Pantelleria: iniziano gli incontri sull’istituzione dell’AMP

Pantelleria: iniziano gli incontri sull’istituzione dell’AMP

23/01/2021 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 556 volte!

Pantelleria: l’Amministrazione Comunale, il Parco Nazionale e la Capitaneria di Porto hanno dato inizio ad una serie di incontri propedeutici all’istituzione di un’Area Marina Protetta nell’Isola di Pantelleria

Ieri, giovedì 21 gen­naio 2021, si è tenu­to il pri­mo di una serie di incon­tri che vedran­no da una parte il Comune, il Par­co Nazionale e la Cap­i­tane­r­ia e dall’altra le par­ti politiche dell’Isola, i por­ta­tori di inter­es­si eco­nomi­ci e sociali locali, fino al coin­vol­gi­men­to dell’intera cit­tad­i­nan­za. Tema di questi incon­tri: l’istituzione parte­ci­pa­ta dell’Area Mari­na Pro­tet­ta. Un’iniziativa che tro­va le basi nel­la visi­ta del­lo scor­so agos­to del Min­istro Ser­gio Cos­ta, durante la quale lo stes­so Min­istro ha aus­pi­ca­to la creazione dell’AMP Iso­la di Pantelleria.

Al pri­mo incon­tro han­no parte­ci­pa­to i rap­p­re­sen­tan­ti delle forze politiche dell’Isola: Angela Sir­a­gusa per Scegli Pan­tel­le­ria, Michela Sil­via per Diven­terà Bel­lis­si­ma, Fab­rizio D’Ancona per Forza Italia, Giuseppe La Francesca per il PD, Fed­eri­co Tremar­co per la Lega e Ste­fano Scal­tri­ti per il Movi­men­to 5 Stelle, insieme al Sin­da­co Vin­cen­zo Cam­po, al Vicesin­da­co Mau­r­izio Cal­do, al Diret­tore del Par­co Nazionale Anto­nio Par­rinel­lo e al Coman­dante del­la Cap­i­tane­r­ia di Por­to Ten. di Vas­cel­lo (CP) Anto­nio Ter­rone.

Ospi­ti dell’incontro il Prof. Fran­co Andaloro e il Prof. Pao­lo Minzi.

Il Coman­dante Ter­rone, dopo aver espos­to una breve pre­sen­tazione sull’iter isti­tu­ti­vo ed i suoi rifer­i­men­ti nor­ma­tivi, ha por­ta­to la sua espe­rien­za riguar­do le aree marine pro­tette già isti­tu­ite, sof­fer­man­dosi sui van­tag­gi che le popo­lazioni res­i­den­ti ne han­no ricevuto.

Il Prof. Minzi ha dato il suo con­trib­u­to tec­ni­co sci­en­tifi­co spie­gan­do gli effet­ti pos­i­tivi sul­la flo­ra e la fau­na mari­na gra­zie ad un’AMP, non tralas­cian­do una rif­les­sione sulle con­dizioni attuali del nos­tro mare.

Il Prof. Andaloro ha espos­to la sua espe­rien­za riguar­do l’iter isti­tu­ti­vo, con par­ti­co­lare riguar­do agli stu­di di fat­tibil­ità e sull’importanza del­la Com­mis­sione di Ris­er­va nel fun­zion­a­men­to dell’AMP, men­tre il Sin­da­co e il Diret­tore del Par­co si sono sof­fer­mati sul­la tutela e i ben­efi­ci appor­tati da un’AMP per la pro­tezione dell’Isola, in par­ti­co­lare riguar­do alla pesca locale, sot­to­lin­e­an­done anche l’importanza strate­gi­ca onde evitare triv­el­lazioni o prospezioni, e con la garanzia, inoltre, di un uso pref­eren­ziale e priv­i­le­gia­to del­lo spec­chio mari­no da parte dei panteschi.

È sta­to più volte sot­to­lin­eato da parte di tut­ti i parte­ci­pan­ti la neces­sità che tale per­cor­so sia con­di­vi­so appieno da tut­ta la popo­lazione e che la chi­ave per il suc­ces­so sia la cor­ret­ta infor­mazione che tut­ti devono rice­vere, allo scopo di anal­iz­zare appieno i ben­efi­ci, ambi­en­tal­is­ti­ci, di natu­ra socio eco­nom­i­ca e di svilup­po tur­is­ti­co che la creazione di un’Area Mari­na Pro­tet­ta porterà all’Isola e ai suoi abitanti.