Pantelleria, Mazzonello: ‘La crescita di una comunità dipende dagli spazi che garantiamo ai più giovani’

Pantelleria, Mazzonello: ‘La crescita di una comunità dipende dagli spazi che garantiamo ai più giovani’

27/12/2018 0 Di Redazione

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 398 volte!

L’Assessore Giuseppe Mazzonello, della Giunta Campo di Pantelleria, in questa intervista alla nostra testata, fa il punto della situazione di questi primi mesi di amministrazione.

di Francesca Mar­ruc­ci

Giuseppe Maz­zonel­lo ha alcune delle deleghe più impor­tan­ti del­la Giun­ta Cam­po, come l’edilizia civile e sco­las­ti­ca, l’ur­ban­is­ti­ca, ecc. e su queste lo abbi­amo volu­to inter­vistare.

Nel fare un bilan­cio di questi pri­mi mesi di ammin­is­trazione pan­tesca e delle situ­azioni più attuali, l’asses­sore ha promes­so alla nos­tra tes­ta­ta appro­fondi­men­ti sui temi più del­i­cati, come i rifiu­ti e l’ac­qua, nelle prossime set­ti­mane.

Assessore Mazzonello, cominciamo da un punto che viene poco trattato sull’isola, ma che balza subito agli occhi dei visitatori che vi trascorrono un po’ di tempo: la quantità di immobili abbandonati. Cosa vuole fare l’amministrazione a questo proposito?

Ci tro­vi­amo con edi­fi­ci abban­do­nati anche nel Cen­tro Stori­co per­ché non abbi­amo un Piano Par­ti­co­lareg­gia­to e l’Asses­so­ra­to regionale ci ha sol­lecita­to anche per il Prg. Del resto sti­amo ripren­den­do adesso le fila del­la situ­azione che abbi­amo trova­to. Pan­tel­le­ria in pas­sato è sta­ta com­mis­sari­a­ta pro­prio per la man­ca­ta appli­cazione del Prg. Molti immo­bili rimasti incom­piu­ti sono pri­vati, ma noi sti­amo cer­can­do di agire su quel­li di pro­pri­età comu­nale. Sti­amo preparan­do dei nuovi prog­et­ti per far finanziare alla Regione le opere non con­cluse di com­pe­ten­za comu­nale.

Anche l’argomento edilizia scolastica è diventato subito di interesse preponderante e l’impegno assunto con gli studenti dell’Almanza ha avuto esiti positivi proprio in questi giorni…

Sì, siamo sta­ti i pri­mi ad incon­trare il Grup­po Stu­den­tesco e sul­la ques­tione del nuo­vo isti­tu­to ci siamo impeg­nati con tutte le nos­tre forze e ora final­mente l’iter si è sbloc­ca­to e non può che essere una sod­dis­fazione per noi.

Dove sorgerà il nuovo istituto scolastico?

In local­ità San­ta Chiara. Il prog­et­to è cura­to dal­lo staff edilizia sco­las­ti­ca del Libero Con­sorzio di Tra­pani che ha già avvi­a­to gli espro­pri. La nuo­va strut­tura sarà mod­er­na, esem­pio di effi­cien­ta­men­to ener­geti­co e com­pren­derà anche una palestra.

Quali saranno i tempi di realizzazione?

I lavori saran­no divisi in due lot­ti, pri­ma la scuo­la e poi la palestra. Dopo la gara, che spe­ri­amo di pot­er espletare a mag­gio 2019, ci sarà l’af­fi­da­men­to dei lavori. Se tut­to va come ci aspet­ti­amo e sen­za osta­coli, Pan­tel­le­ria dovrebbe avere la sua nuo­va scuo­la tra il 2020 e il 2021.

Parliamo di un altro tema attuale, quello dei siti a rischio idrogeologico…

Anche ques­ta è una situ­azione che abbi­amo ered­i­ta­to dalle ammin­is­trazioni prece­den­ti che non han­no oper­a­to ver­i­fiche a feb­braio. Ora sti­amo ver­i­f­i­can­do con i sopral­lu­oghi nei siti indi­vid­uati come a ris­chio che, ricor­diamo­lo, sono sta­ti aumen­tati da una venti­na a 268.

