PANTELLERIA: IN VENDITA LA SUPER VILLA DEL FOTOGRAFO FABRIZIO FERRI

PANTELLERIA: IN VENDITA LA SUPER VILLA DEL FOTOGRAFO FABRIZIO FERRI

18/02/2021 0 Di Redazione

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 3635 volte!

PANTELLERIA: IN VENDITA LA SUPER VILLA DEL FOTOGRAFO FABRIZIO FERRI, DOVE STING COMPOSE L’ALBUM “MERCURY FALLING”

 

Il dammuso, commercializzato da Santandrea Luxury Houses (Gruppo Gabetti), è famoso per essere stato lo sfondo di numerosi reportage del celebre fotografo e per aver ospitato numerosi vip internazionali.

Top secret la cifra.

Ferri: “È un posto stupendo, conserverò per sempre le emozioni che l’isola mi ha dato”

Pan­tel­le­ria, 17 feb­bra­io – Sono 26 gli etta­ri che con­trad­di­stin­guo­no la pro­prie­tà del noto foto­gra­fo Fabri­zio Fer­ri sull’isola di Pan­tel­le­ria, ter­ra a cui l’artista è lega­to dal 1985.

Nato a Roma, auto­re di fama inter­na­zio­na­le, Fabri­zio Fer­ri è foto­gra­fo ma anche regi­sta, scrit­to­re, musi­ci­sta e impren­di­to­re. La sua sto­ria di foto­gra­fo si svol­ge tra Lon­dra e New York, dove ha lavo­ra­to per le rivi­ste di moda più impor­tan­ti al mon­do. Nel 1997, isti­tui­sce a Mila­no ‘L’università dell’immagine’, pri­mo cen­tro di ricer­ca sul per­cor­so crea­ti­vo sine­ste­ti­co. Nel 2001 Fer­ri crea il mar­chio ‘Eata­ly’, ven­du­to poi a Oscar Fari­net­ti nel 2002.

La sto­ria arti­sti­ca di Fer­ri è for­te­men­te lega­ta all’Isola di Pantelleria.

“Non è solo l’isola ad aver­mi con­qui­sta­to ma la sua luce, soprat­tut­to quel­la che vi è a sud-ove­st, dove il sole tra­mon­ta. –  rac­con­ta Fer­ri Una luce incre­di­bi­le e straor­di­na­ria, deli­ca­ta, fra­gi­le, mera­vi­glio­sa. I foto­gra­fi sono come i sur­fi­sti: men­tre quest’ultimi cer­ca­no le onde più bel­le, i foto­gra­fi van­no alla con­ti­nua ricer­ca del­la luce per­fet­ta. La luce è la mia onda. Quan­do arri­vai a Pan­tel­le­ria la pri­ma vol­ta, nean­che ne cono­sce­vo l’esistenza, ma cer­ca­vo un posto nuo­vo dove far foto, una nuo­va luce. La sera stes­sa in cui giun­si sull’isola, ini­zia a girar­la e, per­den­do­mi, arri­vai alla sali­ta di quel­la che poi diven­ne la mia casa. Negli anni ’80 a sud di Pan­tel­le­ria non vi era nien­te e il gior­no dopo feci di tut­to per ritro­va­re quel ter­re­no. Dopo tre gior­ni, tor­nai da Pan­tel­le­ria con al col­lo la chia­ve del mio dammuso”.

Tra i vari vip ospi­ta­ti negli anni da Fer­ri nel­la sua vil­la, spic­ca sicu­ra­men­te Sting che, pro­prio in quel­la casa, ha com­po­sto l’album “Mer­cu­ry Falling”:

Ricor­do che a Pan­tel­le­ria com­po­se La Bel­le Dame Sans Regre­ts, una can­zo­ne scrit­ta in fran­ce­se, per­ché l’isola è un cro­ce­via inter­na­zio­na­le, un mare che uni­sce mon­di lon­ta­ni. L’isola lo ispi­ra­va. Lo sen­ti­vo spes­so suo­na­re la chi­tar­ra, ma non gli chie­si mai nul­la per rispet­to del­la sua pri­va­cy. Poi una sera mi dis­se che ave­va un rega­lo per me e si pre­sen­tò a cena con un man­gia­cas­set­te e un qua­der­no. A fine cena acce­se il man­gia­cas­set­te, su cui ave­va inci­so la sua chi­tar­ra, e can­tò il suo nuo­vo album leg­gen­do diret­ta­men­te le paro­le dal qua­der­no dove le ave­va com­po­ste. Que­sto fu il suo rega­lo” ricor­da Ferri.

