Carmen Consoli il 28 settembre al Passitaly 2019 di Pantelleria

Carmen Consoli il 28 settembre al Passitaly 2019 di Pantelleria

22/09/2019 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 661 volte!

Ripercorriamo le tappe principali della cantantessa catanese, ripassando le sue hit più famose per prepararci al concerto gratuito che si terrà a Pantelleria, Porto di Scauri, il 28 settembre.

In fondo all’articolo le indicazioni su come recarsi al concerto

Chi è Carmen Consoli?

Car­men Car­la Con­soli (Cata­nia, 4 set­tem­bre 1974) è una can­tautrice, musicista, chi­tar­rista e com­positrice ital­iana.

Sopran­nom­i­na­ta la can­tantes­sa  nel­la sua car­ri­era ha pub­bli­ca­to 8 album in stu­dio (più alcune ver­sioni per il mer­ca­to estero), 3 album dal vivo, 1 com­pi­la­tion, 1 album di colonne sonore, 3 video album (di cui tre come artista prin­ci­pale), 34 sin­goli e numerose col­lab­o­razioni, venden­do com­p­lessi­va­mente cir­ca 2 mil­ioni di dis­chi in Italia, con un dis­co mul­ti­plati­no come mem­bro del grup­po Artisti Uni­ti per l’Abruz­zo, 12 dis­chi di plati­no e tre dis­chi d’oro. Dal 1997 al 2015, ha avu­to 7 album in stu­dio con­sec­u­tivi in top 10 e diver­si pri­mi posti in clas­si­fi­ca.

Ha rice­vu­to una Tar­ga Ten­co (più diverse can­di­da­ture), due pre­mi Lunezia, sette Ital­ian Wind & Music Awards, un Tel­egat­to, un Nas­tro d’ar­gen­to (nel 2001, per il bra­no L’ul­ti­mo bacio, pre­sente nel film omon­i­mo di Gabriele Muc­ci­no) e un’ul­te­ri­ore can­di­datu­ra allo stes­so pre­mio nel 2009, due can­di­da­ture al David di Donatel­lo, due can­di­da­ture agli MTV Europe Music Awards, il pre­mio Amnesty Italia per il bra­no Mio Zio ed è sta­ta insigni­ta nel 2012 con l’onori­f­i­cen­za di Cav­a­liere del­l’Or­dine al Mer­i­to del­la Repub­bli­ca Ital­iana. È sta­ta la pri­ma artista fem­minile ital­iana a cal­care il pal­co del­lo Sta­dio Olimpi­co di Roma e la pri­ma don­na a vin­cere la Tar­ga Ten­co come miglior album. L’al­bum Con­fusa e felice è sta­to inser­i­to nel­la lista dei 100 migliori album ital­iani sec­on­do Rolling Stone, alla posizione 32 (sec­on­da don­na pre­sente in clas­si­fi­ca). L’al­bum Sta­to di Neces­sità è sta­to inser­i­to tra i 10 migliori album ital­iani del decen­nio scor­so (uni­ca don­na solista) dal Cor­riere del­la Sera.

Riscuote un dis­cre­to apprez­za­men­to anche all’es­tero con tre con­cer­ti tut­ti esauri­ti nel­la cit­tà di New York, un’e­si­bizione come diva a Cen­tral Park, diverse tournée nelle mag­giori cap­i­tali d’Eu­ropa e del Nord Amer­i­ca. Nel 2004 è sta­ta la pri­ma artista ital­iana a parte­ci­pare al South By South­west Fes­ti­val ad Austin (Texas) e nel 2005, l’u­ni­ca ital­iana a parte­ci­pare alle cel­e­brazioni del­l’an­niver­sario del­la scom­parsa di Bob Mar­ley, in Etiopia. État de neces­sitéCar­men Con­soli ed Eva con­tro Eva sono gli album pub­bli­cati all’es­tero. Nel 2015 è sta­ta scelta da David Byrne come rap­p­re­sen­tante per l’I­talia al Melt­down Fes­ti­val a Lon­dra. Elvis Costel­lo ha det­to di lei: «Ha più idee orig­i­nali lei in una man­ci­a­ta di pezzi piut­tosto che alcune famose band ingle­si o amer­i­cane in un intero con­cer­to».

Nel quar­to trimestre del 2015 è l’artista ital­iana con il mag­gior numero di ingres­si reg­is­trati in un con­cer­to in Italia (a Cupra­mon­tana, 12.449 per­sone), bat­ten­do anche Madon­na. Nel 2016 diviene la pri­ma don­na ad essere scelta come mae­stro con­cer­ta­tore del­la stor­i­ca Notte del­la Taran­ta.

Ha parte­ci­pa­to al Fes­ti­val di San­re­mo nel 1996 con Amore di plas­ti­ca, nel 1997 con Con­fusa e felice e nel 2000 con In bian­co e nero.

