Riflessioni sul futuro del paesaggio rurale di Pantelleria

Riflessioni sul futuro del paesaggio rurale di Pantelleria

14/07/2019 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 96 volte!

Una mostra che prova ad immaginare il futuro del paesaggio rurale di Pantelleria al Castello per tutto agosto

Dal­la prossi­ma set­ti­mana, e per tut­to il mese di Agos­to, una stan­za del Castel­lo si trasformerà in spazio di appro­fondi­men­to e rif­les­sione sul futuro del pae­sag­gio rurale di Pan­tel­le­ria. Due alles­ti­men­ti accom­pa­g­n­er­an­no il vis­i­ta­tore lun­go il pro­prio per­cor­so: “Rur­al land­scape: uncon­ven­tion­al pub­lic space” e “Pan­tel­le­ria Pae­sag­gio rurale stori­co”.

Il pri­mo è for­ma­to da 37 pic­coli pan­nel­li che ricor­dano — per immag­i­ni, testi e prog­et­ti — il val­ore iden­ti­tario, cul­tur­ale, eco­nom­i­co e ambi­en­tale del pae­sag­gio rurale nel­la vita quo­tid­i­ana di tut­ti noi. L’installazione ha pre­so parte alla Bien­nale del­lo Spazio Pub­bli­co 2019 a Roma.

Sul lato destro del­la sala, invece, si può con­sultare la ricer­ca che ha reso pos­si­bile l’iscrizione di una porzione di ter­ri­to­rio pan­tesco al Reg­istro Nazionale dei Pae­sag­gi rurali Stori­ci del MiPAAFT.

Pan­tel­le­ria Pae­sag­gio rurale Stori­co” espone il dossier di can­di­datu­ra pre­sen­ta­to al Min­is­tero dell’Agricoltura l’11 gen­naio 2018, divi­so per ambiti tem­ati­ci (pae­sag­gio, sto­ria, econo­mia, percezione sociale, val­u­tazione ter­ri­to­ri­ale dell’abbandono, etc.) e lo rende disponi­bile a tut­ti col­oro che vogliano appro­fondire la conoscen­za del ter­ri­to­rio e ne vogliano com­pren­dere lo sta­to effet­ti­vo di salute.

Entram­bi gli alles­ti­men­ti sono a cura di Gior­gia De Pasquale, architet­to e ricer­ca­trice pres­so il Dipar­ti­men­to di Architet­tura dell’Università degli Stu­di di Roma Tre.

All’interno del­la stes­sa stan­za sarà allesti­to anche uno spazio per rac­cogliere idee, pro­poste e prog­et­ti per il futuro del pae­sag­gio rurale dell’Isola.