Pantelleria, campo di calcio Arenella: precisazioni dell’Amministrazione

Pantelleria, campo di calcio Arenella: precisazioni dell’Amministrazione

18/12/2021 2 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 882 volte!

PANTELLERIA, CAMPO DI CALCIO DELL’ARENELLA: LE PRECISAZIONI DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Dopo l’incontro con i ragazzi panteschi delle associazioni sportive, l’Amministrazione ricorda gli impegni presi

Il 16 dicem­bre scor­so, i ragaz­zi pan­te­schi del­le asso­cia­zio­ni spor­ti­ve che fan­no cal­cio, han­no indet­to una mani­fe­sta­zio­ne di pro­te­sta a Piaz­za Cavour per chie­de­re di poter uti­liz­za­re il cam­po dell’Arenella, chiu­so ormai dal 2010.

Il cam­po di cal­cio richie­de inter­ven­ti di mes­sa in sicu­rez­za che riguar­da­no la recin­zio­ne, la tri­bu­na, le tor­ri faro, la rete di divi­sio­ne del cam­po con la zona riser­va­ta al pub­bli­co, per­ché è sta­to lascia­to per più di 10 anni in sta­to di abbandono.

Que­sta Ammi­ni­stra­zio­ne, infat­ti, ha opta­to per la rea­liz­za­zio­ne del­la nuo­va strut­tu­ra spor­ti­va in loca­li­tà Kud­die Ros­se (come da pro­gram­ma elet­to­ra­le), piut­to­sto che spen­de­re risor­se in una strut­tu­ra che, tra l’altro, si tro­va in una posi­zio­ne non cer­to feli­ce, visto che è adia­cen­te alla cen­tra­le elet­tri­ca a gasolio.

In que­sti mesi abbia­mo sol­le­ci­ta­to i pro­get­ti­sti ad appor­ta­re le cor­re­zio­ni richie­ste dal CONI e da noi per il pro­get­to del­la nuo­va strut­tu­ra a Kud­die Rosse.

In ogni caso, su sol­le­ci­ta­zio­ne di un nostro illu­stre con­cit­ta­di­no, ci era sta­to det­to che sareb­be sta­to pos­si­bi­le otte­ne­re un finan­zia­men­to da par­te del­la Pre­si­den­za del­la Regio­ne per met­te­re in sicu­rez­za la strut­tu­ra esi­sten­te. Ed è solo per que­sta ragio­ne che il 12 mar­zo 2020, in pie­no perio­do Covid, è sta­to appro­va­to il pro­get­to di manu­ten­zio­ne straor­di­na­ria del cam­po con una deli­be­ra di Giun­ta (n. 45), ma il Covid, ha poi com­pli­ca­to il tut­to e dal­la Regio­ne non sono arri­va­ti più i fon­di necessari.

In ogni caso, è bene riba­dir­lo: pri­ma di con­sen­ti­re l’utilizzo del­la strut­tu­ra, avrem­mo avvia­to un moni­to­rag­gio del­le pol­ve­ri depo­si­ta­te per esse­re sicu­ri che la zona fos­se salu­bre. Infat­ti, noi non auto­riz­ze­rem­mo mai la pra­ti­ca spor­ti­va in un sito in cui le ana­li­si ci dico­no che non è ido­neo per tale attività.

Tra­mon­ta­ta l’ipotesi del finan­zia­men­to regio­na­le, si è con­ti­nua­to a spin­ge­re sul­la via mae­stra del pro­get­to del­la strut­tu­ra di Kud­die Ros­se, in modo da poter richie­de­re un mutuo al cre­di­to spor­ti­vo; abbia­mo pre­so la deci­sio­ne di effet­tua­re comun­que le ana­li­si al cam­po de l’Arenella, per poi deci­de­re l’entità degli inter­ven­ti mini­mi neces­sa­ri in fun­zio­ne dei risul­ta­ti e aven­do la con­sa­pe­vo­lez­za che l’impianto nuo­vo non potrà esse­re dispo­ni­bi­le nel breve.

