Pantelleria: il 30 luglio presentazione di ‘Rosso ulivo’ di Lella Seminerio

Pantelleria: il 30 luglio presentazione di ‘Rosso ulivo’ di Lella Seminerio

28/07/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 261 volte!

Pantelleria: giovedì 30 luglio presentazione del libro di Lella Seminerio ‘Rosso ulivo’.

Da una storia realmente accaduta, la vita dura di una ragazzina nella Sicilia più arcaica, selvaggia e affascinante.

L’evento sarà ospitato dal Centro ‘Giamporcaro’ alle 18.00

Sarà ospi­ta­ta nel Cen­tro Cul­tur­ale ‘Vito Giampor­caro’ in Via Man­zoni, 72 a Pan­tel­le­ria, la pre­sen­tazione del libro di Lel­la Sem­i­ne­r­io dal tito­lo ‘Rosso Uli­vo’ edi­to dal­la Euno Edi­zioni di giovedì 30 luglio alle 18.00.

L’evento, inizial­mente pre­vis­to in Aula Con­sil­iare è sta­to sposta­to per con­comi­tan­za con il Con­siglio Comu­nale che, data la disponi­bil­ità del Seg­re­tario Comu­nale, si è dovu­to fis­sare per forza nel­lo stes­so giorno.

Si trat­ta del ter­zo even­to del­la Sta­gione Cul­tur­ale Esti­va del Comune di Pan­tel­le­ria che quest’anno pone un’attenzione par­ti­co­lare alla cul­tura e alle tradizioni sicil­iane e pantesche.

In quest’ottica, il libro del­la Sem­i­ne­r­io ci ripor­ta ad una Sicil­ia arcaica, vio­len­za, inclemente, sel­vaggia nei pae­sag­gi e nei sen­ti­men­ti, ma anche affasci­nante. ‘Rosso uli­vo’ rac­con­ta una sto­ria real­mente accadu­ta che Lel­la Sem­i­ne­r­io nar­ra sen­za fron­zoli, sen­za scon­ti, apren­do uno squar­cio su una Sicil­ia che pur nelle sue con­trad­dizioni, non perde la sper­an­za e la sper­an­za è sem­pre nell’amore.

È la sto­ria di una ragaz­za, Tin­uz­za, quindi­cenne, costret­ta a las­cia­re la sua casa, il suo fidan­za­to, il suo paese per andare a lavo­rare a casa del padrone, dove dovrà affrontare espe­rien­ze dram­matiche e vio­lente, non sen­za un richi­amo alla speranza.

Un roman­zo che è sicu­ra­mente di denun­cia, ma che vuole inviare un mes­sag­gio di sper­an­za, la sper­an­za ripos­ta nel­la vit­to­ria del bene sul male, in cui la vio­len­za, che ad un cer­to pun­to per una serie di even­ti, sem­bra pren­dere il sopravven­to, invece si dis­solve come neb­bia trafit­ta dal sole,” è quan­to ha affer­ma­to Lel­la Sem­i­ne­r­io in mer­i­to alla sto­ria nar­ra­ta in ‘Rosso uli­vo’. “Il sole a cui mi riferisco è ovvi­a­mente il sole dell’amore. A mio avvi­so l’unico vero anti­do­to con­tro la vio­len­za.”

Ringrazio di cuore il Cen­tro Cul­tur­ale ‘Vito Giampor­caro’ che ci ha ospi­ta­to con così poco preavvi­so, anche per l’attenzione ripos­ta nelle pre­sen­tazioni dei lib­ri di ques­ta Sta­gione Cul­tur­ale Esti­va,” dichiara l’Assessore alle Politiche Cul­tur­ali, Francesca Mar­ruc­ci. “Il Cen­tro infat­ti ha ris­er­va­to una spe­ciale sezione del­la Bib­liote­ca Comu­nale ai lib­ri che saran­no pre­sen­tati in questi due mesi e ci sta seguen­do in ques­ta inizia­ti­va cul­tur­ale ded­i­ca­ta alla lettura. 

Ringrazio Lel­la Sem­i­ne­r­io per la disponi­bil­ità e l’impegno nel venire a trattare i temi impor­tan­ti che carat­ter­iz­zano la sto­ria di Tin­uz­za, temi anco­ra spes­so riscon­tra­bili nel­la nos­tra quo­tid­i­an­ità e non solo nei con­testi rurali.”

Res­ta inte­so che gli even­ti sono ad ingres­so con­tin­gen­ta­to e a numero chiu­so, come da restrizioni anti-Covid in vig­ore fino al 31 luglio 2020. 

I posti saran­no solo a sedere fino ad esaurimento. 

Per entrare bisogn­erà pre­sentare all’ingresso l’autocertificazione acclusa in allegato.

Gli even­ti potran­no subire vari­azioni o annul­la­men­ti in base alla situ­azione lega­ta all’emergenza e alle con­dizioni di sicurezza.