Miglioria della viabilità nelle aree Parco di Pantelleria

Miglioria della viabilità nelle aree Parco di Pantelleria

12/11/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 376 volte!

Miglioria della viabilità nelle aree Parco di Pantelleria: sopralluoghi dei tecnici per pianificare l’avvio dei lavori

Il Par­co Nazionale Iso­la di Pan­tel­le­ria è a lavoro per la piani­fi­cazione degli inter­ven­ti final­iz­za­ti al miglio­ra­men­to del­la fruizione del­la via­bil­ità fore­stale e del­la rete sen­tieris­ti­ca. Da una costante comu­ni­cazione tra la comu­nità pan­tesca e gli uffi­ci dell’Ente, attra­ver­so le seg­nalazioni rac­colte, è sta­to pos­si­bile sti­lare un elen­co di zone in cui i tec­ni­ci del Par­co stan­no effet­tuan­do sopral­lu­oghi per indi­vid­uare i trat­ti sogget­ti ad ero­sione ad opera delle acque di deflus­so super­fi­ciale che ren­dono la loro acces­si­bil­ità dif­fi­coltosa e tal­vol­ta non possibile.

Seguen­do cri­teri ogget­tivi, sta­bil­i­ti dagli stu­di effet­tuati, si darà pri­or­ità alle vie di acces­so ai ter­raz­za­men­ti in cui insistono colti­vazioni di vite ad alberel­lo, per pot­er con­sen­tirne l’adeguata cura e scon­giu­rarne il degra­do. Fra le zone inter­es­sate ci sono con­tra­da Mueggen e Gib­bi­u­na, la zona perime­trale, Dietro l’isola e Kud­dia Attalora.

Tale attiv­ità vuole essere un pros­egui­men­to di quan­to già real­iz­za­to per garan­tire con­ti­nu­ità degli inter­ven­ti, in con­sid­er­azione dell’interferenza di fenomeni metere­o­logi­ci che pos­sono causare dan­ni alla via­bil­ità di stra­dine e sen­tieri nell’area Par­co. Sulle zone critiche ver­ran­no defin­i­ti gli inter­ven­ti di sis­temazione idonei che riguardano canalette, drenag­gi, pavi­men­tazione in pietra, riem­pi­men­to dei solchi con ter­ra sta­bi­liz­za­ta, stac­cionate, pal­iz­zate antiero­sive, uti­liz­zan­do mate­ri­ali eco­com­pat­i­bili come leg­no, sab­bia, pietrisco e pietre. Suc­ces­si­va­mente alla fase di prog­et­tazione, si passerà all’ese­cuzione dei lavori ad opera di imp­rese locali già inserite nell’albo dei for­n­i­tori dell’Ente Parco.