Nata a Cata­nia il 4 set­tem­bre 1974 da padre sicil­iano e madre vene­ta, Car­men Con­soli cresce nel vici­no paese di San Gio­van­ni La Pun­ta. Gra­zie al padre Giuseppe, appas­sion­a­to sia di artisti del­la tradizione ital­iana come Domeni­co Mod­ug­no, sia del­la black music e del blues, si avvic­i­na sin da bam­bi­na alla musi­ca. È pro­prio il padre a moti­var­la nel­la com­po­sizione e nel­l’in­ter­pre­tazione di can­zoni durante gli anni del­la scuo­la. All’età di nove anni, Con­soli inizia inoltre a stu­di­are la chi­tar­ra.

Dai 13 anni si esi­bisce nei club di Cata­nia, suo­nan­do con grup­pi come gli Iris Mon­day, con i quali esegue un reper­to­rio di brani rock ispi­rati agli statu­niten­si R.E.M., e i Moon Dog’s Par­ty, un grup­po di rock blues con la quale esegue prin­ci­pal­mente ver­sioni di artisti come Tina Turn­er, Janis Joplin, Jimi Hen­drix e B.B. King. Nel frat­tem­po, fre­quen­ta l’is­ti­tu­to sco­las­ti­co Poli­va­lente di San Gio­van­ni La Pun­ta, dove con­segue il diplo­ma come per­i­to com­mer­ciale nel­l’ind­i­riz­zo per pro­gram­ma­tori infor­mati­ci.

Abban­do­na­ta l’es­pe­rien­za con i Moon Dog’s par­ty, Car­men si muove ver­so Roma per cer­care di elab­o­rare i suoi pezzi e pre­sen­tar­li alle case discogra­fiche. È così che Car­men arri­va anche alle orec­chie di Michele San­toro, che la invi­ta a un trib­u­to a Mia Mar­ti­ni nel­la trasmis­sione Tem­po Reale su Rai Tre. In quel­l’oc­ca­sione suona L’iso­la del tesoro (diven­ta­ta poi Novem­bre ’99). Car­men inizia a pen­sare al suo pri­mo dis­co e intan­to parte­ci­pa a Bat­tia­to non Bat­tia­to, prog­et­to trib­u­to a Fran­co Bat­tia­to, con una ver­sione del bra­no L’an­i­male.

Nel 1995 decide con il suo pro­dut­tore Francesco Vir­linzi, di pre­sentare a San­re­mo Gio­vani il bra­no Quel­lo che sen­to. Introdot­ta da Pip­po Bau­do, Car­men si esi­bisce a San­re­mo Gio­vani 1995 per ottenere l’ac­ces­so al Fes­ti­val vero e pro­prio. Supera la selezione e com­in­cia il lavoro sul pri­mo album, Due parole, che risul­terà cos­ti­tu­ito da 12 can­zoni dalle sonorità rock. Lo stes­so anno viene lan­ci­a­to il sin­go­lo Ques­ta notte una luc­ci­o­la illu­mi­na la mia fines­tra, ma non ottiene alcun suc­ces­so. Nel 1996, pre­sen­ta a San­re­mo la can­zone aprip­ista del­l’al­bum: Amore di plas­ti­ca, scrit­ta insieme a Mario Venu­ti. Il bra­no ottiene l’ot­ta­vo pos­to e un buon suc­ces­so radio­fon­i­co. Le ven­dite del­l’al­bum però non sono par­ti­co­lar­mente ele­vate: 15.000 copie. Anche il seguente sin­go­lo (il quar­to), Lin­gua a sonagli, non risoll­e­va le sor­ti del dis­co.

Car­men inizia a lavo­rare a un nuo­vo album, men­tre dal pun­to di vista live, apre nel 1997 i con­cer­ti di Raf. Parte­ci­pa al Fes­ti­val di San­re­mo 1997, nel­la cat­e­go­ria “Cam­pi­oni”, can­tan­do Con­fusa e felice, can­zone scrit­ta l’an­no pri­ma dopo esser­si esi­bi­ta su quel pal­co con Amore di plas­ti­ca. Appar­ente­mente la parte­ci­pazione a San­re­mo è un fias­co, il pez­zo non viene apprez­za­to e viene elim­i­na­to. Nonos­tante ciò riscuote un grande suc­ces­so di pub­bli­co, velo­ciz­zan­do l’ul­ti­mazione del­l’omon­i­mo album. Nonos­tante il suc­ces­so del sin­go­lo, nes­sun video musi­cale uffi­ciale è mai sta­to gira­to, né per lo stes­so né per gli altri brani pre­sen­ti nel­l’al­bum.

