EUDISHOW 2019: A BOLOGNA LA PANTELLERIA SUBACQUEA CONQUISTA TUTTI

EUDISHOW 2019: A BOLOGNA LA PANTELLERIA SUBACQUEA CONQUISTA TUTTI

08/03/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 611 volte!

Il Par­co Nazionale Iso­la di Pan­tel­le­ria è sta­to pre­sente al 27°european dive show, il salone inter­nazionale di sub­ac­quea pres­so la Fiera di Bologna con l’intervento di Ful­vio Fon­se­ca, som­moz­za­tore sci­en­tifi­co CEDIP-SIAS, del­e­ga­to dall’associazione ital­iana di vul­canolo­gia AIV. Viene così dato un con­cre­to segui­to all’accordo fra i due sogget­ti, avvi­a­to nel mese di dicem­bre, che prevede lo svilup­po di un det­taglia­to prog­et­to di “Val­oriz­zazione del pat­ri­mo­nio geo­logi­co e vul­canologi­co dell’isola”.

          La sto­ria erut­ti­va dell’isola, la sua con­for­mazione geo­log­i­ca e la sua col­lo­cazione nel canale di Sicil­ia che rap­p­re­sen­ta un’area geo­d­i­nam­i­ca e vul­cani­ca atti­va, han­no cat­tura­to l’attenzione del pub­bli­co durante l’intervento di Fon­se­ca, che è sta­to fra i pro­tag­o­nisti del­la cam­pagna di rac­col­ta dati nei fon­dali e nelle coste di Pan­tel­le­ria nell’agosto del 2016 e nel 2017. I dati delle ricerche, le pecu­liar­ità del ter­ri­to­rio e dei fon­dali han­no reso l’idea dell’unicità di Pan­tel­le­ria da sco­prire attra­ver­so i 110km di rete sen­tieris­ti­ca del Par­co Nazionale, divisi in 13 sen­tieri uffi­ciali, fra i quali è com­pre­so l’itinerario vul­canologi­co, con una lunghez­za di 19 Km, intera­mente carra­bile che parte dalle Grotte di Sataria, sale per il biv­io di Grazia e rag­giunge Bukkuràm e la Grot­ta del Fred­do. Pros­egue per incro­cia­re l’itinerario pedonale di Kùd­dia Mida e giunge, attra­ver­san­do le aree più interne dell’Isola, al Lago di Venere, Cala Cinque Den­ti e a Cala Gadir.     Un per­cor­so che con­sente di sco­prire gli stra­or­di­nari fenomeni di vul­can­is­mo nel set­tore emer­so che si man­i­fes­tano con attiv­ità di tipo idroter­male, quali fuma­role e sor­gen­ti spon­ta­nee di acqua ter­male, dif­fusi in tut­ta l’iso­la, com­pren­dono anche sor­gen­ti geot­er­miche marine, saune nat­u­rali in grot­ta, fuma­role, sor­gen­ti geot­er­miche ter­restri.

          La divul­gazione e la val­oriz­zazione del pat­ri­mo­nio cul­tur­ale som­mer­so sono sta­ti fin dagli inizi una delle attiv­ità più sen­tite del­la soprint­en­den­za del mare atti­van­do i percorsi/itinerari o parchi arche­o­logi­ci sub­ac­quei vis­itabili come  Cala Gadir, Cala Tra­mon­tana, Pun­ta LI Mar­si, Pun­ta Tra­cino, Pun­ta Tre Pietre; altret­tan­to ril­e­van­ti i Geosi­ti dell’isola con Favara Grande, Fuma­role del­la vec­chia caser­ma, monte Gibele, Spec­chio di Venere.

          La pre­sen­tazione di Pan­tel­le­ria sub­ac­quea, stret­ta­mente con­nes­sa alla fruizione di tut­to il ter­ri­to­rio, ha mes­so in evi­den­za l’offerta di attiv­ità che spaziano nei tan­ti ambi­en­ti dell’isola legati a diver­si temi; dal­la geolo­gia, biolo­gia, arche­olo­gia, sto­ria o sem­plice relax alla scop­er­ta del ric­co pat­ri­mo­nio enogas­tro­nom­i­co, attra­ver­so i pro­dut­tori di vino e di tipic­ità.