Pantelleria, ieri l’incontro tra imprenditori e Amministrazione Comunale

Pantelleria, ieri l’incontro tra imprenditori e Amministrazione Comunale

23/04/2020 0 Di Flavio Silvia

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 458 volte!

Ieri pomeriggio si è tenuta la videoconferenza tra il rappresentante delle imprese locali e l’Amministrazione Comunale di Pantelleria

di Flavio Sil­via

Ieri pomerig­gio si è tenu­ta una video­con­feren­za tra gli impren­di­tori locali e l’am­min­is­trazione Comu­nale di Pan­tel­le­ria, alla pre­sen­za delle  tes­tate locale. A rap­p­re­sentare gli impren­di­tori del­l’iso­la è sta­to il sign­or Alber­to Zaccagni.

Pre­sen­ti oltre al Sin­da­co, il vicesin­da­co Mau­r­izio Cal­do e l’Asses­sore Gut­terez.

È pro­prio sua la fir­ma su una let­tera pub­bli­ca (che la nos­tra tes­ta­ta non ha prece­den­te­mente pub­bli­ca­to per­ché non ci è per­venu­ta), come rap­p­re­sen­tante di alcune imp­rese isolane che han­no chiesto un’in­con­tro con l’Am­min­is­trazione Comu­nale.

La natu­ra del­la richi­es­ta per­venu­ta alle isti­tuzioni è sta­ta “la con­di­vi­sione di un prog­et­to per il futuro del­l’Iso­la in un momen­to così com­pli­ca­to”. Il rap­p­re­sen­tante delle imp­rese ci ha tenu­to a rib­adire fin da subito che l’ob­bi­et­ti­vo comune di tut­ti i pan­teschi, impren­di­tori e non, deve essere quel­lo di man­tenere il numero dei con­ta­gi pari a zero. In mer­i­to a questo obbi­et­ti­vo, il sign­or Zaccagni, ha poi pro­pos­to di adottare un’or­di­nan­za del Comune di Lipari, nel­la quale si ordi­na di dover pre­sentare una doc­u­men­tazione di neg­a­tiv­ità al virus per entrare nel­l’Iso­la.

Il Sin­da­co riferisce che non si spie­ga come sia sta­ta con­ces­sa dal Prefet­to un’or­di­nan­za del genere, infat­ti egli stes­so ha poi comu­ni­ca­to la sua deci­sione di revo­care alcune ordi­nanze dei giorni scor­si per­ché risul­tate all’au­torità prefet­tizia “trop­po restrit­tive”. 

Il focus del dis­cor­so si è poi sposta­to “sulle forme di aiu­ti” che ver­ran­no adot­tate per impren­di­tori, arti­giani e le attiv­ità com­mer­ciali, quelle che ormai sem­bra essere diven­ta­ta una crisi eco­nom­i­ca. Il sign­or Zaccagni ha spie­ga­to la sua volon­tà nel costru­ire un prog­et­to comune in mate­ria di agevolazioni o con­tribu­ti eco­nomi­ci alle imp­rese isolane, chieden­do se fos­se pos­si­bile recu­per­are la liq­uid­ità dal­la tas­sa di sbar­co.

“La tassa di sbarco è una tassa di sbarco e come tale va trattata”

Fuma­ta nera da parte del Sin­da­co Cam­po che spie­ga che si trat­ta di una “tas­sa di scopo” e come tale va trat­ta­ta, sal­vo il caso in cui nei prossi­mi giorni il Gov­er­no Nazionale e Regionale non diano diret­tive dif­fer­en­ti.

Sem­bra invece che la strate­gia su cui sta lavo­ran­do l’Am­min­is­trazione Comu­nale sia quel­la di inter­venire sul­la TARI, cer­can­do così di venire incon­tro alle imp­rese dal pun­to di vista del­la tas­sazione, aspet­to che, ha spie­ga­to il Sin­da­co Cam­po, è sta­to anche rib­a­di­to nei giorni scor­si nel­l’in­con­tro con gli aziende che si occu­pano di tur­is­mo.

Il Pri­mo Cit­tadi­no affer­ma come comunque saran­no adot­tate delle mis­ure diverse a sec­on­da delle cat­e­gorie, per­ché alcune ver­ran­no sicu­ra­mente ritenute “più in perdi­ta”, quin­di con più neces­sità di aiu­ti, e tra queste le attiv­ità che vivono di tur­is­mo. 

Il Sin­da­co ha poi tenu­to a ras­si­cu­rare: “Non lascer­e­mo indi­etro nes­suno”.

Alla domande del Sign­or Zaccagni sul­la pos­si­bil­ità di col­lab­o­razione con l’Ente Par­co, il Sin­da­co Cam­po ha rispos­to che “ci deve essere è c’è sem­pre sta­to un dial­o­go con il Par­co, è oppor­tuno però che in ques­ta situ­azione, se il Par­co ha un’inizia­ti­va da pro­porre si fac­cia pro­mo­tore”. 

Si è poi aper­ta una pic­co­la par­ente­si crit­i­ca tra i due inter­locu­tori sulle restrizioni e sui con­trol­li mes­si in atto per fron­teggia­re il dif­fonder­si del virus e il Sin­da­co Cam­po svela che fos­se sta­to per lui, avrebbe appli­ca­to restrizioni anco­ra più severe.

Sul­la base di questi incon­tri si devono nec­es­sari­a­mente costru­ire i prog­et­ti e i pro­gram­mi futuri per l’iso­la. Gli incon­tri con i cit­ta­di­ni devono essere per l’Am­min­is­trazione Comu­nale un pun­to di con­tat­to con la realtà pan­tesca e il futuro di ques­ta,” ha con­clu­so il Sin­da­co Cam­po.

La Fase 2 deve essere un grande prog­et­to comune per rinascere più for­ti di pri­ma. È arriva­to il momen­to per la classe diri­gente nazionale di riavvic­i­nar­si alla popo­lazione, così come sta facen­do l’Am­min­is­trazione Comu­nale di Pan­tel­le­ria, ascoltan­do e pro­po­nen­do.

Ascoltare e pro­porre: questo deve essere l’ob­bi­et­ti­vo.

Siamo nel­la fase del­la rinasci­ta. Rinascer­e­mo insieme.

Pan­tel­le­ria anco­ra una vol­ta Resiste.