Le rima­nen­ti trac­ce che com­pon­gono l’al­bum sono reg­is­trate in pre­sa diret­ta. Anche questo album viene prodot­to da Francesco Vir­linzi. Il dis­co, con all’in­ter­no VenereBlunottePer niente stan­ca, debut­ta alla posizione numero 6 nel­la clas­si­fi­ca degli album più ven­du­ti in Italia e rag­giunge oltre 130.000 copie ven­dute dopo ven­tuno set­ti­mane in clas­si­fi­ca, aggiu­di­can­dosi così il dis­co di plati­no. Con­soli riceve anche il Pre­mio ital­iano del­la musi­ca come riv­e­lazione del­l’an­no. Nel 2012 è sta­to inser­i­to nel­la lista dei 100 migliori album ital­iani sec­on­do Rolling Stone e posizion­a­to alla posizione numero 32 (il sec­on­do album di un’artista fem­minile pre­sente in clas­si­fi­ca, dopo Traslo­can­do di Loredana Bertè). Dopo il suc­ces­so del­l’al­bum, Car­men va in giro per l’I­talia con il suo Con­fusa e felice tour, suo sec­on­do giro di con­cer­ti in asso­lu­to.

Nel 1998 can­ta in duet­to con Mario Venu­ti nel bra­no Mai come ieri, che rag­giunge la posizione numero 3 nel­la clas­si­fi­ca dei sin­goli più ven­du­ti in Italia. Parte­ci­pa al bra­no Ophe­lia del­l’omon­i­mo album del­l’am­i­ca e can­tautrice statu­nitense di orig­i­ni sicil­iane Natal­ie Mer­chant, nel cui bra­no pro­nun­cia una frase in ital­iano. Con­soli intan­to si mette al lavoro per il ter­zo album, Medi­a­mente ister­i­ca. Altri dod­i­ci pezzi, in stile più rock, i cui sin­goli saran­no Bésame Giu­daEco di sirenePura­mente casualeAutun­no dol­ci­as­tro. Ma sono pre­sen­ti anche pezzi come GeishaSen­ti­vo l’odoreQuat­tordi­ci luglio. L’al­bum debut­ta alla posizione numero 4 del­la clas­si­fi­ca degli album più ven­du­ti in Italia, ma pur con ottime recen­sioni non ottiene le ven­dite del prece­dente lavoro. Alla fine il dis­co, si aggiu­di­ca il dis­co d’oro per aver oltrepas­sato le 50.000 copie ven­dute, venden­do in totale 80.000 copie. Medi­a­mente Ister­i­ca rimane comunque un mod­er­a­to suc­ces­so che le per­me­tte un’in­ten­sa attiv­ità live e di pro­mozione in TV tra cui la parte­ci­pazione al con­cer­to del Pri­mo Mag­gio (ques­ta sarà la sua terza pre­sen­za). Nel 1999 va in con­cer­to in varie cit­tà ital­iane con il Medi­a­mente Ister­i­ca Tour; parte­ci­pa anche alla pri­ma gior­na­ta del­l’Heineken Jam­min’ Fes­ti­val e alla sec­on­da edi­zione del­l’MTV Day.

Si affac­cia nel 2000 una nuo­va parte­ci­pazione al Fes­ti­val di San­re­mo con In bian­co e nero (preferi­ta all’ul­ti­mo momen­to a Parole di bur­ro) e nasce così Sta­to di neces­sità, quar­to album in stu­dio. Il bra­no pre­sen­ta­to si clas­si­fi­ca al set­ti­mo pos­to tra i cam­pi­oni, men­tre il sin­go­lo del­la can­zone rag­giunge la posizione numero 10 nel­la clas­si­fi­ca dei sin­goli. Sta­to di neces­sità debut­ta così alla posizione numero 9 nel­la clas­si­fi­ca degli album e rimane per 36 set­ti­mane tra le prime 50 posizioni, riceven­do il pri­mo dis­co di plati­no, gra­zie anche al sosteg­no del sec­on­do sin­go­lo, Parole di bur­ro, che ottiene suc­ces­so e arri­va alla posizione numero 4 nel­la clas­si­fi­ca gen­erale dei sin­goli.

