Pantelleria, il Sindaco Campo sull’Aeroporto di Trapani: “Il fallimento annunciato di Ombra”

Pantelleria, il Sindaco Campo sull’Aeroporto di Trapani: “Il fallimento annunciato di Ombra”

28/08/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1087 volte!

Pantelleria, il Sindaco Campo sull’Aeroporto Vincenzo Florio di Trapani: “Il fallimento annunciato di Salvatore Ombra”

Leg­giamo in questi giorni sui media e sui social invet­tive del Sig. Ombra in mer­i­to a pre­sunte colpe di alcu­ni Comu­ni per non aver ono­ra­to il deb­ito del comar­ket­ing 2014/2016, attribuen­do sem­pre a questi cinque Comu­ni le respon­s­abil­ità nel caso in cui salti­no gli accor­di con Ryanair.

Eppure, cronache di gior­nale di qualche mese fa, pri­ma del lock­down, davano per ricuci­to lo strap­po tra Airgest e Ryanair.

 Infat­ti, la Cam­era di Com­mer­cio di Tra­pani, man­dataria dei Comu­ni apparte­nen­ti al ter­ri­to­rio del­la ex Provin­cia Regionale di Tra­pani, ave­va con­vin­to i sot­to­scrit­tori dell’accordo siglato il 30-04-2014, esclusi i 5 Comu­ni, a pagare la resid­ua som­ma di 200.000,00 € dovu­ta ad AMS ltd, intera­mente parte­ci­pa­ta da Ryanair.

La Cam­era di Com­mer­cio, nel­la per­sona del Sig. Pino Pace, pre­an­nun­ci­a­va che avrebbe agi­to in giudizio per ottenere l’adempimento dai Comu­ni inadem­pi­en­ti. La cosa sin­go­lare è che la quo­ta di com­pe­ten­za dei Comu­ni “ammuti­nati” dove­va essere antic­i­pa­ta dai Comu­ni che era­no rimasti “fedeli” al pat­to. Non si capisce però come i Comu­ni cosid­det­ti “vir­tu­osi” potran­no impeg­nare denaro pub­bli­co per “bon­tà” con­trat­tuale, vis­to che non ci sono decreti ingiun­tivi e/o sen­ten­ze defin­i­tive che li obbligano ai paga­men­ti.

In realtà, il con­trat­to di comar­ket­ing di cui si dis­cute e gli asser­i­ti obb­lighi di paga­men­to da questo nascen­ti, sono sta­ti anche ogget­to di speci­fi­co provved­i­men­to, assun­to all’udienza pre­lim­inare del 17-07-2020 del GUP del Tri­bunale di Tra­pani, Dott.ssa Cate­ri­na Brignone, in accogli­men­to del­la richi­es­ta di rin­vio a giudizio for­mu­la­ta dal P.M. Dott.ssa Rossana Pen­na, che ha dis­pos­to il giudizio per tut­ti gli Ammin­is­tra­tori (com­pre­so Ombra) e Sin­daci dell’Airgest per i reati di:

  1. fal­so in bilan­cio a par­tire dall’esercizio del 2014 (le con­dotte anteceden­ti sono estinte per pre­scrizione);
  2. pec­u­la­to, come con­tes­ta­ti ai capi A), B) e C) del­la rubri­ca.

Nel proces­so, il GUP ha ammes­so la cos­ti­tuzione di parte civile dei Comu­ni di Pan­tel­le­ria e di Castel­ve­tra­no, come sogget­ti offe­si e dan­neg­giati dai reati di fal­so in bilan­cio. Il proces­so inizierà il 16-10-2020, davan­ti il Tri­bunale di Tra­pani, Sezione Penale in com­po­sizione col­le­giale, Pres­i­dente la Dott.ssa Daniela Tro­ja.

A pre­scindere dalle ques­tioni di stret­ta ril­e­van­za penale che vedono alla sbar­ra ammin­is­tra­tori e sin­daci del­la Airgest S.p.a., il sud­det­to con­trat­to di comar­ket­ing risul­terebbe essere affet­to da nul­lità sot­to diver­si pro­fili.

Molto prob­a­bil­mente, il con­trat­to è sta­to pos­to in essere in vio­lazione del­la nor­ma­ti­va sug­li aiu­ti di Sta­to, in vio­lazione delle norme sul­la lib­era con­cor­ren­za di mer­ca­to (vio­lazione per le quali l’Antitrust ha in molti casi già sanzion­a­to pesan­te­mente Ryanair) e del­la nor­ma­ti­va sui con­trat­ti ad evi­den­za pub­bli­ca.

