PANTELLERIA: FINANZIATO INTERAMENTE IL PROGETTO WATERFRONT

PANTELLERIA: FINANZIATO INTERAMENTE IL PROGETTO WATERFRONT

22/12/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 740 volte!

PANTELLERIA: FINANZIATO INTERAMENTE IL PROGETTO WATERFRONT DAL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE

In arrivo 14,7 milioni di euro per la riqualificazione degli spazi pubblici

È arri­va­ta la con­fer­ma uffi­cia­le del finan­zia­men­to com­ple­to del Water­front di Pan­tel­le­ria. Il pro­get­to sarà inte­ra­men­te finan­zia­to dal Mini­ste­ro del­le Infra­strut­tu­re e del­la Mobi­li­tà Soste­ni­bi­le con le risor­se del Pro­gram­ma di Azio­ne e Coe­sio­ne – Infra­strut­tu­re e Reti 2014–2020.

Il pro­get­to, che ammon­ta a 14,7 milio­ni di euro, pre­ve­de la riqua­li­fi­ca­zio­ne del­le aree pub­bli­che del lun­go­ma­re di Pan­tel­le­ria, non­ché del­le inter­con­nes­sio­ni con il cen­tro abi­ta­to, com­pre­sa la zona del Castel­lo per la qua­le è pre­vi­sta la demo­li­zio­ne del “palaz­zo ver­de” che oggi ne impe­di­sce la pie­na visione.

È di que­sti gior­ni l’invio del­la con­ven­zio­ne da sot­to­scri­ve­re tra il Comu­ne ed il Mini­ste­ro, in cui vie­ne con­fer­ma­to il finan­zia­men­to di tut­to il progetto.

La con­ven­zio­ne dovrà esse­re fir­ma­ta entro il 31 dicem­bre di quest’anno e l’anno pros­si­mo biso­gne­rà con­vo­ca­re una Con­fe­ren­za Spe­cia­le di Ser­vi­zi per l’approvazione del pro­get­to defi­ni­ti­vo, che ha rece­pi­to quan­to richie­sto in sede di appro­va­zio­ne del pro­get­to pre­li­mi­na­re, e poi si potran­no avvia­re le pro­ce­du­re per l’avvio dei lavori.

La noti­zia arri­va­ta nei gior­ni scor­si è un bel­lis­si­mo rega­lo di Nata­le per Pan­tel­le­ria,” dichia­ra l’Assessore Ange­lo Pari­si, che ha segui­to il pro­get­to dall’inizio del suo inca­ri­co. “Final­men­te dopo 11 anni dal con­cor­so di pro­get­ta­zio­ne si potrà riqua­li­fi­ca­re la zona del lun­go­ma­re di Pan­tel­le­ria, rispon­den­do alle legit­ti­me aspet­ta­ti­ve del­la cit­ta­di­nan­za. Un rin­gra­zia­men­to va al per­so­na­le dell’Ufficio Tec­ni­co del Comu­ne di Pan­tel­le­ria per il lavo­ro svolto.”

Ini­zial­men­te ci dice­va­no che il pro­get­to ave­va la sua coper­tu­ra nel bilan­cio del­lo Sta­to, ma poi andan­do a cer­ca­re abbia­mo sco­per­to del­l’ef­fet­ti­va esi­sten­za di un capi­to­lo di spe­sa deno­mi­na­to “Pan­tel­le­ria”, ma abbia­mo sco­per­to anche che il Gover­no Ren­zi non vi ave­va lascia­to un euro,” affer­ma il Sin­da­co Vin­cen­zo Cam­po.

Abbia­mo ini­zia­to una fit­ta inter­lo­cu­zio­ne con l’al­lo­ra MIT, ora MIMS, per otte­ne­re il finan­zia­men­to, per­ché lo rite­ne­va­mo impor­tan­te per valo­riz­za­re Pan­tel­le­ria cen­tro e per fare fron­te ai costi pro­get­tua­li lascia­ti da paga­re, come tan­te altre sor­pre­se che ci sia­mo ritro­va­ti. Poco dopo è sta­to pub­bli­ca­to un avvi­so per la pre­sen­ta­zio­ne di pro­po­ste pro­get­tua­li rela­ti­ve alla riqua­li­fi­ca­zio­ne dei Water­front e così abbia­mo deci­so di par­te­ci­pa­re sicu­ri del­la vali­di­tà del progetto.