Il dis­co avrà l’an­no seguente una ritrova­ta for­tu­na gra­zie a L’ul­ti­mo bacio, film di Gabriele Muc­ci­no che volle come colon­na sono­ra del suo lavoro l’omon­i­ma can­zone di Con­soli, dopo aver­la ascolta­ta da Pao­lo Buon­vi­no. Il video musi­cale del sin­go­lo ver­rà gira­to nel set del film, in una sce­na dove appaiono i per­son­ag­gi inter­pre­tati da Ste­fano Accor­si, Mar­ti­na Stel­la e Gio­van­na Mez­zo­giorno. Car­men appare in una sce­na del lun­gome­trag­gio con un breve cameo. Il bra­no L’ul­ti­mo bacio ha un buon suc­ces­so. Car­men riceve due Ital­ian Music Awards, come miglior artista don­na e miglior video per Parole di bur­ro e anche due P.I.M. nelle stesse cat­e­gorie. A questo si aggiunge il Nas­tro d’ar­gen­to come miglior can­zone orig­i­nale per L’ul­ti­mo bacio e una can­di­datu­ra agli MTV Europe Music Awards come artista ital­iana del­l’an­no. L’al­bum vende 300.000 copie, riceven­do 3 dis­chi di plati­no e diven­tan­do così il mag­gior suc­ces­so discografi­co del­la can­tautrice catanese. Nel 2009 il Cor­riere del­la sera lo indi­ca tra i migliori 10 dis­chi ital­iani del decen­nio, ed è l’u­ni­co album di una don­na solista pre­sente nel­la top 10.

Car­men decide di appro­dare all’es­tero, arri­va così anche l’edi­zione francese del dis­co État de neces­sité, che include due brani in francese e una ver­sione di Serge Gains­bourg real­iz­za­ta con la pro­duzione artis­ti­ca di Hen­ri Sal­vador. Il sin­go­lo pub­bli­ca­to per il mer­ca­to francese è Gamine imper­ti­nente. In segui­to all’es­pe­rien­za francese, Car­men si esi­bisce nei teatri pre­sen­tan­do i suoi brani in ver­sioni più clas­siche, con archi e fiati e un minor impat­to degli stru­men­ti elet­tri­ci. Scrive anche per Pao­la Tur­ci il testo di Salu­to l’in­ver­no, pre­sen­ta­to al Fes­ti­val di San­re­mo del 2001, che si clas­si­fi­ca quin­to tra i 16 cam­pi­oni. Fa segui­to un giro di con­cer­ti con Max Gaz­zè e con la stes­sa Tur­ci.

In estate si esi­bisce in con­cer­to al Teatro Gre­co di Taormi­na, con la parte­ci­pazione del­l’Orches­tra del Teatro Vit­to­rio Emanuele di Messi­na diret­ta da Pao­lo Buon­vi­no; dal­l’even­to ven­gono trat­ti il CD e il DVD e VHS L’an­fiteatro e la bam­bi­na imper­ti­nente, e seguono due repliche, al cen­tro sociale CS Leon­cav­al­lo di Milano e all’Ac­cad­e­mia di San­ta Cecil­ia di Roma. Il CD live, trat­to dal con­cer­to di Taormi­na e con­te­nente 15 dei brani pre­sen­ti nel­la scalet­ta orig­i­nale vende oltre 200.000 copie. Una biografia uffi­ciale del­l’artista, Quel­lo che sen­to – Il mon­do, i pen­sieri, la musi­ca di Car­men Con­soli, viene pub­bli­ca­ta dal­la Giun­ti.

Nel­l’ot­to­bre 2002 esce L’ec­cezione, che esor­disce alla posizione numero 1 nel­la clas­si­fi­ca delle ven­dite e guadagna due dis­chi di plati­no per le oltre 200.000 copie ven­dute, men­tre l’at­tiv­ità con­cer­tis­ti­ca viene este­sa in Europa. Per eseguire i live del nuo­vo prog­et­to musi­cale, Car­men fa real­iz­zare una Fend­er Jaguar rosa con­fet­to, che la accom­pa­g­n­erà da li in poi sui pezzi più rock. Il nuo­vo dis­co si allon­tana anco­ra di più dalle atmos­fere rock, che ven­gono man­tenute in alcu­ni episo­di come in Matilde odi­a­va i gat­ti, ed è influen­za­to sia dal­la musi­ca brasil­iana che dal­la musi­ca elet­tron­i­ca. I sin­goli estrat­ti dal­l’al­bum sono, in ordine: L’ec­cezionePiog­gia d’aprile e Fiori d’aran­cioL’ec­cezione rag­giunge la posizione numero 5 del­la clas­si­fi­ca dei sin­goli ed è tra i più ven­du­ti del 2002, Piog­gia d’aprile viene cer­ti­fi­ca­to dis­co d’oro e Fiori d’aran­cio rag­giunge la posizione numero 1 del­la clas­si­fi­ca radio­fon­i­ca ital­iana.

