Pantelleria: il Preside Sibilla si trasferisce ad Alcamo. La lettera di saluto ai panteschi.

Pantelleria: il Preside Sibilla si trasferisce ad Alcamo. La lettera di saluto ai panteschi.

01/09/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 2915 volte!

Ai Docenti, agli alunni, ai genitori e a tutto il personale scolastico dell’Istituto Omnicomprensivo di Pantelleria.

 
Caris­si­mi,
con gran­de entu­sia­smo ini­zie­rò il mio nuo­vo per­cor­so pro­fes­sio­na­le all’I­sti­tu­to Com­pren­si­vo Mon­tes­so­ri di Alca­mo. Pri­ma di lascia­re la mera­vi­glio­sa iso­la, che per me ha signi­fi­ca­to un’e­nor­me sfi­da, vor­rei rivol­ge­re paro­le di salu­to ad una comu­ni­tà che non è sta­ta sol­tan­to una scuo­la, ma una gran­de famiglia.
Il mio salu­to e il mio rin­gra­zia­men­to van­no allo STAFF di pre­si­den­za, il cui pre­zio­sis­si­mo aiu­to mi ha accom­pa­gna­to in tut­ti que­sti mesi, facen­do in modo che la scuo­la fun­zio­nas­se nel miglio­re dei modi e nel­l’in­te­res­se di tut­ti, nono­stan­te le mil­le com­pli­ca­zio­ni del­la pandemia.
Ai docen­ti, che han­no dimo­stra­to gran­de pro­fes­sio­na­li­tà, gene­ro­si­tà e corag­gio nel­la didat­ti­ca in pre­sen­za, ma anco­ra di più nel­la didat­ti­ca a distan­za, li strin­go in un for­te abbrac­cio. A loro va tut­to il mio apprez­za­men­to. Mai dimen­ti­che­rò l’u­ni­ci­tà di cia­scu­no e il rap­por­to pro­fes­sio­na­le e uma­no che ci ha uni­to. Ho sem­pre per­ce­pi­to l’im­por­tan­za del­la fun­zio­ne e del­la col­la­bo­ra­zio­ne edu­ca­ti­va da essi svol­te nel­la con­du­zio­ne e nel buon anda­men­to del­l’i­sti­tu­zio­ne scolastica.
Al per­so­na­le Ata, nel­le sue arti­co­la­zio­ni, un infi­ni­to rin­gra­zia­men­to per il sup­por­to dimo­stra­to in tut­te le fasi del­l’an­no sco­la­sti­co, soprat­tut­to nei momen­ti più duri del­la pan­de­mia e non solo.
Al Pre­si­de Fran­co Pavia, ora Com­mis­sa­rio Straor­di­na­rio, un rin­gra­zia­men­to di cuo­re per l’in­te­res­se e la par­te­ci­pa­zio­ne al mon­do del­la scuo­la sem­pre dimo­stra­ti per dedi­zio­ne e spi­ri­to di servizio.
Ai geni­to­ri rivol­go un gran­de gra­zie per aver sem­pre col­to il vero signi­fi­ca­to del­la rela­zio­ne scuola/famiglia. A loro augu­ro di por­ta­re avan­ti e nel miglio­re dei modi il pro­get­to edu­ca­ti­vo dei pro­pri figli, sem­pre nel rispet­to dei ruo­li e del­le com­pe­ten­ze di cia­scu­no, affin­ché non vi sia sovrap­po­si­zio­ne ma affian­ca­men­to con­ti­nuo ed esten­sio­ne dei desi­de­ri, del­le aspet­ta­ti­ve, degli obiet­ti­vi che tut­ta la scuo­la augu­ra per i loro figli, i nostri alunni.
Il mio pen­sie­ro più affet­tuo­so va agli stu­den­ti e alle stu­den­tes­se che con la loro ver­ve han­no riem­pi­to le mie gior­na­te, dan­do un sen­so e un signi­fi­ca­to al mio agi­re. Il mio augu­rio per loro è di riu­sci­re a rea­liz­za­re ogni sogno.
Giun­ga un mio calo­ro­so abbrac­cio agli alun­ni che intra­pren­de­ran­no un nuo­vo per­cor­so sco­la­sti­co: guar­di­no con fidu­cia e sim­pa­tia i loro nuo­vi inse­gnan­ti, che già sono a lavo­ro per loro.
Un ulti­mo salu­to lo rivol­go a tut­ti colo­ro che a vario tito­lo han­no col­la­bo­ra­to con la scuo­la dal­l’e­ster­no e per aver con­di­vi­so tan­te fati­che e mil­le obiet­ti­vi. Gra­zie di cuo­re, Pantelleria.
Pos­sa la stra­da sol­le­var­si per incontrarti,
pos­sa il ven­to sta­re sem­pre alle spalle.
Pos­sa il sole splen­de­re cal­do sul tuo viso
e la piog­gia cade­re leg­ge­ra sui tuoi campi.
E fin­ché ci incon­tria­mo di nuo­vo, pos­sa Dio tener­ti nel pal­mo del­la sua mano!
(Anti­ca bene­di­zio­ne irlandese)
Sal­va­to­re Sibilla