Pantelleria, finalmente finanziato dalla Regione l’impianto di trattamento dei rifiuti organici

Pantelleria, finalmente finanziato dalla Regione l’impianto di trattamento dei rifiuti organici

29/04/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 521 volte!

Pantelleria, finalmente finanziato dalla Regione l’impianto di trattamento dei rifiuti organici

Il Sindaco Campo: “Una buona notizia, così si chiuderà il ciclo dell’organico sull’isola, con benefici per tutti.”

 

Il pro­get­to dell’impianto di trat­ta­men­to e valo­riz­za­zio­ne del­la FORSU con tec­no­lo­gia di dige­stio­ne anae­ro­bi­ca nel Comu­ne di Pan­tel­le­ria, sarà final­men­te finan­zia­to dal­la Regio­ne Siciliana.

Il Pro­get­to, redat­to dall’Ufficio tec­ni­co del Comu­ne, è sta­to tra­smes­so alla SRR di Tra­pa­ni per l’approvazione e, suc­ces­si­va­men­te, al Dipar­ti­men­to regio­na­le acqua e rifiu­ti per il finanziamento.

La Giun­ta Regio­na­le, con deli­be­ra n. 143 del 1° apri­le 2021, ha pro­ce­du­to alla ripro­gram­ma­zio­ne del­le risor­se asse­gna­te alla Sici­lia tra­mi­te i fon­di PO FESR 2014–2020, il Pat­to per la Sici­lia (FSC 2014–2020) e il POC 2014–2020, desti­nan­do 264 milio­ni di euro per la rea­liz­za­zio­ne di impian­ti di smal­ti­men­to dei rifiu­ti indi­vi­dua­ti dal Dipar­ti­men­to regio­na­le dell’acqua e dei rifiu­ti e con­di­vi­si dall’Assessore regio­na­le per l’energia e per i ser­vi­zi di pub­bli­ca uti­li­tà. Nell’elenco degli impian­ti indi­vi­dua­ti è pre­sen­te anche l’impianto di trat­ta­men­to del­la FORSU di Pantelleria.

Ora l’auspicio è che la Regio­ne pro­ce­da in tem­pi bre­vi all’avvio dell’iter per ini­zia­re i lavo­ri, fon­da­men­ta­li per l’isola.

Una buo­na noti­zia per Pan­tel­le­ria,” affer­ma il Sin­da­co Vin­cen­zo Cam­po. “La nostra iso­la, in que­sto modo, potrà chiu­de­re il ciclo del­la fra­zio­ne orga­ni­ca e anda­re ver­so l’economia cir­co­la­re pre­scrit­ta dal­le ulti­me diret­ti­ve comu­ni­ta­rie. Pan­tel­le­ria, gra­zie a que­sto impian­to e a tut­te le ini­zia­ti­ve in ambi­to ambien­ta­le ed ener­ge­ti­co soste­nu­te da que­sta ammi­ni­stra­zio­ne e dal Par­co Nazio­na­le, si can­di­da a diven­ta­re un model­lo di soste­ni­bi­li­tà per tut­te le iso­le mino­ri. Rin­gra­zio l’ufficio tec­ni­co comu­na­le che anco­ra una vol­ta si è dimo­stra­to all’altezza del com­pi­to asse­gna­to dall’Amministrazione”.

“La rea­liz­za­zio­ne dell’impianto con­sen­ti­rà di risol­ve­re le pro­ble­ma­ti­che lega­te alla gestio­ne del­la fra­zio­ne orga­ni­ca dei rifiu­ti”, dichia­ra l’Assessore Ange­lo Pari­si, “Pro­ble­ma­ti­che lega­te prin­ci­pal­men­te ai costi del con­fe­ri­men­to che, a cau­sa del­la man­can­za di impian­ti di trat­ta­men­to suf­fi­cien­ti in Sici­lia, nell’ultimo anno sono cre­sciu­ti in modo espo­nen­zia­le, appe­san­ten­do la tarif­fa. Attual­men­te, infat­ti, il costo di tra­spor­to e con­fe­ri­men­to di una ton­nel­la­ta di rifiu­to orga­ni­co ammon­ta a cir­ca 300,00 euro!

Oltre a que­ste pro­ble­ma­ti­che, simi­li a tut­ti i Comu­ni sici­lia­ni, per Pan­tel­le­ria si aggiun­go­no anche quel­le che riguar­da­no il tra­spor­to via mare. Il tra­spor­to dei rifiu­ti orga­ni­ci sul­le navi, infat­ti, com­por­ta ulte­rio­ri dif­fi­col­tà che crea­no del­le rimo­stran­ze da par­te del­le com­pa­gnie di navigazione. 

Infi­ne, non biso­gna tra­scu­ra­re anche il pro­ble­ma lega­to alla cer­tez­za del con­fe­ri­men­to, che non abbia­mo mai, a cau­sa del fat­to che in deter­mi­na­ti perio­di dell’anno non si tro­va­no impian­ti dispo­sti ad accet­ta­re i rifiuti.

L’impianto darà quin­di una solu­zio­ne a tali pro­ble­mi e for­ni­rà un ser­vi­zio anche a tut­te quel­le atti­vi­tà che pro­du­co­no rifiu­ti orga­ni­ci e che han­no dif­fi­col­tà a smal­tir­li, come ad esem­pio le atti­vi­tà agri­co­le, i fran­toi o le can­ti­ne. Nel con­fe­ri­men­to saran­no com­pre­se anche le pota­tu­re e gli sfalci. 

Dal trat­ta­men­to dei rifiu­ti, poi, si rica­ve­rà sia bio­me­ta­no, che potreb­be esse­re uti­liz­za­to per i tra­spor­ti o per pro­dur­re ener­gia, che ammen­dan­te uti­le per l’agricoltura iso­la­na”.