Il prob­le­ma è anche che molti di questi siti sono sta­ti indi­cati sen­za un’­ef­fet­ti­va conoscen­za del­lo sta­to dei luoghi. Sono sta­ti indi­vid­uati su una car­ta e, appun­to a feb­braio, l’am­min­is­trazione avrebbe dovu­to comu­ni­care quali effet­ti­va­mente fos­sero a ris­chio.

Adesso, insieme ai geolo­gi ed ai tec­ni­ci del Par­co, pre­sen­ter­e­mo le osser­vazioni non pre­sen­tate a suo tem­po per pot­er chi­ud­ere questo prob­le­ma di cui, ovvi­a­mente, dovrò tenere anche con­to nel­lo stru­men­to urban­is­ti­co.

Tra questi siti c’è anche la strada che porta allo Specchio di Venere, chiusa per frana?

Purtrop­po sì e si trat­ta di una frana che si è ripresen­ta­ta più volte in questi anni. Sono sem­pre state prese mis­ure evi­den­te­mente non dura­ture se oggi ci ritro­vi­amo nelle stesse con­dizioni. A questo pun­to, fino a che la stra­da non sarà mes­sa in sicurez­za seri­amente, io non la riapro, pro­prio per l’in­co­lu­mità dei cit­ta­di­ni e dei tur­isti.

Nel nuo­vo anno, la situ­azione dovrebbe sbloc­car­si gra­zie ad una gara che la Regione dovrebbe fare per avviare i lavori su questo e su altri siti a ris­chio. La scor­sa set­ti­mana ho incon­tra­to il Gov­er­na­tore Musume­ci e gli ho pro­prio fat­to pre­sente l’ur­gen­za del­la stra­da in ques­tione.

Musume­ci ci ha spie­ga­to che in Regione ci sono dei fon­di des­ti­nati ai Comu­ni del tra­panese, ma che in assen­za di prog­et­ti non pos­sono erog­a­r­li. Quin­di, ora ci sti­amo muoven­do per pre­sentare più prog­et­ti pos­si­bili per Pan­tel­le­ria, come ci ha chiesto anche l’Asses­sore Fal­cone.

Infine, parliamo di edilizia scolastica. A parte l’Almanza, ci sono stati vari interventi avviati sulle scuole dell’isola…

Abbi­amo avu­to subito un’at­ten­zione par­ti­co­lare per l’edilizia sco­las­ti­ca, per­ché è sta­ta una delle richi­este che abbi­amo recepi­to di più durante la cam­pagna elet­torale.

Abbi­amo fat­to dei sopral­lu­oghi alla scuo­la media e dopo una riu­nione con l’im­pre­sa che con­duce i lavori e, nonos­tante il pro­l­unga­men­to del­l’iter dei lavori dal 2015 ad oggi, ci siamo accor­ti che bisog­na­va rimet­tere mano alle strut­ture.

Però ci siamo mes­si in moto già da luglio e ora siamo ormai alle rifini­ture con un crono­pro­gram­ma cer­to. Per il prossi­mo anno sco­las­ti­co avre­mo la con­seg­na di 20 aule sco­las­tiche in una scuo­la final­mente a misura anche dei più pic­coli.

Abbi­amo ottenu­to il col­lau­do del­la scuo­la ele­mentare, alla Col­lo­di abbi­amo imper­me­abi­liz­za­to la cop­er­tu­ra e l’aula scodel­la­men­to ver­rà com­ple­ta­ta nei prossi­mi mesi con la col­lo­cazione degli arre­di. È inten­zione del­l’am­min­is­trazione avviare la men­sa come con­corda­to con la direzione sco­las­ti­ca a par­tire dal­l’an­no sco­las­ti­co 2020/21, gius­to i tem­pi tec­ni­ci ammin­is­tra­tivi per pot­er garan­tire il servizio nei ter­mi­ni di legge.

Pen­so che il 2019 porterà una riv­o­luzione a Pan­tel­le­ria nel­l’edilizia sco­las­ti­ca, per­ché la cresci­ta di una comu­nità dipende anche dagli spazi che garan­ti­amo ai più gio­vani.

 

LEGGI ANCHE: Pan­tel­le­ria: con­seg­nati i lavori per la manuten­zione stra­or­di­nar­ia del Cen­tro Risorse dell’Almanza

PANTELLERIA, AL VIA I LAVORI DI RECUPERO ALLA SCUOLA ELEMENTARE DI TRACINO

Pan­tel­le­ria: l’assessore Maz­zonel­lo risponde agli stu­den­ti dell’Almanza