Una poesia in pantesco di Lillo Di Bonsulton sull’ignoranza degli italiani

Una poesia in pantesco di Lillo Di Bonsulton sull’ignoranza degli italiani

20/05/2022 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 424 volte!

Il poeta pantesco Lillo Di Bonsulton, visto il video qui di seguito e rimasto basito dall’ignoranza diffusa degli italiani, ha scritto una poesia in pantesco sul tema, non lesinando anche un “Povera Italia!” che, concordiamo con lui, in questo caso ci sta proprio bene.

L’INTELLENZA D’OGGIGIORNO

Cer­tu l’intelliggenza
Chi cca si fa’ nutari,
Nta giu­vin­tu muderna
Chi veru ju a studiari…

Si nota veramenti
Quan­tu eru a studiari,
Chi li cir­ved­dra a tutti
Ccj eru assai a “ngrus­sa­ri…

Su’ veri prufissura
Cu l’au­rii “ncr­ni­cia­ti,
Pir­chi li ciriveddra
Ten­nu lubbrificati,!!

E li mate­rii tutti
Jddri san­nu affruntari,
Gra­zii a li prufissura
Chi assai ceru a “nsi­gna­ri.

(Ermu sem­pri primeri
D’o­mi­ni e di scjenziati,
Tan­tu –a li tem­pi antichi
Chi ora su’ scurdati,…

La giu­vin­tu muderna
Mai li putra’ eguagliari,
Pur si la scen­za d’oggi
Tan­tu li va’ aiutari…

Sulu du cellulari
Su’ gran­ni prufissura,
Pur si tagh­ja­ru a lingua
Ma nud­dru si nnarduna!!

E tut­ti gran­ni e nichi
Sta’ scen­za annu adduttatu,
La lin­gua chiu’ nun servi
Pir­chi l’an­nu tagghiatu.

Lil­lo Di Bonsulton