Successo per il Corso di Apnea. Gutterez: divertirsi in sicurezza

Successo per il Corso di Apnea. Gutterez: divertirsi in sicurezza

06/09/2019 0 Di Francesca Marrucci

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 277 volte!

Intervista all’Assessore allo Sport del Comune di Pantelleria, Antonio Gutterez, sul Corso di Apnea tenutosi sull’isola i primi di agosto: “Insegniamo ai nostri ragazzi a divertirsi in sicurezza”

di Francesca Mar­ruc­ci

Abbi­amo incon­tra­to l’Asses­sore allo Sport di Pan­tel­le­ria, Anto­nio Gut­terez, a dis­tan­za di un paio di mesi dal­l’an­nun­cio del nutri­to pro­gram­ma di even­ti sportivi per l’es­tate 2019 a Pan­tel­le­ria.

Oltre al Tor­neo di ten­nis e alle attiv­ità di bas­ket e cal­cet­to per adul­ti e ragazzi, di par­ti­co­lare impor­tan­za è sta­to il Cor­so di Apnea, tenu­tosi dal 3 al 7 agos­to sul­l’iso­la, gra­zie alla col­lab­o­razione del­la Lega Navale di Marsala, del­l’Istrut­tore del­l’Ap­nea Acad­e­my, Pietro Anto­nio Cud­ia, e al Patrocinio del Comune.

Assessore, perché è tanto importante un Corso di Apnea a Pantelleria?

Quest’an­no abbi­amo ritenu­to oppor­tuno fare il pri­mo cor­so di apnea con istrut­tori qual­i­fi­cati. Pan­tel­le­ria è un con­testo molto del­i­ca­to riguar­do all’ap­nea, uno sport molto prat­i­ca­to, ma anche molto tec­ni­co e molto peri­coloso. È uno sport in cui è dif­fi­cile trovare ‘vie di fuga’ nel momen­to in cui ti accor­gi che qual­cosa sta andan­do stor­to. Ed essendo uno sport molto prat­i­ca­to dai nos­tri gio­vani, alcu­ni dei quali negli anni sono mor­ti, quest’in­ver­no ho deciso di con­tattare un istrut­tore di Marsala per fare un pri­mo cor­so con l’aiu­to del­la LNI di Marsala. Il Comune ha con­ces­so un con­trib­u­to ed il Patrocinio.

Il corso ha avuto aderenti?

Sì, all’inizio l’ab­bi­amo pen­sato per i ragazzi, ma poi è venu­ta anche una sig­no­ra di 67 anni e altri adul­ti, in totale ci sono sta­ti 7 iscrit­ti. Una buona parten­za. Bilan­cio pos­i­ti­vo da ripetere. Tut­to sta ad iniziare, per­ché cose del genere a Pan­tel­le­ria non si era­no mai fat­te. Inseg­ni­amo ai nos­tri ragazzi a diver­tir­si in sicurez­za.

Avevamo già accennato al fatto che questo corso era stato intitolato ad un ragazzo perito proprio durante un’apnea…

Arman­do Dal Zot­to, ai più noto per il dis­trib­u­tore di ben­z­i­na, diver­si anni fa ha per­so il figlio dici­as­set­tenne che si era immer­so per recu­per­are un’an­corot­to di 5 kg di pochi euro pro­prio davan­ti casa. Una trage­dia che però ha por­ta­to Arman­do ad aderire al prog­et­to e non solo ha iscrit­to il figlio al cor­so, ma ha acquis­ta­to l’at­trez­zatu­ra per due ragazzi che han­no fre­quen­ta­to il cor­so su indi­cazione del Comune.

Cosa si è insegnato durante il corso?

In molti prat­i­cano l’ap­nea, ma prati­car­la in maniera incon­sapev­ole è un po’ peri­coloso. Non è come con le bom­bole che quan­do ti immer­gi hai l’aria a dis­po­sizione e hai tem­po per ragionare. In apnea, quan­do finisce l’aria e sei là sot­to è un serio prob­le­ma. Quin­di han­no inseg­na­to tec­niche di rilas­sa­men­to, tec­niche per pro­l­un­gare il peri­o­do di apnea, tec­niche per scen­dere e risalire, regole di sicurez­za, come l’an­dare sem­pre in due per aiu­tar­si… infor­mazioni basi­lari che non tut­ti san­no, ma che sono fon­da­men­tali.

Quindi si rifarà anche il prossimo anno?

Asso­lu­ta­mente sì e prob­a­bil­mente in estate, quan­do c’è a dis­po­sizione anche la pisci­na, anche per­ché in molti han­no dimostra­to inter­esse dopo che il cor­so era fini­to per­ché non l’han­no saputo per tem­po. C’è anche da dire che bisogna ringraziare Sonia Errera de La Ter­raz­za sul Mare a Bue Mari­no, che ha mes­so a dis­po­sizione la pisci­na del resort gra­tuita­mente per i pri­mi eser­cizi in vas­ca. Il prossi­mo anno, inoltre, vor­rei aggiun­gere al Cor­so di Apnea anche quel­lo di Pesca Sporti­va. Spes­so gli inci­den­ti in apnea nascono da errori di val­u­tazione fat­ti in fase di pesca e quin­di noi dob­bi­amo innanzi tut­to pre­venire gli inci­den­ti ed inseg­nare le tec­niche giuste ai ragazzi per ottenere i migliori risul­tati in sicurez­za dal peri­o­do pas­sato in apnea.