Il suc­ces­so del­l’al­bum e dei sin­goli, con­sente a Car­men di vin­cere un pre­mio Lunezia e un altro Pre­mio ital­iano del­la musi­ca come artista del­l’an­no e le ven­gono con­fer­i­ti i pre­mi “Civ­i­tano­va Poe­sia” e “Grin­zane Cavour”. Una ver­sione inter­nazionale del­l’al­bum viene pub­bli­ca­ta con il nome Car­men Con­soli, che include una ver­sione rock del bra­no Can’t get you out of my head di Kylie Minogue e in più due can­zoni in inglese, Ain’t that roman­tic e Lord of the oceans, oltre alle traduzioni in inglese di Matilde odi­a­va i gat­ti, Piog­gia d’aprile e Fiori d’aran­cio. Nel 2003 riceve la sua sec­on­da nom­i­na­tion agli MTV Europe Music Awards come “miglior artista ital­iano”. Non molto dopo, diviene la pri­ma artista fem­minile ital­iana ad esi­bir­si sul pal­co del­lo sta­dio olimpi­co di Roma. A novem­bre del­lo stes­so anno esce Un sor­so in più, reg­is­tra­to negli stu­di di MTV il 22 e 23 otto­bre 2003 in occa­sione del­l’an­tepri­ma di L’ec­cezione. Nel 2003 apre l’etichet­ta discografi­ca Due Parole (in segui­to divenu­ta Nar­ciso Records), per meglio gestire la pro­pria pro­duzione.

Nel 2004, scrive assieme a Goran Bre­gov­ić la can­zone prin­ci­pale del­la colon­na sono­ra del film I giorni del­l’ab­ban­dono di Rober­to Faen­za. Otter­rà gra­zie a ques­ta can­zone la can­di­dadu­ra al David di Donatel­lo nel­la cat­e­go­ria miglior can­zone.

A dis­tan­za di quat­tro anni dal prece­dente lavoro, nel mag­gio 2006 pub­bli­ca Eva con­tro Eva che esor­disce alla posizione numero 1 nel­la clas­si­fi­ca degli album più ven­du­ti, a cui segue il giro di con­cer­ti europeo Dal Sime­to al Tami­gi. Le date sono aperte dal grup­po folk sicil­iano, prodot­to dal­la stes­sa Con­soli, i Lau­tari, che inter­ven­gono anche nel bra­no Ciuri di cam­po, da loro com­pos­to su una poe­sia di Pep­pino Impas­ta­to.

Abban­do­nati momen­tanea­mente i suoni rock, il dis­co abbrac­cia suoni acus­ti­ci e popo­lari, gra­zie all’u­ti­liz­zo di stru­men­ti pro­pri del­la musi­ca etni­ca, folk e world. Sin­go­lo di aper­tu­ra è la can­zone Sign­or Ten­ten­na col quale parte­ci­pa al Fes­ti­val­bar. 

Nel feb­braio 2007 esce il film Sat­urno Con­tro di Fer­zan Özpetek, la cui colon­na sono­ra include la ver­sione di Je suis venue te dire que je m’en vais di Serge Gains­bourg già inseri­ta nel­l’al­bum État de neces­sité. Nel 2008 con­duce il tour L’anel­lo man­cante con un reper­to­rio solis­ti­co; si pre­sen­ta davan­ti al pub­bli­co solo con la chi­tar­ra, l’anel­lo man­cante è il suo gruppo.Duetta con Fran­co Bat­tia­to nel bra­no Tut­to l’u­ni­ver­so obbe­disce all’amore, ined­i­to dal­l’al­bum Fleurs 2, usci­to il 14 novem­bre 2008, arriva­to in clas­si­fi­ca alla posizione numero 5. In pas­sato, Car­men Con­soli ave­va già ripro­pos­to can­zoni di Bat­tia­to, fra cui Straniz­za d’a­muri e L’an­i­male.

Car­men parte­ci­pa al bra­no Domani 21/04.2009, prog­et­to di Mau­ro Pagani e Jovan­ot­ti in aiu­to alla popo­lazione abruzzese col­pi­ta dal ter­re­mo­to. Sem­pre a scopo benefi­co, il 21 giug­no 2009 prende parte al con­cer­to Amiche per l’Abruz­zo allo Sta­dio Giuseppe Meaz­za di Milano.Il 9 otto­bre 2009 inizia la trasmis­sione radio­fon­i­ca del nuo­vo sin­go­lo Non molto lon­tano da qui, pri­mo estrat­to del­l’al­bum di inedi­ti Elet­tra pub­bli­ca­to il 30 otto­bre 2009. Il dis­co esor­disce alla sec­on­da posizione nel­la clas­si­fi­ca dei dis­chi più ven­du­ti. L’al­bum è incen­tra­to su fig­ure fem­minili for­ti, capaci di rea­gire alle situ­azioni che la vita pone loro davan­ti. La sonorità res­ta ori­en­ta­ta ver­so la musi­ca folk ma con accen­ni di musi­ca rock.

