I Sindaci del Libero Consorzio di Trapani scrivono a Musumeci per la situazione critica del Coronavirus

I Sindaci del Libero Consorzio di Trapani scrivono a Musumeci per la situazione critica del Coronavirus

03/04/2020 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 687 volte!

Ecco la lettera inviata oggi dai Sindaci del Libero Consorzio di Trapani, di cui Pantelleria fa parte, al Presidente Nello Musumeci e per conoscenza all’Assessore Regionale alla Sanità, al Prefetto di Trapani e al Direttore Generale dell’ASP di Trapani.

L’oggetto della missiva riguarda le condizioni critiche che vivono i Comuni riguardo ai tamponi rinofaringei, problemi che poi determinano tutta una serie di difficoltà e ricadute sulla gestione territoriale.

 

Al Sign­or Pres­i­dente del­la Regione Sicil­iana

E.p.c All’ Asses­sore Regionale alla San­ità
Al Sign­or Prefet­to di Tra­pani
Al Diret­tore Gen­erale del­l’ASP di Tra­pani

Egre­gio Pres­i­dente Musume­ci,

in questo peri­o­do così dif­fi­cile, che ci vede tut­ti impeg­nati a fron­teggia­re la grave emer­gen­za san­i­taria che sta investen­do la nos­tra Regione, a causa del­la dif­fu­sione del virus covid-19, sen­ti­amo forte­mente il dovere, come Sin­daci dei Comu­ni del­la ex Provin­cia Regionale di Tra­pani, oggi Libero Con­sorzio dei Comu­ni, di riv­ol­ger­ci a lei per man­i­festare le dram­matiche dif­fi­coltà che vivi­amo, insieme a molti dei nos­tri concit­ta­di­ni.

Rite­ni­amo inac­cetta­bile che, in piena emer­gen­za san­i­taria, si pos­sano riscon­trare gravi dif­fi­coltà nel­l’e­seguire i tam­poni rino­faringei, in quan­to infor­mati dal­l’Asp di Tra­pani, del­la non reperi­bil­ità dei reagen­ti.

Tut­to ciò con­segue che i sogget­ti in pre-ricovero, o in regime di quar­an­te­na deb­bano pro­l­un­gare lo sta­to di iso­la­men­to a tem­po indefini­to (Ordi­nan­za 7, art.1 com­ma 3), con tutte le prob­lem­atiche che ne con­seguono e le gravi dif­fi­coltà di ges­tione ter­ri­to­ri­ale.

Altret­tan­to dram­mat­i­ca è la prob­lem­at­i­ca lega­ta a tutte quelle per­sone con patolo­gie Onco­logiche, che non han­no la pos­si­bil­ità di effet­tuare le ter­apie mediche da pro­to­col­lo, in quan­to non pos­sono accedere alle strut­ture ospedaliere se non pri­ma di aver effet­tua­to il tam­pone.

Noi, Sin­daci di fron­tiera, abbi­amo il dovere di tute­lare e sal­va­guardare la salute dei nos­tri concit­ta­di­ni. Per­tan­to, Sign­or Pres­i­dente, chiedi­amo con deter­mi­nazione un suo autorev­ole inter­ven­to per adottare al più presto, tutte le inizia­tive pos­si­bili final­iz­zate al reper­i­men­to di ciò che serve per con­tin­uare ad effet­tuare i tam­poni, fon­da­men­tali per con­tenere nei nos­tri ter­ri­tori il dif­fonder­si del con­ta­gio del virus, e le sue nefaste con­seguen­ze.

Siamo fiduciosi che non mancherà il suo fon­da­men­tale appor­to, per­ché oggi più che mai, abbi­amo neces­sità di dare risposte imme­di­ate, per garan­tire a tut­ti i cit­ta­di­ni il bene pri­mario del­la salute.

F.to I Sin­daci del Libero Con­sorzio Comu­nale di Tra­pani