Pantelleria, ci scrive un lettore positivo esasperato sui rifiuti Covid. Risponde l’Assessore Parisi

Pantelleria, ci scrive un lettore positivo esasperato sui rifiuti Covid. Risponde l’Assessore Parisi

17/11/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1324 volte!

Ci scrive un lettore positivo al Covid che, oltre ad essere costretto a casa con la famiglia, subisce da più di una settimana il mancato ritiro dei rifiuti.

La situazione è ormai insostenibile e il cittadino è esasperato e incolpa l’Amministrazione.

Risponde l’Assessore Angelo Parisi e spiega la situazione che dipende da una ditta di Carini, non dal Comune.

 

Buonasera,

Sono un cit­tadi­no res­i­dente a Pan­tel­le­ria, innamora­to di quest’iso­la, ma con­sapev­ole dei dis­a­gi che ovvi­a­mente la circondano.
Bene, vi scri­vo per­ché sono risul­ta­to pos­i­ti­vo al Covid 19 a segui­to di sin­to­mi per­sis­ten­ti avu­ti per cir­ca 3 giorni da fine otto­bre. Nonos­tante siano pas­sati ormai 18 giorni dal­l’inizio di quest’in­cubo, tut­to­ra risul­to purtrop­po anco­ra positivo.
Ven­go al dunque.
A causa di ques­ta pos­i­tiv­ità sono sta­to con­tat­ta­to dal­la Pro­tezione Civile per invi­tar­mi a non gettare alcun rifi­u­to in quan­to tut­ti i rifiu­ti di ogni genere prodot­ti nel­la mia abitazione sareb­bero dovu­ti essere GIUSTAMENTE get­tati insieme in apposi­ti con­teni­tori e con­siderati rifiu­ti “spe­ciali”.
Bene, così ho fat­to ed ho aspet­ta­to la dit­ta che venisse a prel­e­var­li. Da quel momen­to, ossia ven­erdì 6 novem­bre, mi ave­vano promes­so che il prel­e­va­men­to di questi rifiu­ti sarebbe avvenu­to a caden­za set­ti­manale, ossia ogni venerdì. 
Pre­mes­so che, una famiglia di 4 per­sone è soli­ta pro­durre una quan­tità di rifiu­ti (soprat­tut­to organi­ci) tale da non pot­er atten­dere, a mio parere, una set­ti­mana tra uno smal­ti­men­to e l’al­tro è trop­pa, ancor più grave è il fat­to che ven­erdì 13 non sia venu­to nes­suno a prel­e­vare det­ti rifiuti! 
Con­tat­ta­ta la Pro­tezione Civile, mi è sta­to det­to che la dit­ta sarebbe venu­ta non pri­ma di mart­edì 17 per cause a me sconosciute. 
Oggi, ho avu­to anco­ra notizia che domani nes­suno ver­rà a riti­rare i rifiu­ti, per­tan­to noi ci ritro­vi­amo prati­ca­mente SEPOLTI VIVI con una quan­tità di rifiu­ti sul bal­cone di casa VERGOGNOSA! VERMI… MOSCHE… CATTIVO ODORE… 
 
SONO STANCO!
SPERO CHE VOI NON FACCIATE PASSARE INOSSERVATA UNA SITUAZIONE SIMILE, PERCHÉ LA PRESENTE MAIL NELLE PROSSIME ORE VERRÀ INDIRIZZATA A TESTATE GIORNALISTICHE DI LIVELLO NAZIONALE (IENE, STRISCIA LA NOTIZIA).
 
Vi prego di aiu­tar­mi a ren­dere pub­bli­ca la notizia, in modo da pot­er dare final­mente una scos­sa ad un’Am­min­is­trazione incom­pe­tente che ha avu­to MESI per orga­niz­zare un piano anticovid.
Vi ringrazio antic­i­pata­mente per la vos­tra atten­zione e per il lavoro che pun­tual­mente svolgete.
Cer­to di un imme­di­a­to riscon­tro, col­go l’oc­ca­sione per porg­ere dis­tin­ti saluti.
 
Let­tera Firmata
———————-

Risponde l’Assessore Angelo Parisi: “Il servizio non compete all’Amministrazione. Prima la competenza era ASP e ora dell’azienda UGRI di Carini”

Pro­vo a rispon­dere alla prob­lem­at­i­ca seg­nala­ta dal let­tore, speran­do di essere chiaro per quan­to pos­sa esser­lo un Asses­sore di ‘un’Amministrazione incom­pe­tente’.
I rifiu­ti prodot­ti da chi si tro­va in iso­la­men­to o quar­an­te­na in quan­to risul­ta­to pos­i­ti­vo al Covid, sono clas­si­fi­cati, ai sen­si di una Ordi­nan­za del Min­istro del­la Salute e di due Ordi­nanze del Pres­i­dente del­la Regione, come rifiu­ti peri­colosi di tipo ospedaliero.
Questo vuol dire che devono essere gesti­ti da imp­rese del set­tore che han­no le qual­i­fiche specifiche.
L’azienda che gestisce il sis­tema di rac­col­ta dei rifiu­ti urbani non possiede queste qual­i­fiche e quin­di non può pren­der­li in carico.
Fino ad otto­bre, l’onere di rac­cogliere tali rifiu­ti era in capo all’ASP, ma l’ultima Ordi­nan­za del Pres­i­dente del­la Regione ha pre­vis­to che le ASP pos­sono dichiarare di non essere in gra­do di gestire tali rifiu­ti, il cui onere è così pas­sato ai Comuni.
A segui­to di tale Ordi­nan­za, il Comune ha con­tat­ta­to l’azienda che effet­tua la rac­col­ta dei rifiu­ti dell’Ospedale di Pan­tel­le­ria e l’ha incar­i­ca­ta del servizio di rac­col­ta dei rifiu­ti prodot­ti dalle per­sone che si trovano in quar­an­te­na in quan­to pos­i­tive ai tamponi.
L’azienda, la UGRI di Cari­ni, si era det­ta disponi­bile ad effet­tuare la rac­col­ta a caden­za set­ti­manale, ma per cause non comu­ni­cate­ci, ha salta­to la rac­col­ta del­la scor­sa set­ti­mana, comu­ni­can­do di avere pro­gram­ma­to la rac­col­ta mer­coledì 18 novembre.
Purtrop­po, siamo su un’isola e per alcu­ni servizi dob­bi­amo dipen­dere dal­la ter­rafer­ma e siamo “vit­time” delle con­dizioni meteo che, soprat­tut­to in ques­ta sta­gione, ci isolano dal­la Sicilia.
È pos­si­bile che la mia rispos­ta pos­sa non piacere a chi è avvez­zo al rilas­cio di paten­ti di incom­pe­ten­za, ma questi sono i fatti.
Mi scu­so comunque con gli uten­ti per il dis­servizio che, comunque, non dipende dal­la nos­tra volontà.

Ange­lo Parisi

Asses­sore all’Ambiente