Durante il Fes­ti­val di San­re­mo 2010 nel­la Ser­a­ta Leggen­da del 18 feb­braio, ded­i­ca­ta alla sto­ria del­la ker­messe cano­ra, Car­men è invi­ta­ta come super ospite e si esi­bisce in un trib­u­to alla sto­ria del Fes­ti­val, nel­la stes­sa occa­sione si esi­bisce con Man­daci una car­toli­na, sec­on­do sin­go­lo estrat­to da Elet­tra e accen­na un pez­zo a cap­pel­la del bra­no con cui, nel 1996, si esi­bì per la pri­ma vol­ta sul pal­co di San­re­mo, Amore di plas­ti­ca. La can­zone Mio zio vince il Pre­mio Amnesty Italia 2010. Il pre­mio viene riconosci­u­to per il dif­fi­cile tema del­la can­zone: la vio­len­za per­pe­tra­ta da uno zio ai dan­ni di una bam­bi­na. Subito dopo la can­zone vince anche la set­ti­ma edi­zione del con­cor­so-web Ital­ian Music Fes­ti­val. Inoltre, per la can­zone Mio zio viene elet­ta ambas­ci­atrice dal­la onlus Tele­fono Rosa. Il 28 set­tem­bre 2010 viene annun­ci­a­to che Elet­tra vince la Tar­ga Ten­co 2010 nel­la cat­e­go­ria miglior album del­l’an­no. È la pri­ma vol­ta che una don­na vince la tar­ga Ten­co in ques­ta cat­e­go­ria.

Il 22 otto­bre 2010 entra in rotazione radio­fon­i­ca il suo nuo­vo sin­go­lo, Guar­da l’al­ba, frut­to di una col­lab­o­razione col can­tau­tore Tiziano Fer­ro, che antic­i­pa la pri­ma rac­col­ta del­la can­tante catanese, Per niente stan­ca, in ven­di­ta dal 16 novem­bre. L’al­bum debut­ta alla posizione numero 6 del­la clas­si­fi­ca FIMI. Viene real­iz­za­to anche un video­clip di Guar­da l’al­ba gira­to sul­la Cir­c­umet­nea alla stazione di Bronte, in provin­cia di Cata­nia. Al video prende parte anche la madre di Car­men, che com­pare in una delle ultime scene, rap­p­re­sen­tan­do la can­tante stes­sa proi­et­ta­ta in là con gli anni.

Altro ined­i­to del­l’al­bum è AAA Cer­casi, can­zone con testo di Car­men e musi­ca di Mau­ro Lusi­ni. Pub­bli­ca­to nel cor­so del­lo scan­da­lo Ruby, riguardante il Pres­i­dente del Con­siglio Sil­vio Berlus­coni, la can­zone è sta­ta ispi­ra­ta da un fat­to di cronaca diver­so, anche se l’artista ha dichiara­to che poi “il sen­so si è este­so auto­mati­ca­mente” alla vicen­da di Berlus­coni. La rac­co­la con­tiene 40 brani in 2 CD, oltre ai due inedi­ti Guar­da l’al­ba e AAA Cer­casi. Vi sono tut­ti i sin­goli del­la car­ri­era di Car­men, con l’ag­giun­ta di una ver­sione parzial­mente mod­i­fi­ca­ta di Tut­to l’u­ni­ver­so obbe­disce all’amore in duet­to con Fran­co Bat­tia­to e di una nuo­va ver­sione di Anna Mag­nani, can­zone con musi­ca di Car­men e testo di Vin­cen­zo Cera­mi can­ta­ta nel­la sua ver­sione orig­i­nale da Adri­ano Celen­tano.

Il 18 feb­braio 2011, in occa­sione del­la 61ª edi­zione del Fes­ti­val di San­re­mo, tor­na a cal­care il pal­co del­l’Aris­ton, esi­ben­dosi nel­la ser­a­ta ded­i­ca­ta ai duet­ti insieme ai con­cor­ren­ti Luca Mado­nia e Fran­co Bat­tia­to nel bra­no da questi ulti­mi pre­sen­ta­to alla gara cano­ra, L’alieno.

Il 15 novem­bre 2011 AAA Cer­casi vince il Pre­mio Video­clip Ital­iano 2011 nel­la cat­e­go­ria artista don­na. Nel 2012 scrive il testo del­la can­zone di Nina Zil­li Un’al­tra estate, con­tenu­ta nel­l’al­bum L’amore è fem­mi­na di quest’ul­ti­ma. Nel novem­bre 2012 riceve il riconosci­men­to di Cav­a­liere del­l’or­dine al mer­i­to del­la Repub­bli­ca ital­iana, che le era sta­to asseg­na­to il 2 giug­no 2011.

Dopo Per niente stan­ca l’at­tiv­ità musi­cale di Car­men vive un peri­o­do di pausa. Nel luglio 2013 nasce suo figlio Car­lo Giuseppe, ricor­ren­do all’in­sem­i­nazione arti­fi­ciale.

