Le Tombe Bizantine di Pantelleria nei versi di Lillio Di Bonsulton

Le Tombe Bizantine di Pantelleria nei versi di Lillio Di Bonsulton

27/11/2019 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 200 volte!

Lillo Di Bonsulton, nel vedere una foto delle Tombe Bizantine di Pantelleria, da noi pubblicata, ha tratto ispirazione e ha composto questa bella poesia in pantesco che ci ha inviato.

L’iro­nia usa­ta nel descri­vere la tec­ni­ca di sepoltura nel­la pietra e la pos­si­bil­ità che la scien­za in un vici­no futuro ci ripor­ti indi­etro gli antichi occu­pan­ti del­la tombe bizan­tine pan­tesche, sem­pre con ver­si ele­gan­ti e qua­si del­i­cati, è carat­ter­is­ti­ca del tal­en­to di Lil­lo e del­la sua capac­ità di met­tere in ver­si la sua ispi­razione.

LA TOMBA

Sut­ta st’ar­bu­li j bal­lu­ta,
Cu lu friscu chi va a fari,
Sug­nu cer­tu chi lu mor­tu,
Mmer­nu e’ sta­ti, va a scjalari,…

Per­cjo’ pas­sa la so’ vita,
Sem­pri tut­ta arri­pusari,
Ringrazian­nu chid­dra manu,
Cu’ pir­tusu ju a scav­ari,!!

Chis­tu e statu unu scul­tore,
Cu la men­ti raf­fi­na­ta,
Di capiri ch’era meghju,
Chista petra scarpid­dri­a­ta,

Pirchi e meghju di lu lignu,
Chi va’ doppu a “nfradis­cjri,
Di la camu­la manc­ja­ta,
Pocu anni po’ serviri,…

Mmecj a petra e’ sec­o­lari,
Va’ lu cor­pu a cun­sir­vari,
“Nfinu a quan­nu nova­men­ti,
Unu vivu va’ a turn­ari,!!

Cu la scen­za d’og­gi­gior­nu,
Chis­tu ccj po’ cap­i­tari,
C’unu nescj du pir­tusu,
E’ si rimet­ti a cam­i­nari,!!.

Lil­lo Di Bon­sul­ton

Tombe Bizantine