Pantelleria, 4 novembre. Deastis: “Adesso, questa celebrazione è ancora più importante”

Pantelleria, 4 novembre. Deastis: “Adesso, questa celebrazione è ancora più importante”

03/11/2020 0 Di Francesca Marrucci

Que­sto arti­co­lo è sta­to let­to 370 volte!

4 novembre 2020 a Pantelleria: una Giornata delle Forze Armate e dell’Unità Nazionale in epoca Covid.

T. Col. Deastis: “In questo momento particolare, questa celebrazione è ancora più importante”

Io ci cre­do”. Que­sto il claim del 4 novem­bre, “Gior­no dell’Unità Nazio­na­le” e “Gior­na­ta del­le For­ze Armate”.

In que­sto momen­to dif­fi­ci­le è pro­prio la ban­die­ra ita­lia­na – sot­to la qua­le la gen­te si è uni­ta duran­te il loc­k­do­wn – la pro­ta­go­ni­sta di una ricor­ren­za par­ti­co­lar­men­te signi­fi­ca­ti­va per il nostro Pae­se: il 4 novem­bre, infat­ti, ter­mi­na­va la Pri­ma Guer­ra Mon­dia­le. In que­sto gior­no lascia­te­mi ricor­da­re anzi­tut­to tut­ti i cadu­ti del­le guer­re, sot­to­li­nean­do il loro esem­pio di fedel­tà al dove­re, di dedi­zio­ne e corag­gio, di amo­re e appar­te­nen­za alla Patria, valo­ri che oggi più che mai devo­no ser­vi­re da rife­ri­men­to per noi che ser­via­mo il nostro Pae­se in armi o indos­sia­mo una divi­sa.  Quest’anno non riu­scia­mo ad incon­tra­re i cit­ta­di­ni come abbia­mo fat­to lo scor­so anno quan­do ci sia­mo uni­ti nell’alzabandiera solen­ne ospi­tan­do le gio­va­ni sco­la­re­sche, le isti­tu­zio­ni e le rap­pre­sen­tan­ze dei cir­co­li qui al Distac­ca­men­to. L’incontro diret­to con la cit­ta­di­nan­za ci man­che­rà, ci man­che­ran­no gli sguar­di e l’entusiasmo dei gio­va­ni che par­te­ci­pa­va­no la loro sen­ti­ta appro­va­zio­ne per il nostro lavo­ro, le loro doman­de sul nostro ope­ra­re a Pan­tel­le­ria. Ma è pro­prio in que­sto momen­to di dif­fi­col­tà che voglio sot­to­li­nea­re in manie­ra anco­ra più for­te l’importanza del nostro ruo­lo di mili­ta­ri, nel sen­tir­ci a ser­vi­zio del Pae­se, ma soprat­tut­to vici­ni alla gen­te, con­ti­nuan­do ad ope­ra­re “per la gen­te”. Per que­sto 4 Novem­bre però mi pia­ce­reb­be che noi mili­ta­ri tut­ti riu­scis­si­mo a tra­smet­te­re il sen­so di sacri­fi­cio e l’idea di uni­tà. Nell’emergenza non ci sia­mo mai fer­ma­ti, abbia­mo mes­so a dispo­si­zio­ne con orgo­glio tut­te le capa­ci­tà e i mez­zi fin da subi­to. Anche in que­sta fase, gli uomi­ni e le don­ne di tut­te le For­ze Arma­te con­ti­nue­ran­no ad ope­ra­re al ser­vi­zio dei cit­ta­di­ni con impe­gno e deter­mi­na­zio­ne, cer­ta­men­te con la straor­di­na­ria pas­sio­ne che ci appar­tie­ne. Ser­ve il sacri­fi­cio di tut­ti, ma UNITI CE LA FAREMO!

T.Col. AAran Fran­ce­sco DEASTIS
DISTACCAMENTO AEROPORTUALE PANTELLERIA
Coman­dan­te f.f.