Pantelleria. I Carabinieri arrestano un 50enne: aveva aggredito e perseguitato l’ex convivente

Pantelleria. I Carabinieri arrestano un 50enne: aveva aggredito e perseguitato l’ex convivente

11/06/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 1288 volte!

PANTELLERIA. I CARABINIERI ARRESTANO UN 50ENNE: AVEVA AGGREDITO E PERSEGUITATO L’EX CONVIVENTE

I Cara­bi­nie­ri del­la Sta­zio­ne di Pan­tel­le­ria han­no arre­sta­to un 50enne di ori­gi­ni rume­ne il 27 mag­gio scor­so, che era da anni resi­den­te sull’isola, con pre­ce­den­ti di poli­zia. Per lui le accu­se sono di atti per­se­cu­to­ri, mal­trat­ta­men­ti con­tro con­vi­ven­ti e lesio­ni per­so­na­li nei con­fron­ti del­la don­na con cui ave­va avu­to in pas­sa­to una rela­zio­ne sentimentale.

In par­ti­co­la­re, la don­na, stan­ca del­le con­ti­nue umi­lia­zio­ni, minac­ce e vio­len­ze subi­te nel cor­so degli anni e mai denun­cia­te per pau­ra, ave­va posto fine alla rela­zio­ne con l’uomo già da alcu­ni mesi. Quest’ultimo, tut­ta­via, ave­va ini­zia­to a per­se­gui­tar­la e a minac­ciar­la tan­to che la don­na ha ini­zia­to a teme­re per la pro­pria inco­lu­mi­tà ed ha modi­fi­ca­re le pro­prie abi­tu­di­ni, com­pre­si gli ora­ri di lavoro. 

Al ter­mi­ne dell’ennesima aggres­sio­ne, con­si­sti­ta in pugni, spin­to­ni e schiaf­fi, la don­na ha tro­va­to il corag­gio di chia­ma­re i Cara­bi­nie­ri  che si sono mes­si imme­dia­ta­men­te sul­le trac­ce dell’uomo. Data la gra­vi­tà del­la situa­zio­ne e il peri­co­lo­so ripe­ter­si nel tem­po dei mal­trat­ta­men­ti, in con­clu­sio­ne degli accer­ta­men­ti del caso e del­le for­ma­li­tà di rito, il 50enne è sta­to dichia­ra­to in sta­to di arresto.

Nel frat­tem­po, la vit­ti­ma è affi­da­ta alle cure del per­so­na­le sani­ta­rio del loca­le Pron­to Soc­cor­so dove le sono sta­ti dia­gno­sti­ca­ti trau­ma cra­ni­co e fac­cia­le, ema­to­mi ed esco­ria­zio­ni diffuse. 

Nel­la gior­na­ta di ieri, si è cele­bra­ta l’udienza di con­va­li­da nel cor­so del­la qua­le l’Autorità Giu­di­zia­ria ha sot­to­po­sto l’uomo alla misu­ra del divie­to di avvi­ci­na­men­to ai luo­ghi fre­quen­ta­ti dal­la per­so­na offesa.