Greening the Islands: Pantelleria, Favignana e Salina prime sulla decarbonizzazione

Greening the Islands: Pantelleria, Favignana e Salina prime sulla decarbonizzazione

12/10/2019 1 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 995 volte!

Il cosid­det­to Decre­to isole minori prevede incen­tivi per la real­iz­zazione di impianti a fonti rin­nov­abili real­iz­za­ti sulle isole non inter­con­nesse alla rete elet­tri­ca nazionale. Sono 20 le isole inter­es­sate, ovvero le isole ital­iane minori e tra queste ben 14 sono sicil­iane (Alicu­di, Fil­icu­di, Lipari, Panarea, Sali­na, Strom­boli e Vul­cano, Usti­ca, Fav­i­g­nana, Lev­an­zo e Maret­ti­mo; Pan­tel­le­ria; Lampe­dusa e Linosa). Chi più del­la Sicil­ia rap­p­re­sen­ta le isole minori ital­iane?”.

Gian­ni Chi­anet­ta, diret­tore sci­en­tifi­co di Green­ing the Islands, spie­ga così la deci­sione di tenere a Paler­mo la con­feren­za inter­nazionale “Mak­ing the cir­cu­lar econ­o­my and sus­tain­able tourism a real­i­ty on islands: busi­ness mod­els and financ­ing oppor­tu­ni­ties”, pro­mossa dal­la sua orga­niz­zazione. Oltre 40 rela­tori da tut­ta Europa si riu­ni­ran­no per fare il pun­to sul come avviare la tran­sizione delle isole ver­so la sosteni­bil­ità.

Durante i due giorni i mas­si­mi esper­ti si con­fron­ter­an­no su nor­ma­tive, tec­nolo­gie, sis­te­mi finanziari e best prac­tice a favore di un cam­bio di par­a­dig­ma del sis­tema insu­lare che deve ora più che mai essere ori­en­ta­to alla sosteni­bil­ità. Green­ing the Islands da anni sostiene le isole nel loro per­cor­so di svilup­po di un’e­cono­mia cir­co­lare e il rag­giung­i­men­to del­l’o­bi­et­ti­vo emis­sioni zero.

Tra le isole ital­iane che stan­no inizian­do a lavo­rare sul­la decar­boniz­zazione ci sono Pan­tel­le­ria, Sali­na, Fav­i­g­nana.

La Sicil­ia è dunque forte­mente impeg­na­ta su questo ver­sante. “Il Piano Ener­geti­co Ambi­en­tale del­la Regione Sicil­iana (Pears) — spie­ga Chi­anet­ta — ha con­clu­so la fase di con­sul­tazione del Rap­por­to Pre­lim­inare, nel­l’am­bito del­la Val­u­tazione Ambi­en­tale Strate­gi­ca, superan­do così, il pri­mo scoglio del­la pro­ce­du­ra di VAS. Le Osser­vazioni del Min­is­tero del­l’Am­bi­ente, così come le altre recen­te­mente per­venute, non smon­tano l’im­pal­catu­ra del Pears”.

Il diret­tore sci­en­tifi­co di Green­ing The Islands spie­ga che gli obi­et­tivi del Piano “saran­no perse­gui­ti anche attra­ver­so un soli­do piano di inves­ti­men­ti per gli inter­ven­ti infra­strut­turali sul­la rete elet­tri­ca regionale già indi­vid­uati nel Piano dei Svilup­po di Ter­na. Gra­zie al Pears la Sicil­ia al 2030 potrà con­tare su un mix ener­geti­co fat­to per il 69% da rin­nov­abili, con­tro il 29,3% del 2017, con una pro­duzione di ener­gia verde di 13,12 TWh”.


Foto di Tom­ma­so Brignone