PANTELLERIA:  INTERVENTI DEL NUCLEO SUB GUARDIA COSTIERA A TUTELA DEL MARE

PANTELLERIA:  INTERVENTI DEL NUCLEO SUB GUARDIA COSTIERA A TUTELA DEL MARE

23/06/2022 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 270 volte!

PANTELLERIA:  INTERVENTI DEL NUCLEO SUB GUARDIA COSTIERA A TUTELA DEL MARE

Ecco i video che documentano le attività

Nei gior­ni scor­si è inter­ve­nu­to sull’isola il 3° Nucleo Som­moz­za­to­ri del­la Guar­dia Costie­ra con sede a Mes­si­na por­tan­do a ter­mi­ne diver­se inte­res­san­ti atti­vi­tà di tute­la e sal­va­guar­dia dell’ambiente mari­no costiero.

In par­ti­co­la­re le atti­vi­tà ope­ra­ti­ve, effet­tua­te sia in por­to che sul­la linea di costa, sono sta­te indi­riz­za­te, in pri­mis, all’individuazione di sca­ri­chi abu­si­vi in mare. Nel cor­so di tale ope­ra­zio­ne è sta­ta veri­fi­ca­ta anche l’integrità del­le con­dot­te di Enti/Aziende auto­riz­za­te allo sca­ri­co in mare.

Sem­pre in tema di tute­la dell’ambiente mari­no van­no men­zio­na­te le atti­vi­tà di recu­pe­ro di rifiu­ti loca­liz­za­ti sui fon­da­li del­la zona del por­to nuo­vo di Pan­tel­le­ria e l’individuazione con suc­ces­si­va rimo­zio­ne di una rete fan­ta­sma impi­glia­ta da tem­po sul­la Sec­ca di Cam­po­bel­lo. Que­ste reti disper­se, oltre a costi­tui­re una fon­te di inqui­na­men­to ucci­do­no in modo indi­scri­mi­na­to milio­ni di pesci, mam­mi­fe­ri, tar­ta­ru­ghe, gran­di ceta­cei e per­si­no uccel­li che una vol­ta intrap­po­la­ti dal­le reti fan­ta­sma, non sono in gra­do di muo­ver­si moren­do per fame, lace­ra­zio­ni e soffocamento.

Altra impor­tan­te atti­vi­tà, per la qua­le il Cor­po del­le Capi­ta­ne­rie di Por­to – Guar­dia Costie­ra negli ulti­mi anni ha inve­sti­to nume­ro­se risor­se, è sen­za dub­bio la tute­la del patri­mo­nio archeo­lo­gi­co som­mer­so. Infat­ti, nel cor­so del­la mis­sio­ne effet­tua­ta a Pan­tel­le­ria i som­moz­za­to­ri del 3° nucleo Guar­dia Costie­ra han­no for­ni­to il pro­prio con­tri­bu­to alla Soprin­ten­den­za del mare del­la Regio­ne Sici­lia­na, por­tan­do a ter­mi­ne un appro­fon­di­to cen­si­men­to dei siti e rela­ti­vi beni archeo­lo­gi­ci pre­sen­ti sui fon­da­li intor­no all’isola. Con l’occasione sono sta­te ripo­si­zio­na­te lun­go il per­cor­so archeo­lo­gi­co di Cala Tra­mon­ta­na due anti­che anfo­re del III sec. A.C.

La Guardia Costiera di Pantelleria riposiziona anfore in mare

La Guardia Costiera di Pantelleria recupera le reti fantasma