L’ot­ta­vo album del­la sua car­ri­era, inti­to­la­to L’abi­tu­dine di tornare, viene pub­bli­ca­to il 20 gen­naio 2015 su etichet­ta Uni­ver­sal Music. Il sin­go­lo di lan­cio è L’abi­tu­dine di tornare, pub­bli­ca­to nei negozi dig­i­tali e in radio il 28 novem­bre 2014. Il nuo­vo lavoro si carat­ter­iz­za per uno stile pop con alcu­ni episo­di rock, tenen­dosi più dis­tante dal­l’u­ti­liz­zo di stru­men­ti folk tipi­co dei prece­den­ti dis­chi. I temi rac­con­tati van­no dal­l’amore tra due donne rac­con­ta­to in Otto­bre, all’ar­ri­vo dei migranti sulle coste ital­iane con La notte più lun­ga, per arrivare a par­lare di mafia in Eserci­to silente. Il tema del­lo stalk­ing e del­la vio­len­za di genere rac­con­ta­to nel­la can­zone La sig­no­ra del quin­to piano. La can­zone E forse un giorno descrive invece una famiglia nel­la soci­età ital­iana. L’al­bum si chi­ude con Ques­ta pic­co­la magia, descrizione del­la felic­ità data dal­la mater­nità. L’abi­tu­dine di tornare diven­ta dis­co d’oro superan­do le 25.000 copie ven­dute.

In occa­sione del sec­on­do anniver­sario del­la Con­ven­zione di Istan­bul, Car­men Con­soli col­lab­o­ra insieme a Emma Mar­rone, Gian­na Nan­ni­ni, Elisa, Irene Gran­di e Nada alla reg­is­trazione di una ver­sione alter­na­ti­va del bra­no La sig­no­ra del quin­to piano, in col­lab­o­razione con Tele­fono Rosa, i cui proven­ti delle ven­dite sono devo­lu­ti all’as­so­ci­azione no-prof­it. Il 21 agos­to 2015 si esi­bisce al Melt­down Fes­ti­val come uni­ca rap­p­re­sen­tante ital­iana, scelta dal diret­tore artis­ti­co David Byrne. Nel quar­to trimestre del 2015 è l’artista ital­iana con il mag­gior numero di ingres­si reg­is­trati in un con­cer­to in Italia, 12.449 per­sone, sec­on­da ai Foo Fight­ers.

La notte degli atten­tati del 13 novem­bre 2015 a Pari­gi, Car­men Con­soli si trova­va nel­la sua casa nelle vic­i­nanze del­la strut­tura mag­gior­mente pre­sa di mira dai ter­ror­isti, il Bat­a­clan, fat­to che la spinge a riman­dare il tour europeo inver­nale.

Il 12 feb­braio 2016, il can­tau­tore sicil­iano Gio­van­ni Cac­camo, pub­bli­ca il suo sec­on­do album dal tito­lo Non Siamo Soli che con­tiene un bra­no, Res­ta con me, inter­pre­ta­to con Car­men. In un’in­ter­vista del mar­zo 2016, Elvis Costel­lo dice di lei: «ha più idee orig­i­nali lei in una man­ci­a­ta di pezzi piut­tosto che alcune cel­e­brate band ingle­si o amer­i­cane in un intero con­cer­to».

Nel­l’es­tate del 2016 diviene la pri­ma don­na ad essere scelta come mae­stro con­cer­ta­tore del fes­ti­val di musi­ca popo­lare salenti­na “la notte del­la Taran­ta”, al quale pren­dono parte Fiorel­la Man­noia, Nada, Tosca, Bui­ka e Lisa Fis­ch­er. Per l’oc­ca­sione riceve il sig­illo del­l’U­ni­ver­sità del salen­to. In segui­to al ter­re­mo­to del Cen­tro Italia del 2016, il cachet dei parte­ci­pan­ti viene devo­lu­to in benef­i­cen­za.

Il 13 gen­naio 2017 viene pub­bli­ca­to un duet­to nel­l’al­bum Il mestiere del­la vita di Tiziano Fer­ro dal tito­lo Il con­for­to, con il quale, i due si esi­bis­cono come ospi­ti al Fes­ti­val di San­re­mo 2017. A par­tire dal 2019, il bra­no ha rice­vu­to tre dis­chi di plati­no, venden­do oltre 150.000 copie.

Nel­la pri­mav­era del 2017 parte da Bolzano il tour teatrale Eco di sirene, in cui si pre­sen­tano i mag­giori suc­ces­si del­la can­tante. Le tappe ripren­dono in un tour esti­vo che inizia a Cata­nia l’8 giug­no e si con­clude a Tin­dari (ME) il 9 agos­to 2017.

