sono sta­ti ‘Bene Comu­ne’ e ‘Ter­ra e Mare’ che vedran­no le squa­dre di RdC impe­gna­te nel­la puli­zia del­le coste, nel­la manu­ten­zio­ne del­le aree ver­di, dei muret­ti e di altri lavo­ri con­cer­nen­ti il deco­ro urbano.

Sta­mat­ti­na, ad esem­pio, una squa­dra è sta­ta al lavo­ro lun­go un trat­to di costa che va da San Leo­nar­do a Bue Mari­no e ha ripu­li­to la zona dai rifiu­ti (foto in alle­ga­to). Un esem­pio impor­tan­te di lavo­ro per la comu­ni­tà e per il bene comune.

Ogni squa­dra ha rice­vu­to una for­ma­zio­ne ade­gua­ta alle nor­me vigen­ti ed è sta­ta for­ni­ta del vestia­rio e del­le nozio­ni neces­sa­rie per lavo­ra­re in sicu­rez­za ed ha un respon­sa­bi­le che si rap­por­ta con il Comu­ne. È segui­ta dagli ope­rai del Comu­ne che, a secon­da del­le indi­ca­zio­ni dell’Ufficio Tec­ni­co, indi­ca­no dove lavo­ra­re e cosa fare.

A lavo­ra­re a que­sti pri­mi due pro­get­ti sono già in 16 e pros­si­ma­men­te par­ti­ran­no anche gli altri progetti:

  • A pede (Pie­di­bus da casa a scuo­la e viceversa)
  • Custo­di del­la Cul­tu­ra (da impie­ga­re nei musei, nel castel­lo, in biblio­te­ca e in altri ambi­ti culturali)
  • Un ami­co in più (dedi­ca­to alla cura degli anziani)
  • Dopo la scuo­la (labo­ra­to­ri ludi­ci e doposcuola)
  • Casa-Scuo­la Tra­git­to Pro­tet­to (tra­spor­to sco­la­sti­co in bus)
  • Un ami­co a 4 Zam­pe (in col­la­bo­ra­zio­ne con il Cani­le e le asso­cia­zio­ni del territorio)

I PUC sono par­ti­ti solo ora per­ché han­no subi­to ritar­di a cau­sa del Covid e di altri pro­ble­mi buro­cra­ti­ci e sono un bell’esempio di col­la­bo­ra­zio­ne tra i Ser­vi­zi Socia­li del IV Set­to­re e l’Ufficio Tec­ni­co del II Set­to­re del Comu­ne, che han­no appron­ta­to i pro­get­ti (i pri­mi) e li stan­no por­tan­do a rea­liz­za­zio­ne (i secondi).

La fina­li­tà del Red­di­to di Cit­ta­di­nan­za non è solo quel­la di dare un soste­gno eco­no­mi­co a chi ha più neces­si­tà, ma anche dare una for­ma­zio­ne in vari ambi­ti che poi aiu­ti al rein­se­ri­men­to nel mon­do del lavo­ro. Per que­sto, oltre al deco­ro urba­no e alla manu­ten­zio­ne e puli­zia dei beni comu­ni, sono pre­vi­sti pro­get­ti che riguar­da­no il socia­le e la cultura.