La riqua­li­fi­ca­zio­ne del Water­front, insie­me ai pro­get­ti che in que­sti mesi abbia­mo appro­va­to per la riqua­li­fi­ca­zio­ne dei vico­li del cen­tro sto­ri­co, ser­vi­ran­no da vola­no per il rilan­cio dell’economia di una zona dell’isola che in que­sti anni è sta­ta abban­do­na­ta e che, a ragio­ne, vie­ne con­si­de­ra­ta una del­le zone più brut­te dell’isola.”

COME NASCE E CONTINUA IL PROGETTO WATERFRONT DI PANTELLERIA?

L’idea di riqua­li­fi­ca­re gli spa­zi pub­bli­ci del lun­go­ma­re di Pan­tel­le­ria è del 2009, quan­do il Comu­ne di Pan­tel­le­ria ha atti­va­to una pro­ce­du­ra di con­cor­so di progettazione.

Ad apri­le 2010, la giu­ria del con­cor­so dichia­ra vin­ci­to­re il pro­get­to redat­to dal­lo stu­dio Nuvo­laB Archi­tet­ti, rag­grup­pa­men­to con capo­grup­po l’Arch. Gior­gio Fur­ter, con sede a Firenze.

A segui­to dell’aggiudicazione, vista l’intenzione dell’Amministrazione dell’epoca di ren­de­re can­tie­ra­bi­le tale pro­po­sta pro­get­tua­le, si avvia­va una pro­ce­du­ra nego­zia­ta con il vin­ci­to­re del con­cor­so e si sot­to­scri­ve­va un disci­pli­na­re di inca­ri­co con­cor­dan­do un com­pen­so di € 203.736,00 al net­to di IVA e one­ri, dal qua­le veni­va detrat­ta la som­ma già cor­ri­spo­sta a tito­lo di pre­mio del con­cor­so pari ad € 17.973,00, oltre IVA e oneri.

Dopo l’acquisizione del­la docu­men­ta­zio­ne a com­pro­va del pos­ses­so dei requi­si­ti di leg­ge, non­ché del­la capa­ci­tà eco­no­mi­ca e finan­zia­ria e del­la capa­ci­tà tec­ni­ca e pro­fes­sio­na­le, si affi­da­va allo stu­dio Nuvo­laB l’incarico di pro­get­ta­zio­ne pre­li­mi­na­re e defi­ni­ti­va e di coor­di­na­men­to del­la sicu­rez­za in fase di pro­get­ta­zio­ne, non­ché rilie­vo del­le aree di sedi­me e dell’intorno, atti­vi­tà infor­ma­ti­ve e divul­ga­ti­ve, ana­li­si ed inda­gi­ni di labo­ra­to­rio, rela­zio­ne geo­lo­gi­ca, rela­zio­ne idro­lo­gi­ca, geo­tec­ni­ca, stu­dio inda­gi­ne sismi­ca, rela­zio­ni spe­cia­li­sti­che, par­te­ci­pa­zio­ne alle con­fe­ren­ze di ser­vi­zio per la rea­liz­za­zio­ne dell’intervento di “Rior­ga­niz­za­zio­ne e riqua­li­fi­ca­zio­ne degli spa­zi pub­bli­ci del lun­go­ma­re di Pan­tel­le­ria”.

Dopo la pro­ce­du­ra di veri­fi­ca del pro­get­to, in data 26/04/2017 si richie­de­va al Genio Civi­le di Tra­pa­ni l’indizione del­la Con­fe­ren­za Spe­cia­le di Ser­vi­zi, ai sen­si e per gli effet­ti dell’art. 5 del­la L.R. 12/07/2011 n. 12, per l’esame e con­te­stua­le emis­sio­ne del pare­re sul pro­get­to preliminare.