Le ana­li­si potran­no dar­ci tre esi­ti: l’area è ido­nea per la pra­ti­ca spor­ti­va, l’area non è ido­nea, oppu­re, l’area è ido­nea solo in par­ti­co­la­ri condizioni.

L’Amministrazione Comu­na­le ha pre­so un impe­gno pre­ci­so con i ragaz­zi: mar­te­dì 21 dicem­bre saran­no instal­la­te le cen­tra­li­ne di moni­to­rag­gio che per alcu­ni gior­ni dovran­no rac­co­glie­re i cam­pio­ni da analizzare.

Nel momen­to in cui si avran­no i dati, saran­no mes­si a dispo­si­zio­ne del­la cit­ta­di­nan­za e se saran­no posi­ti­vi, l’Amministrazione ha pre­so l’impegno di avvia­re subi­to i lavo­ri al cam­po per poter per­met­te­re ai ragaz­zi di tor­na­re a gio­ca­re in primavera. 

L’Amministrazione Comu­na­le ha anche pro­po­sto più vol­te, duran­te l’incontro, di crea­re un Tavo­lo diret­ta­men­te con i ragaz­zi che per­met­ta loro di segui­re la situa­zio­ne pas­so pas­so, ma non c’è sta­ta alcu­na rispo­sta a que­sta proposta.

Noi inten­dia­mo dia­lo­ga­re con i ragaz­zi e non con chi, nel cor­so del­la mani­fe­sta­zio­ne ha pre­so la paro­la per stru­men­ta­liz­za­re inop­por­tu­na­men­te le richie­ste degli stes­si, facen­do affer­ma­zio­ni come: “le ana­li­si non ser­vo­no per­ché noi abbia­mo gio­ca­to per decen­ni e non abbia­mo mai avu­to pro­ble­mi”, oppu­re “la SMEDE vi denun­ce­rà per­ché le emis­sio­ni sono in rego­la”.

In più di 10 anni di chiu­su­ra del cam­po dell’Arenella, que­sta è la sola Ammi­ni­stra­zio­ne con la qua­le si è mani­fe­sta­to (pri­ma il pro­ble­ma non dove­va esse­re così prio­ri­ta­rio, si vede) e, come sem­pre, sia­mo sce­si a testa alta ad ascol­ta­re i ragaz­zi e a riba­di­re le nostre convinzioni.

Pos­sia­mo capi­re che non tut­ti le con­di­vi­da­no, ma non accet­tia­mo che chi, da ammi­ni­stra­to­re, non ha mai mos­so un dito, lascian­do che quel­la strut­tu­ra cades­se in uno sta­to di degra­do, non pre­oc­cu­pan­do­si mai di veri­fi­ca­re l’idoneità dei luo­ghi, ci ven­ga a dare lezioni.

Indi­re una nuo­va mani­fe­sta­zio­ne per il 23 dicem­bre, l’antivigilia di Nata­le, quin­di, non ha alcun senso.

È sta­to det­to chia­ra­men­te che i cam­pio­na­men­ti saran­no effet­tua­ti a par­ti­re da gior­no 21 e ci vor­rà del tem­po pri­ma di ave­re i risul­ta­ti, che saran­no comu­ni­ca­ti alla cit­ta­di­nan­za appe­na arrivati.

Quin­di aspet­tia­mo di incon­tra­re una rap­pre­sen­tan­za dei ragaz­zi non appe­na avre­mo dei dati e, così, potre­mo deci­de­re insie­me a loro il da farsi.

Ora sta ai ragaz­zi, non ad altri, sfrut­ta­re que­sto cana­le di comu­ni­ca­zio­ne, che pos­so­no usa­re anche per segna­la­re altre situa­zio­ni che li riguar­da­no e che neces­si­ta­no di attenzione.

Pro­po­sta con­cre­ta e imme­dia­ta per ren­der­li pro­ta­go­ni­sti e con­trol­lo­ri in pri­ma persona.

Pro­po­sta che non ha anco­ra rice­vu­to risposta.