Il 27 agos­to 2017 a Cardi­to (tra Ama­trice e Cam­po­to­sto) si esi­bisce nel­lo spet­ta­co­lo “Ama­trice nel cuore” (direzione artis­ti­ca di Luca Bar­barossa) insieme a Irene Gran­di, Tosca, Gian­ni Moran­di e Man­nar­i­no.

Il 3 aprile 2018 esce su Spo­ti­fy e il 6 aprile anche in radio l’ined­i­to Uomi­ni topo, sin­go­lo di lan­cio del suo ter­zo album dal vivo Eco di sirene. La can­zone “rac­con­ta la man­can­za di empa­tia tra le per­sone e di come sia diven­ta­ta dif­fi­cile la con­viven­za e la toller­an­za tra gli esseri viven­ti”, e per questo viene defini­ta dal­la stes­sa can­tante “spi­az­zante” e “provo­ca­to­ria”.

Il 13 aprile 2018 viene pub­bli­ca­to l’al­bum live Eco di sirene, una com­pi­la­tion di alcu­ni tra i brani di mag­giore suc­ces­so del­la can­tante, por­tati da lei in tournée nel­l’Eco di sirene Tour, nuo­va­mente orches­trati e arran­giati con chi­tar­ra acus­ti­ca, vio­li­no e vio­lon­cel­lo. Oltre a Uomi­ni topo, la rac­col­ta con­tiene anche un sec­on­do ined­i­to, Tano, che riprende il filone folk in dialet­to sicil­iano del­la can­tautrice e nar­ra dei sen­ti­men­ti di una don­na oppres­sa dal mar­i­to, il quale la tradisce con il pretesto di andare a cac­cia.

Parte­ci­pa all’edi­zione 2018 del Con­cer­to del Pri­mo Mag­gio a Roma, in cui can­ta Amore di plas­ti­caIn bian­co e neroTano e ‘A fines­tra. Il 1º giug­no orga­niz­za in Piaz­za del Duo­mo a Cata­nia Car­men Con­soli & Friends, una ser­a­ta di benef­i­cen­za in cui can­ta accom­pa­g­na­ta da Band­abardò, Samuele Bersani, Elisa, Max Gaz­zè, Mari­na Rei, Daniele Sil­vestri e Mario Venu­ti. Durante il con­cer­to viene let­to anche un testo scrit­to dal­la reg­ista teatrale sicil­iana Emma Dante.

Il 29 giug­no 2018 esce il bra­no del­la Band­abardò Se mi rilas­so col­las­so, in cui è pre­sente anche la voce di Car­men Con­soli, men­tre il 23 novem­bre esce il nuo­vo album di Cristi­na D’Ave­na, Duets For­ev­er — Tut­ti can­tano Cristi­na, dove è una dei sedi­ci artisti a duettare con la regi­na delle sigle nel bra­no Sailor Moon e il cristal­lo del cuore.

Il 26 mar­zo 2019 Car­men Con­soli annun­cia tramite i pro­pri social una tournée esti­va, il Sum­mer Tour 2019, che vedrà la can­tante “sui palchi di alcu­ni dei fes­ti­val più sug­ges­tivi d’I­talia” e avrà come pri­ma tap­pa il 21 giug­no 2019 il Par­co Tit­toni di Desio, in provin­cia di Mon­za e del­la Bri­an­za. Ad accom­pa­g­narla saran­no Mas­si­mo Roc­caforte alla chi­tar­ra, Luciana Luc­ci­ni al bas­so e Anto­nio Mar­ra alla bat­te­ria.

A dis­tan­za di otto anni dal­l’ul­ti­ma sua parte­ci­pazione, il 22 aprile 2019 si esi­bisce al Con­cer­to per la Ter­ra a Roma in occa­sione del­l’Earth Day con accom­pa­g­na­men­ti rock, antic­i­pan­do così il tour esti­vo. Il 28 giug­no 2019 esce il sin­go­lo Lo stret­to nec­es­sario fir­ma­to da Lev­ante e can­ta­to insieme.

 

Fonte: Wikipedia


IL SITO UFFICIALE DI CARMEN CONSOLI



Porto di Scauri, Pantelleria — Come arrivare

I concerti del Passitaly sono gratuiti e si terranno tutti al Porto di Scauri, a Pantelleria, a partire dalle 21.30

scauri aeroporto grandi gazzè consoli

Come arrivare in auto dal­l’aero­por­to di Pan­tel­le­ria al Por­to di Scau­ri dove si tiene il con­cer­to — clic­ca per ingrandire

scauri pantelleria grandi gazzè consoli

Come arrivare in auto da Pan­tel­le­ria al Por­to di Scau­ri dove si ten­gono i con­cer­ti — clic­ca per ingrandire