Diventerà Bellissima: lettera all’amministrazione per il parco giochi di Via Venezia a Pantelleria

Diventerà Bellissima: lettera all’amministrazione per il parco giochi di Via Venezia a Pantelleria

11/10/2019 0 Di Michela Silvia

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 443 volte!

Let­tera aper­ta al Sin­da­co Vin­cen­zo Cam­po

*Al Pres­i­dente del con­siglio Erik Valli­ni

*All’assessore Ange­lo Parisi

Da tem­po, da tan­to tem­po, ho nota­to (e come me lo han­no tut­ti nota­to) che è sta­ta con­clusa la sis­temazione del­l’area giochi su via Venezia (Pan­tel­le­ria Cen­tro) con l’in­stal­lazione di tap­peti di gom­ma anti trau­ma, anche se, ahimè, con pochissi­mi giochi, ma tante pan­chine.

Se non erro, sem­pre in quest’area, dove­va ess­er rica­va­ta una pista di boc­ce, così da regalare anche agli adul­ti cit­ta­di­ni un area attrez­za­ta al gio­co.
Mi chiedo cosa impedis­ca, a dis­tan­za di così tan­to tem­po, il libero l’ac­ces­so ai cit­ta­di­ni (vedasi in foto la rete).

Si attende che ciò che di min­i­mo è sta­to instal­la­to ven­ga con­suma­to dal tem­po?
Sarebbe un vero pec­ca­to, sarebbe uno spre­co di denaro, sarebbe inoltre l’ennesima area giochi pan­tesca abban­do­na­ta
al des­ti­no!
Pro­prio men­tre scat­ta­vo le foto, una sig­no­ra mi ha sim­pati­ca­mente riv­olto la paro­la dicen­do­mi:’ ‘Ficiro u par­co giochi pi las­sal­lu chiu­so e ruvinal­lo”.
Diamo delle risposte alla comu­nità che vuole e che ha il dirit­to di sapere.

Approf­it­to inoltre di ques­ta let­tera aper­ta, per gioire insieme a chi leg­gerà il post di una notizia rice­vu­ta ieri.
Cir­ca un mese fa noi del Cir­co­lo di Diven­terà Bel­lis­si­ma invi­ammo all’amministrazione un sol­lecito affinché si pre­sen­tasse un prog­et­to. SCOPO: attin­gere ai fon­di region­ali per la real­iz­zazione di un par­co giochi inclu­si­vo.

Felice di essere sta­ta infor­ma­ta da un tec­ni­co del set­tore inter­es­sato che il prog­et­to è in fase di lavo­razione e che mas­si­mo è sta­to l’impegno per la real­iz­zazione.

Ho impara­to, anche per con­dizioni di dis­abil­ità che mi stan­no vicine quo­tid­i­ana­mente, a gioire delle pic­cole cose e ieri l’ho fat­to, anche se come San Tom­ma­so ’’se non vedo non cre­do’’ e spero di ved­er presto i risul­tati finali.

Michela Sil­via