La pro­prie­tà del foto­gra­fo si tro­va in con­tra­da Scau­ri, la par­te del­l’i­so­la che affac­cia al tra­mon­to, e con­ta ben 26 etta­ri che inclu­do­no albe­ri di uli­vo e agru­me­ti e 5 anti­chi dam­mu­si divi­si in com­ples­si indi­pen­den­ti. I dam­mu­si sono sta­ti per­fet­ta­men­te ristrut­tu­ra­ti con mate­ria­li e rifi­ni­tu­re in com­ple­ta sin­to­nia con il pre­gio e la sto­ria del­l’i­so­la, e ognu­no di esso è situa­to in posi­zio­ne sug­ge­sti­va, con una splen­di­da vista su cam­pa­gna e mare. 

Non man­ca una gran­de pisci­na al cui bor­do si tro­va uno degli spa­zi chill out dove poter­si rilas­sa­re al fre­sco.  Le due sale e le 5 came­re si affac­cia­no su ter­raz­ze e log­gia­ti che garan­ti­sco­no agli ospi­ti del­la pro­prie­tà una pri­va­cy estrema.

Accan­to a que­sta par­te del­la pro­prie­tà, si tro­va poi un altro com­ples­so, che affac­cia ver­so il pae­se di Scau­ri: que­sta par­te è per­fet­ta­men­te indi­pen­den­te e offre un’ampia sala con log­gia­to, una cuci­na e 4 came­re, anche qui sono sta­ti uti­liz­za­ti par­ti­co­la­ri accor­gi­men­ti architettonici.

In altre due ele­gan­ti uni­tà si tro­va­no altre 2 came­re, total­men­te indi­pen­den­ti dato che ogni fab­bri­ca­to dispo­ne del­la pro­pria cuci­na e giar­di­no. Il com­ples­so più distan­te è sta­to lascia­to con la rifi­ni­tu­ra al grez­zo, e quin­di deve esse­re com­ple­ta­to, anche se è già tut­to per­fet­ta­men­te disposto.

In posi­zio­ne domi­nan­te, sul­la cima del­la col­li­na che rima­ne alle spal­le del­le vil­le, si tro­va poi un fab­bri­ca­to com­ple­ta­men­te da ristrutturare.

Ho attua­to un lavo­ro di restau­ro dei dam­mu­si total­men­te atten­to al rispet­to del­la sto­ria e del­la cul­tu­ra dell’isola: ho scel­to il tufo per i tet­ti e chia­ma­to i mastri del­la pie­tra loca­li per ripa­ra­re le pie­tre, ho pre­fe­ri­to il cemen­to per bagni, pavi­men­to e pisci­na, un cemen­to che si spo­sa con la pie­tra in modo natu­ra­le e armo­ni­co. I muri stor­ti, gli archi a sesto ribas­sa­to dei dam­mu­si sono un valo­re straor­di­na­rio: è uni­ca e mera­vi­glio­sa l’architettura dell’isola e va rispet­ta­ta. In que­sto mi sen­to un pre­cur­so­re, una fon­te di ispi­ra­zio­ne anche per chi ha com­pra­to casa dopo di me. Rispet­ta­re la sto­ria loca­le è fon­da­men­ta­le per far sì che l’isola riman­ga bel­la come è” con­clu­de Ferri.

L’intero com­ples­so è com­mer­cia­liz­za­to da San­tan­drea Luxu­ry Hou­ses, la divi­sio­ne del Grup­po Gabet­ti dedi­ca­ta agli immo­bi­li di pre­gio. Top secret il prez­zo di vendita.