La pri­ma sedu­ta del­la Con­fe­ren­za Spe­cia­li di Ser­vi­zi si è con­clu­sa con la richie­sta da par­te dei par­te­ci­pan­ti di inte­gra­zio­ni pro­get­tua­li, il cui inse­ri­men­to nel pro­get­to ha com­por­ta­to un aumen­to dell’ammontare dell’importo com­ples­si­vo dei lavo­ri, por­tan­do­lo ad € 13.131.481,00 di cui € 8.548.033,00 per lavo­ri ed € 4.583.448,00 per som­me a dispo­si­zio­ne dell’Amministrazione.

Il 19/10/2017 si tene­va la secon­da sedu­ta del­la Con­fe­ren­za Spe­cia­le dei Ser­vi­zi, nel­la qua­le gli Enti pre­po­sti espri­me­va­no pare­re favo­re­vo­le alla pro­po­sta pro­get­tua­le che, per­tan­to, veni­va appro­va­ta in linea tecnica.

Con la Deli­be­ra di Giun­ta n. 183 del 03/11/2017, la sud­det­ta pro­po­sta pro­get­tua­le veni­va appro­va­ta in linea amministrativa.

A segui­to dell’approvazione del­la pro­po­sta pro­get­tua­le, si dava inca­ri­co ai pro­get­ti­sti di redi­ge­re il pro­get­to defi­ni­ti­vo che nel­la sua for­mu­la­zio­ne fina­le pre­ve­de una spe­sa com­ples­si­va di € 14.531.337,23 di cui € 9.469.337,79 per lavo­ri ed € 5.061.999,44 per som­me a dispo­si­zio­ne dell’Amministrazione.

La rea­liz­za­zio­ne dell’opera dove­va esse­re finan­zia­ta con un capi­to­lo appo­si­to del Mini­ste­ro del­le Infra­strut­tu­re. Quan­do, però, que­sta Ammi­ni­stra­zio­ne è anda­ta a richie­de­re noti­zie riguar­do quel­le risor­se, la rispo­sta è sta­ta negativa.

Infat­ti, quel­le som­me era­no sta­te dirot­ta­te dal gover­no Ren­zi per altre atti­vi­tà e, quin­di, non era­no più dispo­ni­bi­li per il pro­get­to del Water­front di Pantelleria.

Il 20/03/2021, il Mini­ste­ro pub­bli­ca l’avviso per la pre­sen­ta­zio­ne di pro­po­ste pro­get­tua­li ine­ren­ti il Pro­gram­ma di Azio­ne e Coe­sio­ne – Infra­strut­tu­re e Reti, nel qua­le l’Asse B è rela­ti­vo al recu­pe­ro del Waterfront.

Quin­di il 26/03/2020, con deter­mi­na n. 517, è sta­to nomi­na­to l’organo di veri­fi­ca del pro­get­to all’interno del per­so­na­le in ser­vi­zio pres­so il II Set­to­re del Comu­ne di Pantelleria.

Il 09/07/2020, con la deli­be­ra n. 108, la Giun­ta appro­va gli ela­bo­ra­ti eco­no­mi­ci aggior­na­ti al vigen­te prez­zia­rio regio­na­le del pro­get­to al fine del­la par­te­ci­pa­zio­ne del sud­det­to Avvi­so pubblico.

Il 25/05/2021, vie­ne pub­bli­ca­to l’esito defi­ni­ti­vo nel qua­le il pro­get­to del Water­front di Pan­tel­le­ria vie­ne finan­zia­to per qua­si 5 milio­ni di euro, men­tre resta da finan­zia­re la restan­te parte.

Viste le con­si­sten­ti risor­se anco­ra dispo­ni­bi­li, con­si­de­ra­to che le risor­se man­can­ti al finan­zia­men­to com­ple­to ammon­ta­va­no a cir­ca soli 65 mila euro e che, in base al pun­teg­gio attri­bui­to, la par­te non finan­zia­ta del pro­get­to del Water­front risul­ta­va esse­re la pri­ma tra i non ammes­si, è sta­ta chie­sta al Mini­ste­ro la pos­si­bi­li­tà di uno scor­ri­men­to del­la graduatoria.

Il Mini­ste­ro ha rispo­sto che è sta­to deci­so che le risor­se avan­za­te sareb­be­ro sta­te distri­bui­te secon­do i pun­teg­gi attri­bui­ti ai vari progetti.

Il 17 dicem­bre di quest’anno è arri­va­ta la con­fer­ma del finanziamento.