Questo non sec­on­do una nos­tra opin­ione, si badi, ma sec­on­do il Pub­bli­co Min­is­tero che ha sposato la tesi del prof. Vil­la dell’Università di Milano, ausil­iario dei Con­sulen­ti Tec­ni­ci del PM.

Il Pub­bli­co Min­is­tero nel richiedere il rin­vio a giudizio ed il GUP nel rin­viare a giudizio riconoscono la fon­datez­za del­la tesi.

Quin­di, caro Ombra, con­trari­a­mente a quan­to pub­bli­ca­mente affer­ma­to anche in rispos­ta ad altro Comune, il con­trat­to di comar­ket­ing c’entra, eccome se c’entra!

La pro­va del­la ‘ambi­gu­i­tà’ di queste con­dotte è dato dal fat­to che l’effetto volano sper­a­to in ordine allo svilup­po dell’economia dei Comu­ni apparte­nen­ti al tra­panese non vi è sta­to.

Se si pro­muove il ter­ri­to­rio in maniera adegua­ta (come prevede­va il con­trat­to di comar­ket­ing) anche per un peri­o­do deter­mi­na­to, i risul­tati di un buon lavoro si vedono soprat­tut­to a pos­te­ri­ori. Come mai qui di risul­tati non se ne sono visti dopo la sca­den­za del con­trat­to? Era più plau­si­bile quan­to è effet­ti­va­mente suc­ces­so: che fini­ta la piog­gia di sol­di, finis­sero anche i voli aerei.

Dal 2017 ad oggi, è sot­to gli occhi di tut­ti che l’economia locale langue, cosa che non sarebbe accadu­ta qualo­ra AMS Ltd (e non Ryanair) avesse pub­bli­ciz­za­to real­mente il ter­ri­to­rio e non il suo “pro­pri­etario”.

Pan­tel­le­ria è l’esempio con­cre­to che la pub­bli­ciz­zazione del ter­ri­to­rio aumen­ta le pre­sen­ze sen­za neces­sità di alcun con­trat­to di comar­ket­ing.

Il dan­no per Pan­tel­le­ria, come per tut­ti gli altri Comu­ni, è palese.

Per questo chiedi­amo che ci si resti­tu­is­ca quan­to già paga­to e di essere ris­arci­ti anche del dan­no causato­ci dagli Ammin­is­tra­tori e Sin­daci di Airgest, in quan­to se non fos­sero sta­ti con­tabi­liz­za­ti in maniera erra­ta in bilan­cio (il proces­so servirà ad evi­den­ziare l’eventuale dolo), sin dal 2014 si sarebbe evi­den­zi­a­ta la inutil­ità dei pre­det­ti con­trat­ti e, cer­ta­mente, nes­sun ammin­is­tra­tore avve­du­to e sag­gio li avrebbe sot­to­scrit­ti nell’interesse del­la col­let­tiv­ità ammin­is­tra­ta. Né tan­tomeno l’avrebbe fat­to oggi, accol­lan­dosi un paga­men­to ogget­ti­va­mente indeb­ito.

L’aeroporto di Pan­tel­le­ria, sen­za comar­ket­ing ed a libero mer­ca­to (tranne la con­ti­nu­ità ter­ri­to­ri­ale che è rel­a­ti­va solo ai col­lega­men­ti con l’isola madre), ha avu­to un incre­men­to impor­tante di passeg­geri: dai 67.951 del 2016, quan­do era in essere il con­trat­to di comar­ket­ing su Bir­gi, agli 81.314 del 2019 ed è in con­tin­ua cresci­ta (pan­demia per­me­t­ten­do).

I fat­ti par­lano più di parole, pretesti o sug­ges­tive anal­isi cam­pate su altret­tan­to sug­ges­tive ipote­si mai ver­ifi­cate­si.

Mi per­me­t­to di dare due con­sigli al sig. Ombra:

  1. cer­care di STARE IN SILENZIO, in atte­sa di giudizio e finir­la di diffamare Pan­tel­le­ria;
  2. DIMETTERSI, per­ché scar­i­can­do le pro­prie inef­fi­cien­ze ed inca­pac­ità ges­tion­ali su alcu­ni Comu­ni, rasen­ta il ridi­co­lo.

Mi riv­ol­go poi al Pres­i­dente Musume­ci per esor­tar­lo a met­tere mano alla cos­ti­tuzione di un uni­co polo aero­por­tuale sicil­iano (al mas­si­mo due) che con­sen­ta agli aero­por­ti mag­giori di aiutare, anche attra­ver­so una redis­tribuzione delle rotte, gli aero­por­ti minori come lo è il Vin­cen­zo Flo­rio di Tra­pani.

 

Il Sin­da­co

Vin­cen­zo Cam­po