Rampelli e Varchi (Fdi) per l’ospedale di Pantelleria. La soddisfazione di Morgan Brignone

Rampelli e Varchi (Fdi) per l’ospedale di Pantelleria. La soddisfazione di Morgan Brignone

18/04/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1148 volte!

morgan brignone

Mor­gan Brignone

Ten­go a ringraziare i nos­tri Dep­u­tati che fin da subito si sono mes­si a dis­po­sizione per far sì che queste del­i­catis­sime ques­tioni di cui Pan­tel­le­ria è vit­ti­ma pos­sano essere risolte nel più breve tem­po pos­si­bile. Con orgoglio con­tinuiamo ques­ta battaglia per il bene del­la nos­tra comu­nità.
Con queste parole Mor­gan Brignone, Coor­di­na­tore Locale di Fratel­li d’I­talia Pan­tel­le­ria, com­men­ta il testo del­l’in­ter­rogazione pre­sen­ta­ta dagli Onorevoli Fabio Ram­pel­li e Car­oli­na Varchi di Fratel­li d’I­talia a sosteg­no del­la battaglia per la ria­per­tu­ra del­l’ospedale Nagar e sol­i­dale allo sciopero del­la fame fat­to dal Sin­da­co, Vice Sin­da­co e pres­i­dente del Con­siglio Comu­nale del­l’iso­la.

Ecco il testo dell’interrogazione:

Interrogazione degli Onorevoli Rampelli e Varchi (FdI) al Ministro Speranza

Premesso che:

-in Italia esistono dei ter­ri­tori sen­za con­ta­gio da Covid-19, come Pan­tel­le­ria, iso­la a sud ovest del­la Sicil­ia, dove il virus non è arriva­to o, per­lomeno, non anco­ra;

-è di questi giorni, infat­ti, la notizia, denun­ci­a­ta anche in un servizio di Striscia La notizia, che le donne in gravi­dan­za e i malati onco­logi­ci che vivono sull’isola sono costret­ti a trasferir­si a Tra­pani, pas­san­do addirit­tura da Paler­mo poichè i voli diret­ti sono sta­ti sospe­si a causa dell’emergenza san­i­taria, per con­tin­uare le ter­apie o par­torire negli stes­si ospedali dove si cura­no pazi­en­ti affet­ti da Covid-19;

-in par­ti­co­lare, a Pan­tel­le­ria c’è un ospedale, il Nagar, dota­to di attrez­za­ture incred­i­bil­mente mod­erne, che nel cor­so degli anni è sta­to depoten­zi­a­to fino alla chiusura lo scor­so 28 feb­braio e di cui oggi sarebbe rimas­to un pron­to soc­cor­so, atti­vo per le emer­gen­ze, e un cen­tro nascite, per­fet­ta­mente fun­zio­nante e con il per­son­ale del repar­to di oste­tri­cia, ma aper­to solo per le urgen­ze;

-per i par­ti pro­gram­mati e per quel­li nat­u­rali dei quali si può prevedere l’iter, le donne, a par­tire entro la 37esima set­ti­mana, sono, per­tan­to, costrette a recar­si, a pro­prie spese, sul­la ter­rafer­ma e par­torire, sen­za la vic­i­nan­za né il sosteg­no dei pro­pri cari, e con la pau­ra di essere con­ta­giate;

-analo­ga situ­azione per i cir­ca 50 malati onco­logi­ci, costret­ti a recar­si a Tra­pani per pros­eguire le chemioter­apie e anche loro, come le ges­tanti, non cor­rono solo un peri­co­lo di con­ta­gio per sé stes­si, ma nel tornare a Pan­tel­le­ria rischi­ano di portare sull’isola un nuo­vo foco­laio

-per protes­ta, il sin­da­co, il vice sin­da­co e il pres­i­dente del con­siglio comu­nale di Pan­tel­le­ria han­no inizia­to lo sciopero del­la fame a oltran­za per spie­gare che «Pan­tel­le­ria sta com­bat­ten­do due battaglie, una con­tro il Coro­n­avirus, come tut­ta Italia, per ten­er­lo lon­tano dalle coste, e un’altra per assi­cu­rare la pos­si­bil­ità di par­torire sen­za ris­chio con­ta­gio alle par­to­ri­en­ti. La situ­azione è para­dos­sale: il pun­to nasci­ta è rimas­to aper­to in dero­ga fino al 28 feb­braio, poi in piena emer­gen­za Covid-19, dal 1° mar­zo è scat­ta­ta la chiusura.

Quali sono i motivi? Solo ed esclu­si­va­mente eco­nomi­ci. Ma la salute è lib­ertà e non può essere il vil denaro a inflig­gere a una comu­nità dis­a­gi così gran­di»;

L’interrogazione

se il Min­istro sia a conoscen­za dei fat­ti esposti in pre­mes­sa e quali urgen­ti inizia­tive di com­pe­ten­za inten­da adottare il Gov­er­no per garan­tire la ria­per­tu­ra e piena oper­a­tiv­ità dell’ospedale di Pan­tel­le­ria, al fine di con­sen­tire anche ai pazi­en­ti onco­logi­ci e alle donne in gravi­dan­za di far­si assis­tere in sicurez­za sull’isola, a tutela di quel dirit­to alla salute in nome del quale sono sta­ti sac­ri­fi­cati altri dirit­ti fon­da­men­tali, quali il dirit­to alla lib­ertà.

Car­oli­na Varchi

Fabio Ram­pel­li